Salute 25 Gennaio 2021 07:32

La danza modifica la sostanza grigia. Il neurologo: «Aumenta la plasticità cerebrale e protegge dal decadimento cognitivo»

Per gli anziani benefici associati: Cappa (Sin): «Partecipare alle lezioni di ballo migliorerà la vita sociale, l’apprendimento di qualcosa di nuovo sarà un toccasana per la mente e l’esercizio fisico per il sistema cardiovascolare»

di Isabella Faggiano

La danza può cambiare il cervello: da un lato quello dei ballerini professionisti, dall’altro quello dei principianti che nel ballo possono trovare un vero e proprio elisir di giovinezza. Sulla neuroscienza della danza, nel corso degli ultimi decenni, sono stati pubblicati una serie di studi che ci aiutano a capire meglio perché balliamo e come la danza impegna e cambia il cervello umano.

Guardare danzare attiva il cervello

«Alcuni studi hanno dimostrato che osservando dei ballerini danzare nel nostro cervello si attivano i neuroni a specchio, una classe di neuroni motori che si attiva involontariamente sia quando un individuo esegue un’azione finalizzata, sia quando lo stesso individuo osserva quella medesima azione compiuta da qualcun altro», spiega Stefano Cappa, professore di neurologia allo IUSS di Pavia e presso la Fondazione Mondino, membro della Società Italiana di Neurologia (Sin). Altre ricerche, poi, hanno aggiunto qualcosa in più: «L’attivazione del cervello cambia a seconda che ad osservare siano ballerini esperti o persone che di danza non sanno nulla», sottolinea il docente.

Imparare a danzare modifica il cervello

Ma al di là delle attivazioni temporanee di alcune zone del cervello nel momento in cui si osserva un balletto, gli studi che potrebbero rivoluzionare l’utilizzo della danza con finalità terapeutiche hanno indagato i cambiamenti che possono derivare dall’apprendimento di questa espressione artistica. «Imparare a danzare, così come accade per diverse tipologie di apprendimento, ha un impatto sulla struttura del cervello. Si modifica sia la sostanza grigia, che i fasci di fibre che connettono tra loro le parti corticali del cervello, con un impatto importante sulla plasticità cerebrale», spiega lo specialista. Il ballo, infatti, secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, può migliorare la memoria e prevenire la comparsa di demenza man mano che si invecchia. L’attività aerobica sembra anche contrastare la perdita di volume dell’ippocampo, la parte del cervello che controlla la memoria.

Per l’apprendimento non è mai troppo tardi

Ma c’è un grande interrogativo a cui gli scienziati cercano di trovare una risposta certa: queste modificazioni sono presenti solo nel cervello di coloro che praticano la danza fin da piccoli o possono crearsi anche cominciandone l’apprendimento da adulti o durante la terza età? «Alcuni dati raccolti finora ci inducono a pensare che il danzare o l’imparare a farlo possano avere un effetto protettivo rispetto al declino cognitivo», dice Cappa.
Uno studio condotto su uomini di terza età, pubblicato sempre sul New England Journal of Medicine, ha dimostrato che ballare aiuterebbe a contrastare l’insorgenza dell’Alzheimer, tanto che alcuni soggetti che ne sono affetti avrebbero recuperato alcuni ricordi ballando musiche a loro familiari.

Una catena di benefici

Ovviamente è difficile valutare gli effetti della danza in sé, poiché da questa discendono altri fattori ugualmente utili a contrastare l’invecchiamento del nostro cervello. «Immaginiamo un anziano che decida di iscriversi ad un corso di ballo – spiega il neurologo -. Partecipare alle lezioni avrà un’influenza positiva sulla sua vita sociale, così come l’apprendimento di qualcosa di nuovo sarà un toccasana per la mente e l’esercizio fisico per il sistema cardiovascolare e lo stato di salute in generale». Serviranno ulteriori studi, più ampi, per chiarire se questo effetto positivo è di natura puramente preventiva, perché ci protegge dal decadimento cognitivo, o se può essere utile per rallentare gli effetti di un declino già in corso. E se danzare non è nelle vostre corde, niente paura. «Che sia un cruciverba, un sudoku o una lezione di lingua straniera, l’apprendimento di qualcosa di nuovo farà sempre bene al nostro cervello. Ad una condizione, però – conclude Cappa -, che al dovere si associ sempre il piacere».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ictus cerebrale, il cuore gioca un ruolo cruciale. La fibrillazione atriale è tra i principali fattori di rischio
Il cuore gioca un ruolo cruciale nell’insorgenza dell’ictus cerebrale, essendone la fibrillazione atriale una delle principali cause. Ma non tutti sono a conoscenza di questo legame pericoloso e A.L.I.Ce. Italia Odv, in occasione di aprile mese della prevenzione, intende sensibilizzare le persone sull’importanza di non sottovalutare lo stretto rapporto tra cuore e cervello
di V.A.
Alzheimer: regolare i livelli di dopamina riduce i sintomi nelle prime fasi della malattia
Uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, insieme alla Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e condotto su modelli sperimentali, ha confermato che la stimolazione dopaminergica è efficace nel ridurre l’ipereccitabilità dell’ippocampo condizione alla base dell’insorgenza di epilessia e che può contribuire al progressivo danno cognitivo nell'Alzheimer
La neuroscienziata Arianna Di Stadio: “Proteggiamo il cervello con l’alimentazione”
Il nostro cervello può essere protetto dall'invecchiamento grazie all'alimentazione. A spiegarlo è Arianna di Stadio, attualmente docente di Otorinolaringoiatria all’Università di Catania e ricercatore onorario all’UCL Queen Square Neurology di Londra, intervistata da Sanità Informazione
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...