Salute 8 febbraio 2017

«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti

Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»

«In questi anni l’utilizzo del Web ha profondamente trasformato la vita quotidiana di uomini e donne, intervenendo sul vissuto contemporaneo oltre che sulle sue forme di comunicazione. Anche il parlare di “salute” oggi non è possibile se non nella consapevolezza di quanto Internet stia cambiando antropologicamente il presente di chi è malato e di chi cura». Queste le parole che Walter Gatti mette nero su bianco nel suo libro ‘Sanità e web’ in cui racconta come si è evoluto il rapporto tra medicina e comunicazione nel corso degli anni.

«Internet ha cambiato il modo di essere medico e malato in Italia» spiega il giornalista in esclusiva ai nostri microfoni. «Fino a perlomeno 10-15 anni fa, il rapporto tra medico e paziente, la cosiddetta alleanza terapeutica, era di coppia. Infatti era il medico che indossava le vesti paterne e guidava il paziente a gestire la malattia. Negli anni, da un certo punto di vista, l’informazione di carta stampata, ma anche quella televisiva, ha modificato questa relazione. Poi l’ingresso di internet ha decisamente rivoluzionato le dinamiche consolidate, facendo sì che la relazione a due diventasse una sorta di ‘ménage à trois‘. Infatti oggi il paziente, spesso e volentieri, ha delle armi che non sa bene come utilizzare: le ha scaricate, le ha stampate, le ha prese su siti a volte specializzati a volte non particolarmente affidabili».

In questi mesi si è scatenata una polemica sui vaccini nella quale ha svolto un ruolo di protagonista il web. Informazioni, spesso poco attendibili, in circolazione su siti e social, hanno generato allarmismo. Cosa ne pensa?

«Le informazioni on line circolano, si radicano e diventano richiami per tutti, soprattutto quando rispondono a “bisogni di pancia” e colgono necessità ed echi “scandalistici”. Basta pensare a cosa è successo negli ultimi anni attorno alla vicenda stamina che toccava in modo dolorosissimo la salute, in quel caso la salute dei bambini. Ecco, questo è un esempio per dire che, dal caso stamina al caso vaccini, si verificano situazioni che sviluppano fenomeni ‘contro cultura’, una cultura non più medico-scientifica ma popolare. Segnalerei anche un altro aspetto: se il mondo medico-scientifico, il mondo delle agenzie e delle istituzioni comunicasse meglio, riuscisse a rispondere di più alle domande che il cittadini pone, probabilmente questo sarebbe un antidoto alla circolazione incontrollata delle informazioni online».

Quindi c’è anche una carenza di informazioni da fonti autorevoli che porta le persone a prendere spunto da altre realtà che possono essere a rischio?

«Può essere una carenza o comunque ci deve essere l’approdo a una fase più matura della gestione della comunicazione attraverso i sistemi on line. Quando alcuni anni fa esplose la psicosi dell’influenza suina, il fenomeno provocò degenerazioni che ad oggi viviamo con il caso vaccini. Ecco, in quella fase, quando si diffuse l’allarme suina, le agenzie internazionali non furono assolutamente in grado di comunicare la notizia nel modo corretto».

Per approfondire:

Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)

Articoli correlati
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»
L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...