Salute 17 Gennaio 2018 17:23

Emergenza morbillo, Ricciardi (Iss): «Con obbligo vaccinale abbiamo messo in sicurezza i bambini, ora tocca ad adulti»

L’Italia è il quinto Paese per casi di morbillo al mondo, lo rende noto un report dell’OMS. Walter Ricciardi: «Questa è una conseguenza di errori del passato, il futuro deve andare in altra direzione»

Emergenza morbillo, Ricciardi (Iss): «Con obbligo vaccinale abbiamo messo in sicurezza i bambini, ora tocca ad adulti»

«L’obbligo vaccinale ha bisogno di tempo per dimostrare la sua efficacia, la strategia non va modificata piuttosto va rafforzata» questo l’appello di Walter Ricciardi,  Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, all’indomani del report dell’OMS che inserisce l’Italia – con 4.803 casi di morbillo nel 2017 – al quinto posto nella scala dei Paesi più a rischio per numero di contagi. Al primo posto nella classifica l’India (46.716 casi confermati) al secondo Nigeria (8.414 casi) al terzo Cina (5.469), quarto il Pakistan (5.469).

Sempre secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la differenza fra noi e gli altri paesi sta nella percentuale di bambini vaccinati: per esempio in Germania il 97 per cento dei bambini, entro il primo anno di vita, riceve la prima dose di vaccino, contro l’85 per cento dei bambini italiani.

«Noi lo abbiamo sempre detto e siamo stati accusati di fare allarmismo – spiega il Presidente – mentre in realtà vedere questo dato così eclatante è una conseguenza di errori del passato che fortunatamente la Legge Lorenzin sui vaccini ha cercato di avviare a risoluzione».

«La legge ha bisogno di tempo per dimostrare la sua efficacia e proteggerà soprattutto i bambini – prosegue Ricciardi – ma la strategia deve essere ulteriormente rafforzata con politiche vaccinali pensate per le fasce più deboli della popolazione. Abbiamo messo in sicurezza i bambini ora dobbiamo mettere in sicurezza la popolazione. Non mi riferisco solo all’Italia ma a tutta l’Europa e il mondo».

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...