Salute 24 Novembre 2020 08:37

La stanza dove abbracciarsi non è vietato: «Migliora umore e benessere di anziani e disabili»

La struttura è stata realizzata all’interno della Rsa Domenico Sartori, a Castelfranco Veneto. La direttrice: «In pochi giorni è migliorato il tono dell’umore e il benessere di tutti i nostri ospiti, anziani e disabili. L’abbiamo ideata pensando alle incubatrici che proteggono i bambini prematuri senza sottrarli all’affetto dei propri genitori»

di Isabella Faggiano

Si chiama stanza degli abbracci e nel suo nome non c’è nulla di metaforico. Le persone possono realmente stringersi, accarezzarsi e parlarsi a pochi centimetri di distanza. E, soprattutto, possono farlo senza rischiare di contagiarsi l’un l’altro. A separare le persone, infatti, c’è una struttura leggerissima, di vetro e alluminio, dotata di parti flessibili che si adattano al corpo, consentendo l’abbraccio. La sala è stata realizzata a Castelfranco Veneto, all’interno della Rsa Domenico Sartori, una casa di riposo che ospita 310 persone tra anziani e disabili.

L’ISPIRAZIONE

«Per idearla ci siamo ispirati all’incubatrice utilizzata per i bambini prematuri – racconta Elisabetta Barbato, direttrice della Rsa Sartori -. Un luogo capace di proteggere il neonato fragile senza impedirgli di ricevere le carezze dei suoi genitori. Coccole dall’effetto antidolorifico, capaci di ridurre la frequenza cardiaca e migliorare l’ossigenazione del sangue. Immaginando questa incubatrice in tutti i suoi dettagli e le sue funzioni ci siamo chiesti: come potremmo trasformare tutto questo a misura di un anziano o un disabile?». E rispondendo a questo interrogativo è nato il progetto della stanza degli abbracci, che ha visto la luce del mese di novembre di quest’anno.

LA STRUTTURA

«Abbiamo creato una sorta di stanza nella stanza con due ingressi separati: uno per gli ospiti della Rsa ed un’altra per i visitatori – spiega Barbato -. In tutto ci sono 12 postazioni, separate tra loro da una parete in policarbonato. Sono stati installati anche dei microfoni per rendere la comunicazione più agevole e stimolare così non solo il senso del tatto e della vista, ma anche quello dell’udito».
La sala degli abbracci è tutt’altro che una stanza priva di familiarità: gli ospiti possono scegliere anche l’ambientazione in cui riabbracciare i propri cari. «Attraverso un enorme led wall, dotato di una particolare tecnologia immersiva di realtà aumentata, le persone possono calarsi in paesaggi storici o naturalistici, a seconda del contesto che gli dona maggiore serenità e sicurezza».

UN LUOGO PER TUTTI

Accanto alla stanza degli abbracci c’è anche un’area dedicata alle “emozioni degli abbracci”, per tutti coloro che, a causa della patologia di cui soffrono, non possono più comunicare o guardare negli occhi i propri cari, ma hanno ancora la possibilità di percepire le sensazioni che possono derivare da un contatto fisico. «La felicità è stata immediatamente visibile anche sul volto di queste persone affette da declino fisico, cognitivo, cecità, paralisi. Tra tutti gli ospiti è immediatamente migliorato il tono dell’umore».

Anche gli operatori della struttura svolgono più serenamente il proprio lavoro da quando è stata inaugurata la stanza degli abbracci, «non più costretti ad una stretta sorveglianza durante le visite che, pur svolgendosi all’aria aperta, erano sempre potenzialmente a rischio – sottolinea la direttrice del Centro -. È inevitabilmente spontaneo che tra persone care si tenda ad avvicinarsi».

E in questa grande incubatrice nulla è vietato: stringersi, tenersi per mano, accarezzarsi, baciarsi. E così, se è vero che invecchiando si torna ad essere un po’ bambini, nella stanza degli abbracci gli anziani possono finalmente godersi appieno la loro seconda infanzia, anche ai tempi del Covid-19.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale