Mondo 20 Novembre 2020

Il racconto del medico italiano a Bruxelles: «Covid fa meno paura della solitudine, ideato il compagno di coccole»

«Il peggio sembra essere passato. Tra i nuovi contagi, tanti sono asintomatici. Rispetto all’Italia c’è meno allarmismo»

di Federica Bosco
Il racconto del medico italiano a Bruxelles: «Covid fa meno paura della solitudine, ideato il compagno di coccole»

Dopo il picco di fine ottobre che aveva toccato anche 25mila casi giornalieri, i dati dei contagi da Covid in Belgio si sono stabilizzati intorno alle cinquemila unità. «La situazione oggi è tranquilla. Il numero dei contagi si è stabilizzato e la maggior parte di chi risulta positivo è asintomatico. Possiamo tirare finalmente un sospiro di sollievo». Parla così Emanuele, uno dei tanti medici italiani all’estero che vive la seconda fase della battaglia contro il coronavirus sul territorio.

Medico nucleare, da sei anni vive e lavora in Belgio ma, dopo essere stato in prima linea al pronto soccorso di un ospedale a cinquanta chilometri da Bruxelles, ha scelto di dedicarsi al territorio e oggi è medico di medicina generale nella capitale fiamminga. La sensazione che si percepisce parlando con lui è di assoluta tranquillità ed infatti spiega che «da settimane tra i miei pazienti non vedo situazioni gravi e non è un caso – ammette –, infatti oggi la maggior parte di coloro che risultano positivi al Covid viene gestito a casa. Il più grave tra i miei pazienti nell’ultima settimana ha avuto tosse, dolori muscolari e qualche linea di febbre. Sintomi gestibili con il paracetamolo, a cui ho aggiunto un antibiotico a coloro che hanno manifestato qualche difficoltà respiratoria».

Sembrano essere davvero lontani i giorni in cui in Belgio si registrava il più alto tasso di letalità per Covid in Europa, anche più di Regno Unito, Italia e Francia, come ci conferma Emanuele: «Devo dire che quei valori registrati nella prima ondata non si sono ripetuti in autunno. Io ho scelto di stare sul territorio, ma i colleghi che sono ancora in prima linea in pronto soccorso mi dicono che ci sono stati alcuni momenti di sofferenza a fine ottobre, dopodiché le terapie intensive sono tornate ad un flusso normale di pazienti e anche in corsia non c’è una saturazione di posti».

MENO ALLARMISMO

«Non parliamo però di immunità di gregge – tiene a precisare – piuttosto credo che questa seconda ondata sia stata un po’ enfatizzata mentre oggi il Covid ritengo sia meno aggressivo e quindi, almeno qui in Belgio, c’è meno allarmismo rispetto all’Italia». Che il Paese sia meno stressato di altre nazioni europee, tra cui l’Italia, è percepibile anche nelle linee guida del lockdown, meno stringenti e penalizzanti della prima pandemia nonostante sia prevista la chiusura fino al prossimo 13 dicembre. «Nel Paese c’è libera circolazione, anche se ad oggi permane l’impossibilità di consumare i pasti seduti a ristoranti e bar, è ammesso però l’asporto». Le scuole sono aperte. A differenza dell’Italia, il Belgio ha scelto di non penalizzare gli studenti. «Nel momento di maggiore criticità le scuole sono rimaste chiuse due settimane – riprende Emanuele -. La prima come da calendario, la seconda per la pandemia ed è stata adottato la didattica a distanza. Ma dallo scorso lunedì sono rientrati tutti in classe perché le conseguenze di una chiusura prolungata sui ragazzi potrebbe avere effetti devastanti».

COMPAGNO DI COCCOLE PER ALLEVIARE LA SOLITUDINE DA LOCKDOWN

Più del Covid oggi in Belgio si temono gli effetti della solitudine da lockdown, ed allora c’è chi ha pensato ad un compagno di coccole per persone sole, il cosiddetto Knuffelcontact. Ad annunciarlo è stato nei giorni scorsi il primo ministro belga Alexander De Croo che ha spiegato ai media la necessità di evitare i contatti ad eccezione dell’unico membro ammesso in casa, ovvero il compagno di coccole. «Personalmente non ho avuto tra i miei pazienti casi di esaurimento o depressione per l’isolamento prolungato – spiega Emanuele – neppure nella prima fase del lockdown, tale per cui fosse necessario correre ai ripari, eppure nel Paese la novità della seconda pandemia è la figura del compagno di coccole». Tutti possono averlo, e chi vive solo ha diritto alla visita anche di un’altra persona oltre al knuffelcontact, ma non contemporaneamente. Ovviamente tutti rigorosamente con le protezioni del caso e tampone negativo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Report ISS-Ministero: «Cala incidenza ma avanti con drastica riduzione contatti»
Speranza firma nuova ordinanza: area arancione per Calabria, Lombardia e Piemonte, area gialla per Liguria e Sicilia. Rinnovate le misure restrittive per Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche e Toscana
Morti per Covid-19 o con il Covid-19? Come si calcola la mortalità da coronavirus
L’Istituto Superiore di Sanità spiega quali sono i criteri secondo cui vengono classificati i decessi per Covid-19
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
«Ospedali sovraccarichi, non allentare le restrizioni». L’appello di medici e dirigenti sanitari
L’Intersindacale Medica, Sanitaria e Veterinaria prende posizione nel dibattito sulle possibili riaperture, in particolare in prossimità delle festività natalizie
Nutrizione medica e Covid-19: qual è il bisogno dei pazienti oncologici in tempo di pandemia?
Unione Italiana Food fa il punto sulla situazione italiana degli Alimenti a Fini Medici Speciali per i malati oncologici alla luce dell’attuale riduzione dell’accesso in ospedale per timore di contagio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli