Salute 8 Gennaio 2019

Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»

«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»

Immagine articolo

Dopo il conto alla rovescia per l’inizio del nuovo anno, parte il countdown per l’arrivo del temuto picco influenzale atteso «per fine gennaio e inizio febbraio». Lo dichiara a Sanità Informazione Giovanni Rezza, Direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità.

«La differenza sostanziale rispetto allo scorso anno – prosegue Rezza -, è un aumento imprevisto della richiesta di vaccino che ha colto impreparate varie Asl in diverse Regioni». Questo ha determinato «una difficoltà iniziale di approvvigionamento in tempi brevi – prosegue -, perché quando si fa la stima numerica delle dosi necessarie per l’anno in corso, chiaramente si fa riferimento all’anno precedente, ma nel 2018 la richiesta è stata veramente di maggior impatto rispetto al 2017».

La volontà di ricorrere alla profilassi, oltre per le fasce di popolazione ritenute più fragili, è arrivata anche da parte di medici e operatori sanitari che hanno determinato un incremento della richiesta «dal 15% dello scorso anno al 25%. Dieci punti in un solo anno, solo per la categoria medica, non sono pochi».

Positivo dunque l’atteggiamento della popolazione rispetto al vaccino «che già si era palesato l’anno scorso e quest’anno si è ancor più concretizzato. Da una serie di indagini, abbiamo stimato che riguardo le vaccinazioni dell’infanzia, compresa quella anti-influenzale, circa lo 0,7% di genitori di bambini soggetti all’obbligo vaccinale sono effettivamente contrari – sottolinea il direttore -. Dopo di che abbiamo un’ampia zona grigia di persone esitanti (circa il 15% della popolazione). Questo sta a dimostrare che il partito no-vax in realtà rappresenta una parte di popolazione estremamente ristretta. Rumorosa questo sì, ma ristretta».

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, OMCEO ROMA IN CAMPO PER SENSIBILIZZARE PROFILASSI. MAGI: «OPERATORI SANITARI DEVONO VACCINARSI PER COSCIENZA PERSONALE E CIVICA»

Per quanto riguarda l’aggressività del virus di fatto l’incidenza di casi è stata minore quest’anno «probabilmente merito dei vaccini – fa notare Rezza -, ma occorre attendere per cantare vittoria. Infatti con la riapertura delle scuole ci attendono due settimane impegnative e tracciare un bilancio definitivo è ancora prematuro».

Articoli correlati
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
Vaccini, al via a Bruxelles il Summit Globale. Juncker (Ue): «Combattere le campagne di disinformazione»
«Nel 2012 è stato preso un impegno politico per eliminare il morbillo in 5 regioni su 6 regioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità entro il 2020. Siamo nel 2019 e il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker in apertura del summit
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
Vaccini, scuola a rischio per pochi. Giannelli (ANP): «I no vax sono meno di quanti immaginiamo»
Per il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti pubblici si tratta solo di «clamore mediatico», una percezione sbagliata causata dall’utilizzo di un megafono come i social network
Vaccini, entro il 2025 Gavi immunizzerà 300 milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo
Tra il 2021 e il 2025 verranno vaccinati 300 milioni di bambini nei Paesi in via di sviluppo, con otto milioni di vite salvate. L’ambizioso programma è di Gavi, The Vaccine Alliance, che ha lanciato per questo piano una raccolta fondi da almeno 7,4 miliardi di dollari. In questo lasso di tempo, spiega il comunicato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali