Salute 8 Gennaio 2019

Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»

«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»

Immagine articolo

Dopo il conto alla rovescia per l’inizio del nuovo anno, parte il countdown per l’arrivo del temuto picco influenzale atteso «per fine gennaio e inizio febbraio». Lo dichiara a Sanità Informazione Giovanni Rezza, Direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità.

«La differenza sostanziale rispetto allo scorso anno – prosegue Rezza -, è un aumento imprevisto della richiesta di vaccino che ha colto impreparate varie Asl in diverse Regioni». Questo ha determinato «una difficoltà iniziale di approvvigionamento in tempi brevi – prosegue -, perché quando si fa la stima numerica delle dosi necessarie per l’anno in corso, chiaramente si fa riferimento all’anno precedente, ma nel 2018 la richiesta è stata veramente di maggior impatto rispetto al 2017».

La volontà di ricorrere alla profilassi, oltre per le fasce di popolazione ritenute più fragili, è arrivata anche da parte di medici e operatori sanitari che hanno determinato un incremento della richiesta «dal 15% dello scorso anno al 25%. Dieci punti in un solo anno, solo per la categoria medica, non sono pochi».

Positivo dunque l’atteggiamento della popolazione rispetto al vaccino «che già si era palesato l’anno scorso e quest’anno si è ancor più concretizzato. Da una serie di indagini, abbiamo stimato che riguardo le vaccinazioni dell’infanzia, compresa quella anti-influenzale, circa lo 0,7% di genitori di bambini soggetti all’obbligo vaccinale sono effettivamente contrari – sottolinea il direttore -. Dopo di che abbiamo un’ampia zona grigia di persone esitanti (circa il 15% della popolazione). Questo sta a dimostrare che il partito no-vax in realtà rappresenta una parte di popolazione estremamente ristretta. Rumorosa questo sì, ma ristretta».

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, OMCEO ROMA IN CAMPO PER SENSIBILIZZARE PROFILASSI. MAGI: «OPERATORI SANITARI DEVONO VACCINARSI PER COSCIENZA PERSONALE E CIVICA»

Per quanto riguarda l’aggressività del virus di fatto l’incidenza di casi è stata minore quest’anno «probabilmente merito dei vaccini – fa notare Rezza -, ma occorre attendere per cantare vittoria. Infatti con la riapertura delle scuole ci attendono due settimane impegnative e tracciare un bilancio definitivo è ancora prematuro».

Articoli correlati
Covid-19 e spiagge, le regole dell’Iss per andare al mare in sicurezza
Prenotazioni in orari scaglionati per evitare assembramenti e larga parte del controllo affidata ai sindaci delle località balneari: così potremmo andare in vacanza questa estate. Per gli esperti «rischio trascurabile in acqua, ma sulla sabbia bisogna fare attenzione»
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
Conferenza Iss: «Rt sotto 1 in tutta Italia ma in aumento quota asintomatici. Vaccino non prima della primavera 2021»
Brusaferro: «Spostamenti tra regioni non possono essere basati su Rt». Speranza: «Dati molto incoraggianti, ma guai a pensare che la partita sia vinta». Magrini (Aifa): «Con Remdesivir mortalità da 11% a 8%, su idrossiclorochina i dati non sono promettenti»
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco