Salute 22 Giugno 2020

Intelligenza artificiale vs Covid-19: è lombardo il primo progetto per individuare la polmonite interstiziale

Nato grazie a una community di ricercatori internazionali, coordinati da Neoesperience e testato al Sacco di Milano, a disposizione gratuitamente per molti Paesi. Il presidente Melpignano: «Per la prima volta predice la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica»

di Federica Bosco

Riconoscere il Covid-19 grazie all’intelligenza artificiale. È lombardo il progetto che ha fatto il giro del mondo per diagnosticare la polmonite interstiziale con una radiografia. Non si tratta però di una semplice lastra, ma di una nuova modalità messa a punto da Neoesperience, con il reparto di Diagnostica Non Invasiva Cardiovascolare dell’Ospedale Sacco di Milano

«È nato un progetto che si chiama defeatcovid19, una community a cui hanno partecipato ricercatori provenienti da tutto il mondo – spiega Dario Melpignano, presidente di Neoesperience, unica società italiana tra le sei produttrici di software più innovativi al mondo -. Insieme hanno lavorato gratuitamente nella fase di lockdown per raggiungere un obiettivo molto ambizioso: cioè fare quello che i nostri partner cinesi hanno fatto con tomografie tridimensionali, con semplici lastre».

LEGGI ANCHE COVID-19 E SPINTA DIGITALE, COME SARA’ LA SANITA’ DEL FUTURO?

«Così  – prosegue – ha preso forma un gruppo di sistema che per la prima volta permette di predire la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica dell’infezione da coronavirus, distinguendo e discriminando quelle che sono le polmoniti di natura batterica. Questo sistema si è diffuso grazie all’abilità dei nostri partner e alla politica adottata dalla community, di offrire gratuitamente il servizio».

«Si tratta di un sistema open source – fa presente Melpignano – i data set, ovvero le radiografie sono rese disponibili anonimizzate. Questo modo di migliorare la diagnosi del Covid, e potenzialmente in futuro anche di altre patologie polmonari e cardiache, è diventato diffusissimo in tutto il mondo. Grazie alla sua gratuità e al fatto di avere esplorato per primo questo ambito importante come si è configurato poi nei mesi successivi. Dalla collaborazione con il Sacco e poi con il Policlinico e con altri ospedali, abbiamo allargato all’Europa».

LEGGI ANCHE AI-SCORE, DAL SAN RAFFAELE ARRIVA IL PROGETTO DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER PREVEDERE LE FORME PIU’ GRAVI DI COVID-19

«Abbiamo iniziato a collaborare con il Politecnico di Milano, il dipartimento di tecnologia e design per l’Health care, e un consorzio europeo che si chiama Nestore e che ha coinvolto 16 partner in otto paesi, oltre l’Italia, il Belgio, l’Olanda, la Spagna, la Romania, la Svizzera e il Regno Unito. Il risultato è stato una grande diffusione di questo nuovo modo di complementare la diagnosi da cui sono state avviate tutta una serie di altre iniziative che stiamo portando avanti con l’azienda. Per fare in modo che nei prossimi anni in Europa e nel mondo si possa migliorare la capacità di diagnosticare malattie attraverso lastre radiografiche, ma anche esami con ecografi, per ottenere una performance migliore con costi contenuti rispetto a quelli che abbiamo affrontato fin qui come sistema Paese e come Europa. Nella nostra idea di futuro immaginiamo una realtà in cui tecnologia e medicina lavorano in sinergia, per fornire strumenti potenti, e al contempo economici e facili da usare, di supporto alla diagnosi clinica», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»
Il consigliere del ministero della Salute per l'emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»
di Tommaso Caldarelli
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
Cos’è la terapia EMDR e perché può aiutare il personale sanitario a combattere lo stress post-Covid
Fernandez (Associazione EMDR): «Sono sufficienti poche sedute per aiutare ad elaborare l’impatto emotivo di alcune situazioni stressanti o traumatiche. L’EMDR non cancellerà i ricordi, ma eliminerà le sensazioni negative ad essi associate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)