Salute 25 Gennaio 2021 07:32

La danza modifica la sostanza grigia. Il neurologo: «Aumenta la plasticità cerebrale e protegge dal decadimento cognitivo»

Per gli anziani benefici associati: Cappa (Sin): «Partecipare alle lezioni di ballo migliorerà la vita sociale, l’apprendimento di qualcosa di nuovo sarà un toccasana per la mente e l’esercizio fisico per il sistema cardiovascolare»

di Isabella Faggiano

La danza può cambiare il cervello: da un lato quello dei ballerini professionisti, dall’altro quello dei principianti che nel ballo possono trovare un vero e proprio elisir di giovinezza. Sulla neuroscienza della danza, nel corso degli ultimi decenni, sono stati pubblicati una serie di studi che ci aiutano a capire meglio perché balliamo e come la danza impegna e cambia il cervello umano.

Guardare danzare attiva il cervello

«Alcuni studi hanno dimostrato che osservando dei ballerini danzare nel nostro cervello si attivano i neuroni a specchio, una classe di neuroni motori che si attiva involontariamente sia quando un individuo esegue un’azione finalizzata, sia quando lo stesso individuo osserva quella medesima azione compiuta da qualcun altro», spiega Stefano Cappa, professore di neurologia allo IUSS di Pavia e presso la Fondazione Mondino, membro della Società Italiana di Neurologia (Sin). Altre ricerche, poi, hanno aggiunto qualcosa in più: «L’attivazione del cervello cambia a seconda che ad osservare siano ballerini esperti o persone che di danza non sanno nulla», sottolinea il docente.

Imparare a danzare modifica il cervello

Ma al di là delle attivazioni temporanee di alcune zone del cervello nel momento in cui si osserva un balletto, gli studi che potrebbero rivoluzionare l’utilizzo della danza con finalità terapeutiche hanno indagato i cambiamenti che possono derivare dall’apprendimento di questa espressione artistica. «Imparare a danzare, così come accade per diverse tipologie di apprendimento, ha un impatto sulla struttura del cervello. Si modifica sia la sostanza grigia, che i fasci di fibre che connettono tra loro le parti corticali del cervello, con un impatto importante sulla plasticità cerebrale», spiega lo specialista. Il ballo, infatti, secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, può migliorare la memoria e prevenire la comparsa di demenza man mano che si invecchia. L’attività aerobica sembra anche contrastare la perdita di volume dell’ippocampo, la parte del cervello che controlla la memoria.

Per l’apprendimento non è mai troppo tardi

Ma c’è un grande interrogativo a cui gli scienziati cercano di trovare una risposta certa: queste modificazioni sono presenti solo nel cervello di coloro che praticano la danza fin da piccoli o possono crearsi anche cominciandone l’apprendimento da adulti o durante la terza età? «Alcuni dati raccolti finora ci inducono a pensare che il danzare o l’imparare a farlo possano avere un effetto protettivo rispetto al declino cognitivo», dice Cappa.
Uno studio condotto su uomini di terza età, pubblicato sempre sul New England Journal of Medicine, ha dimostrato che ballare aiuterebbe a contrastare l’insorgenza dell’Alzheimer, tanto che alcuni soggetti che ne sono affetti avrebbero recuperato alcuni ricordi ballando musiche a loro familiari.

Una catena di benefici

Ovviamente è difficile valutare gli effetti della danza in sé, poiché da questa discendono altri fattori ugualmente utili a contrastare l’invecchiamento del nostro cervello. «Immaginiamo un anziano che decida di iscriversi ad un corso di ballo – spiega il neurologo -. Partecipare alle lezioni avrà un’influenza positiva sulla sua vita sociale, così come l’apprendimento di qualcosa di nuovo sarà un toccasana per la mente e l’esercizio fisico per il sistema cardiovascolare e lo stato di salute in generale». Serviranno ulteriori studi, più ampi, per chiarire se questo effetto positivo è di natura puramente preventiva, perché ci protegge dal decadimento cognitivo, o se può essere utile per rallentare gli effetti di un declino già in corso. E se danzare non è nelle vostre corde, niente paura. «Che sia un cruciverba, un sudoku o una lezione di lingua straniera, l’apprendimento di qualcosa di nuovo farà sempre bene al nostro cervello. Ad una condizione, però – conclude Cappa -, che al dovere si associ sempre il piacere».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quando il viaggio è terapia: guida rapida per aumentare i benefici e gestire gli imprevisti
Aumenta le endorfine e abbassa il cortisolo. Ma le aspettative troppo alte e una mancata predisposizione potrebbero vanificare i vantaggi
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete
Investiti da Regione Veneto un milione e 296 mila euro. Il centro unico nel nord est permette di eseguire su pazienti affetti da diabete di tipo 1 il trapianto di insule pancreatiche in modo da rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...