Salute 22 Giugno 2020

Intelligenza artificiale vs Covid-19: è lombardo il primo progetto per individuare la polmonite interstiziale

Nato grazie a una community di ricercatori internazionali, coordinati da Neoesperience e testato al Sacco di Milano, a disposizione gratuitamente per molti Paesi. Il presidente Melpignano: «Per la prima volta predice la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica»

di Federica Bosco

Riconoscere il Covid-19 grazie all’intelligenza artificiale. È lombardo il progetto che ha fatto il giro del mondo per diagnosticare la polmonite interstiziale con una radiografia. Non si tratta però di una semplice lastra, ma di una nuova modalità messa a punto da Neoesperience, con il reparto di Diagnostica Non Invasiva Cardiovascolare dell’Ospedale Sacco di Milano

«È nato un progetto che si chiama defeatcovid19, una community a cui hanno partecipato ricercatori provenienti da tutto il mondo – spiega Dario Melpignano, presidente di Neoesperience, unica società italiana tra le sei produttrici di software più innovativi al mondo -. Insieme hanno lavorato gratuitamente nella fase di lockdown per raggiungere un obiettivo molto ambizioso: cioè fare quello che i nostri partner cinesi hanno fatto con tomografie tridimensionali, con semplici lastre».

LEGGI ANCHE COVID-19 E SPINTA DIGITALE, COME SARA’ LA SANITA’ DEL FUTURO?

«Così  – prosegue – ha preso forma un gruppo di sistema che per la prima volta permette di predire la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica dell’infezione da coronavirus, distinguendo e discriminando quelle che sono le polmoniti di natura batterica. Questo sistema si è diffuso grazie all’abilità dei nostri partner e alla politica adottata dalla community, di offrire gratuitamente il servizio».

«Si tratta di un sistema open source – fa presente Melpignano – i data set, ovvero le radiografie sono rese disponibili anonimizzate. Questo modo di migliorare la diagnosi del Covid, e potenzialmente in futuro anche di altre patologie polmonari e cardiache, è diventato diffusissimo in tutto il mondo. Grazie alla sua gratuità e al fatto di avere esplorato per primo questo ambito importante come si è configurato poi nei mesi successivi. Dalla collaborazione con il Sacco e poi con il Policlinico e con altri ospedali, abbiamo allargato all’Europa».

LEGGI ANCHE AI-SCORE, DAL SAN RAFFAELE ARRIVA IL PROGETTO DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER PREVEDERE LE FORME PIU’ GRAVI DI COVID-19

«Abbiamo iniziato a collaborare con il Politecnico di Milano, il dipartimento di tecnologia e design per l’Health care, e un consorzio europeo che si chiama Nestore e che ha coinvolto 16 partner in otto paesi, oltre l’Italia, il Belgio, l’Olanda, la Spagna, la Romania, la Svizzera e il Regno Unito. Il risultato è stato una grande diffusione di questo nuovo modo di complementare la diagnosi da cui sono state avviate tutta una serie di altre iniziative che stiamo portando avanti con l’azienda. Per fare in modo che nei prossimi anni in Europa e nel mondo si possa migliorare la capacità di diagnosticare malattie attraverso lastre radiografiche, ma anche esami con ecografi, per ottenere una performance migliore con costi contenuti rispetto a quelli che abbiamo affrontato fin qui come sistema Paese e come Europa. Nella nostra idea di futuro immaginiamo una realtà in cui tecnologia e medicina lavorano in sinergia, per fornire strumenti potenti, e al contempo economici e facili da usare, di supporto alla diagnosi clinica», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità annuncia l'avvicinamento allo scenario 4, il più grave dell'epidemia. Tasso di positività dei tamponi al 10%
Iss, in Italia l’epidemia è in scenario 3. Cosa significa e quando attendere l’ultimo livello?
Secondo un documento dell'Iss, sono quattro gli scenari possibili per l'epidemia in inverno. Il 3, in cui ci troviamo ora, significa iniziali segnali di sovraccarico per il sistema sanitario e chiusure locali da prevedere. Quando aspettarsi il 4?
Covid-19, Boldrini (Pd): «Criticità sistema sanitario dipendono anche da Regioni»
«La medicina di base potrebbe forse utilmente tornare alle dirette dipendenze del Sistema sanitario», spiega la vicepresidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama
Covid-19, Bologna (PP – Misto): «Monitorare separazione dei percorsi assistenziali a favore dei pazienti cronici»
«Il percorso differenziato diviene ancora più importante anche per le misure che sono già previste per il recupero delle liste d’attesa», spiega la deputata di Popolo Protagonista
Idrossiclorochina e Covid-19, AIFA: «Assenti benefici clinici sia nella prevenzione sia nel trattamento»
L’Agenzia Italiana per il Farmaco, in risposta a una interrogazione della deputata Rossana Boldi (Lega), spiega perché ha bloccato l’uso del farmaco nel trattamento del Covid-19: «Ampio ‘corpus’ di evidenze nella letteratura scientifica giustifica stop. Valuteremo nuovi studi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...