Salute 8 Febbraio 2017

«Il rapporto medico-paziente ora è un ‘ménage à trois’…» parola di Walter Gatti

Bufale o no, il web va dosato coscientemente e con giudizio. Ecco il monito del giornalista e scrittore Walter Gatti che sottolinea quanto rispetto al passato «sia cambiato il rapporto tra camice bianco e assistito»

«In questi anni l’utilizzo del Web ha profondamente trasformato la vita quotidiana di uomini e donne, intervenendo sul vissuto contemporaneo oltre che sulle sue forme di comunicazione. Anche il parlare di “salute” oggi non è possibile se non nella consapevolezza di quanto Internet stia cambiando antropologicamente il presente di chi è malato e di chi cura». Queste le parole che Walter Gatti mette nero su bianco nel suo libro ‘Sanità e web’ in cui racconta come si è evoluto il rapporto tra medicina e comunicazione nel corso degli anni.

«Internet ha cambiato il modo di essere medico e malato in Italia» spiega il giornalista in esclusiva ai nostri microfoni. «Fino a perlomeno 10-15 anni fa, il rapporto tra medico e paziente, la cosiddetta alleanza terapeutica, era di coppia. Infatti era il medico che indossava le vesti paterne e guidava il paziente a gestire la malattia. Negli anni, da un certo punto di vista, l’informazione di carta stampata, ma anche quella televisiva, ha modificato questa relazione. Poi l’ingresso di internet ha decisamente rivoluzionato le dinamiche consolidate, facendo sì che la relazione a due diventasse una sorta di ‘ménage à trois‘. Infatti oggi il paziente, spesso e volentieri, ha delle armi che non sa bene come utilizzare: le ha scaricate, le ha stampate, le ha prese su siti a volte specializzati a volte non particolarmente affidabili».

In questi mesi si è scatenata una polemica sui vaccini nella quale ha svolto un ruolo di protagonista il web. Informazioni, spesso poco attendibili, in circolazione su siti e social, hanno generato allarmismo. Cosa ne pensa?

«Le informazioni on line circolano, si radicano e diventano richiami per tutti, soprattutto quando rispondono a “bisogni di pancia” e colgono necessità ed echi “scandalistici”. Basta pensare a cosa è successo negli ultimi anni attorno alla vicenda stamina che toccava in modo dolorosissimo la salute, in quel caso la salute dei bambini. Ecco, questo è un esempio per dire che, dal caso stamina al caso vaccini, si verificano situazioni che sviluppano fenomeni ‘contro cultura’, una cultura non più medico-scientifica ma popolare. Segnalerei anche un altro aspetto: se il mondo medico-scientifico, il mondo delle agenzie e delle istituzioni comunicasse meglio, riuscisse a rispondere di più alle domande che il cittadini pone, probabilmente questo sarebbe un antidoto alla circolazione incontrollata delle informazioni online».

Quindi c’è anche una carenza di informazioni da fonti autorevoli che porta le persone a prendere spunto da altre realtà che possono essere a rischio?

«Può essere una carenza o comunque ci deve essere l’approdo a una fase più matura della gestione della comunicazione attraverso i sistemi on line. Quando alcuni anni fa esplose la psicosi dell’influenza suina, il fenomeno provocò degenerazioni che ad oggi viviamo con il caso vaccini. Ecco, in quella fase, quando si diffuse l’allarme suina, le agenzie internazionali non furono assolutamente in grado di comunicare la notizia nel modo corretto».

Per approfondire:

Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)

Articoli correlati
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
Emicrania, studio italiano svela i meccanismi dell’allodinia e vince il “Wolff Award”
La scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...