Salute 27 Novembre 2018

Influenza, Calabrese (FIMMG): «Vaccino unico strumento di prevenzione valido. Picco previsto per fine dicembre»

«Tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti», sottolinea il vicesegretario nazionale della Federazione dei Medici di Medicina Generale che consiglia: «Non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto – ha concluso Calabrese – ogni qual volta si entra in contatto con altre persone»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Il vaccino antinfluenzale è l’unico strumento valido ai fini preventivi. Una carenza nella copertura vaccinale rappresenta un rischio per tutta la popolazione, soprattutto per le fasce più deboli». È questo il commento del vicesegretario nazionale FIMMG, Nicola Calabrese, alle notizie circolate negli ultimi giorni sull’insufficienza di dosi di vaccino antinfluenzale, in alcune zone d’Italia.

Il vicesegretario nazionale FIMMG non entra nel merito delle motivazioni di questa carenza: «Credo – ha sottolineato – che siano da verificare con gli organi competenti che si occupano della distribuzione e della fornitura». Ma le conseguenze sulla popolazione sono chiare. «Proprio perché il vaccino rappresenta l’unico strumento valido ai fini preventivi – ha ribadito Calabrese – non vaccinare le categorie a rischio, definite tali anche dalle linee guida e dalle direttive ministeriali, le espone ad una maggiore probabilità di contrarre il virus. Inoltre, tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti».

Minore sarà il numero di vaccinati, maggiore sarà la circolazione del virus tra la popolazione «anche nella fascia cosiddetta produttiva – ha spiegato il vicesegretario nazionale FIMMG – con conseguenze non solo sanitarie e cliniche, ma anche lavorative. Il mondo del lavoro dovrà fare i conti con molte assenze, anche in contemporanea, dovute a malattia».

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, OMCEO ROMA IN CAMPO PER SENSIBILIZZARE PROFILASSI. MAGI: «OPERATORI SANITARI DEVONO VACCINARSI PER COSCIENZA PERSONALE E CIVICA»

Per mettersi al riparo c’è ancora tempo: il picco influenzale è previsto per la fine del prossimo mese, con alcune differenze temporali tra il nord e il sud del Paese. «Nelle Regioni settentrionali – ha spiegato Calabrese – compare in anticipo, rispetto alle altre zone d’Italia. Di solito, poco prima delle vacanze natalizie, per poi svilupparsi e raggiungere il massimo della diffusione durante le festività e subito dopo. Al sud, di norma, il picco di contagi avviene successivamente».

Pur ribadendo che il vaccino resta lo strumento di prevenzione più importante, il vicesegretario nazionale FIMMG offre alcuni consigli validi per la popolazione: «Si tratta essenzialmente di due norme igienico-sanitarie che tutti dovrebbero seguire: non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto – ha concluso Calabrese – ogni qual volta si entra in contatto con altre persone».

Articoli correlati
ACN Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Sistema non riconosce sforzi a medici con ‘busta paga’ ferma da 10 anni»
Le Regioni non hanno accettato l’idea di una pre-intesa. Il segretario della Federazione dei Medici di medicina generale deluso: «Chiedevamo che il 2017 si chiudesse con un aumento dell’1,79%, in linea con l’indennità di vacatio contrattuale della dipendenza, perché non va bene?»
FIMMG incontra il ministro Grillo, Scotti: «Affrontato il tema della carenza dei medici e della formazione post-laurea»
«Le questioni non sono ancora tutte risolte ma il Ministro - spiega Silvestro Scotti, segretario nazionale di FIMMG - ha mostrato grande sensibilità»
Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»
«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano
Borse di studio, in Italia medici di famiglia penalizzati. Tutte le diseguaglianze spiegate dall’Uemo
In Italia, la formazione dello specialista fa riferimento all'università e al ministero dell'Istruzione, quella del medico di famiglia al ministero della salute ed alle Regioni che si affidano a intese.
#6statodiscriminato: Consulcesi lancia la campagna social per i medici di famiglia penalizzati durante la formazione
I medici di Medicina Generale durante la formazione post-laurea subiscono una disparità di trattamento a livello economico, fiscale e assicurativo rispetto agli altri specializzandi. Il 12 aprile la nuova azione collettiva di Consulcesi per gli Mmg: possibile recuperare fino a 50 mila euro per ogni annualità