Salute 22 Giugno 2020 14:53

Intelligenza artificiale vs Covid-19: è lombardo il primo progetto per individuare la polmonite interstiziale

Nato grazie a una community di ricercatori internazionali, coordinati da Neoesperience e testato al Sacco di Milano, a disposizione gratuitamente per molti Paesi. Il presidente Melpignano: «Per la prima volta predice la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica»

di Federica Bosco

Riconoscere il Covid-19 grazie all’intelligenza artificiale. È lombardo il progetto che ha fatto il giro del mondo per diagnosticare la polmonite interstiziale con una radiografia. Non si tratta però di una semplice lastra, ma di una nuova modalità messa a punto da Neoesperience, con il reparto di Diagnostica Non Invasiva Cardiovascolare dell’Ospedale Sacco di Milano

«È nato un progetto che si chiama defeatcovid19, una community a cui hanno partecipato ricercatori provenienti da tutto il mondo – spiega Dario Melpignano, presidente di Neoesperience, unica società italiana tra le sei produttrici di software più innovativi al mondo -. Insieme hanno lavorato gratuitamente nella fase di lockdown per raggiungere un obiettivo molto ambizioso: cioè fare quello che i nostri partner cinesi hanno fatto con tomografie tridimensionali, con semplici lastre».

LEGGI ANCHE COVID-19 E SPINTA DIGITALE, COME SARA’ LA SANITA’ DEL FUTURO?

«Così  – prosegue – ha preso forma un gruppo di sistema che per la prima volta permette di predire la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica dell’infezione da coronavirus, distinguendo e discriminando quelle che sono le polmoniti di natura batterica. Questo sistema si è diffuso grazie all’abilità dei nostri partner e alla politica adottata dalla community, di offrire gratuitamente il servizio».

«Si tratta di un sistema open source – fa presente Melpignano – i data set, ovvero le radiografie sono rese disponibili anonimizzate. Questo modo di migliorare la diagnosi del Covid, e potenzialmente in futuro anche di altre patologie polmonari e cardiache, è diventato diffusissimo in tutto il mondo. Grazie alla sua gratuità e al fatto di avere esplorato per primo questo ambito importante come si è configurato poi nei mesi successivi. Dalla collaborazione con il Sacco e poi con il Policlinico e con altri ospedali, abbiamo allargato all’Europa».

LEGGI ANCHE AI-SCORE, DAL SAN RAFFAELE ARRIVA IL PROGETTO DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER PREVEDERE LE FORME PIU’ GRAVI DI COVID-19

«Abbiamo iniziato a collaborare con il Politecnico di Milano, il dipartimento di tecnologia e design per l’Health care, e un consorzio europeo che si chiama Nestore e che ha coinvolto 16 partner in otto paesi, oltre l’Italia, il Belgio, l’Olanda, la Spagna, la Romania, la Svizzera e il Regno Unito. Il risultato è stato una grande diffusione di questo nuovo modo di complementare la diagnosi da cui sono state avviate tutta una serie di altre iniziative che stiamo portando avanti con l’azienda. Per fare in modo che nei prossimi anni in Europa e nel mondo si possa migliorare la capacità di diagnosticare malattie attraverso lastre radiografiche, ma anche esami con ecografi, per ottenere una performance migliore con costi contenuti rispetto a quelli che abbiamo affrontato fin qui come sistema Paese e come Europa. Nella nostra idea di futuro immaginiamo una realtà in cui tecnologia e medicina lavorano in sinergia, per fornire strumenti potenti, e al contempo economici e facili da usare, di supporto alla diagnosi clinica», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Estensione Green Pass, depressione, fine vita e commissione d’inchiesta su origine Sars-CoV-2 nella settimana in Parlamento
Attesa per l’esame in commissione Affari costituzionali del Senato del decreto legge che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro. A Montecitorio in discussione due mozioni: una per la cura delle cerebrolesioni e una per potenziare gli strumenti per la diagnosi e la cura della depressione
di Francesco Torre
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?