Salute 2 Luglio 2021 13:21

La beffa dei volontari di ReiThera: sperimentazione ferma e niente Green Pass

Tra i 900 volontari il deputato leghista Paolo Tiramani che ha presentato una interrogazione a Speranza: «Ho una capacità anticorpale alta e non posso fare un altro vaccino. Come me molti altri». Sileri a Sanità Informazione: «Inoltrata richiesta al Cts»

La beffa dei volontari di ReiThera: sperimentazione ferma e niente Green Pass

Hanno creduto nella scienza e, non senza rischi, si sono messi a disposizione dei ricercatori nella sperimentazione del vaccino italiano ReiThera. Ora, però, rischiano la clamorosa beffa, perché per i 900 volontari in tutta Italia che hanno creduto in questo progetto le porte del Green Pass sono chiuse. Senza contare che la sperimentazione è ferma alla fase 2 dopo che la Corte dei Conti non ha registrato il decreto della struttura commissariale per la produzione del vaccino.

«Ho fatto il vaccino, sono anche stato malissimo con importanti effetti collaterali: braccio gonfio, febbre alta, malessere per una settimana. Ora ho un numero di anticorpi molto alto. Mi sembra incredibile che a fronte di questi sacrifici non venga concesso il Green Pass», spiega a Sanità Informazione Paolo Tiramani, sindaco di Borgosesia e deputato della Lega che nei giorni scorsi ha presentato un’interrogazione al Ministro Speranza sul tema.

I volontari di ReiThera, come in un grande gioco dell’oca, tornano al punto di partenza: al momento non possono beneficiare della certificazione verde che ha assunto la valenza di EU digital Covid certificate a partire dal 1 luglio e che in Italia può essere utilizzata, tra l’altro, per partecipare a cerimonie, eventi pubblici e per accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture.

In tutto sono circa 900 i volontari (tra cui anche volti noti come lo scrittore Gianrico Carofiglio) che hanno partecipato alla fase 2 della sperimentazione: non tutti hanno gli anticorpi, perché a circa metà di loro è stato somministrato un placebo. Solo il test sierologico può aiutare a capire chi ha avuto ReiThera e chi no. «Io ho un bambino piccolo e non andrò all’estero, però ci sono molti volontari che per andare all’estero dovranno fare il tampone come se non avessero il vaccino. Dopo la mia interrogazione, sulla mia pagina Facebook mi hanno scritto diverse persone da tutta Italia che sono nella mia stessa situazione. Bisogna fare qualcosa» aggiunge il deputato leghista.

Sileri: «Inoltrata richiesta al Cts»

Al Ministero della Salute non sono insensibili al tema. Al lavoro c’è il Sottosegretario Pierpaolo Sileri: il problema, del resto, non riguarda solo i volontari di ReiThera ma anche chi ha avuto vaccini non riconosciuti dall’Ema, come lo Sputnik. «Per il tramite della Direzione generale della prevenzione presso il Ministero della Salute abbiamo inoltrato al Comitato Tecnico Scientifico una richiesta formale su come concedere il Green Pass ai 900 volontari sottoposti alla sperimentazione del vaccino Reithera – spiega Sileri a Sanità Informazione -. Allo stesso modo ho richiesto che venga trovata una soluzione per tutti coloro che hanno ricevuto un vaccino non ancora riconosciuto dall’Agenzia europea dei medicinali o dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Spero che la ricerca su Reithera vada avanti a tutela degli sforzi scientifici e delle risorse umane ed economiche investite».

Ai volontari niente vaccino autorizzato

Purtroppo, i volontari vaccinati con ReiThera non potranno nemmeno avere uno dei vaccini già approvati, almeno fintantoché avranno un alto numero di anticorpi: «Non possiamo fare il vaccino, abbiamo già maturato gli anticorpi. È una doppia beffa perché dobbiamo aspettare un certo numero di mesi, fare dei sierologici costanti e aspettare che gli anticorpi scendano a un livello tale che permetta di fare un altro vaccino. Ad oggi la mia capacità anticorpale è molto alta e quindi penso che prima di fine anno non potrò averlo», conclude Tiramani.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Marche, Liguria, Veneto e Pa Trento in area gialla. Dati ISS, incidenza in forte aumento
Rt generale stabile, mentre sono in aumento gli indici in terapia intensiva e area medica. Dal Ministero due circolari per i vaccinati dodicenni e per i partecipanti alla sperimentazione con vaccino Reithera
Vaccini anti-Covid ai bambini, Rasi: «Per Natale regaliamo ai nostri figli uno “scudo” contro il virus»
Nel corso di formazione professionale Ecm di Consulcesi Club "Come nasce un vaccino. Progettazione, sviluppo, sperimentazione e commercializzazione", Rasi spiega agli operatori sanitari il perché bisogna fidarsi della scienza
Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»
«I bambini rispondono meglio degli adulti ai vaccini, l’approvazione della FDA negli Usa è un segnale preciso»
di Federica Bosco
Malattie rare, il testo unico è legge. Sileri: «Ora al lavoro su decreti attuativi»
Il testo è stato approvato all'unanimità in sede deliberante dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Le reazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi