Salute 27 novembre 2018

Influenza, Calabrese (FIMMG): «Vaccino unico strumento di prevenzione valido. Picco previsto per fine dicembre»

«Tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti», sottolinea il vicesegretario nazionale della Federazione dei Medici di Medicina Generale che consiglia: «Non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto – ha concluso Calabrese – ogni qual volta si entra in contatto con altre persone»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Il vaccino antinfluenzale è l’unico strumento valido ai fini preventivi. Una carenza nella copertura vaccinale rappresenta un rischio per tutta la popolazione, soprattutto per le fasce più deboli». È questo il commento del vicesegretario nazionale FIMMG, Nicola Calabrese, alle notizie circolate negli ultimi giorni sull’insufficienza di dosi di vaccino antinfluenzale, in alcune zone d’Italia.

Il vicesegretario nazionale FIMMG non entra nel merito delle motivazioni di questa carenza: «Credo – ha sottolineato – che siano da verificare con gli organi competenti che si occupano della distribuzione e della fornitura». Ma le conseguenze sulla popolazione sono chiare. «Proprio perché il vaccino rappresenta l’unico strumento valido ai fini preventivi – ha ribadito Calabrese – non vaccinare le categorie a rischio, definite tali anche dalle linee guida e dalle direttive ministeriali, le espone ad una maggiore probabilità di contrarre il virus. Inoltre, tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti».

Minore sarà il numero di vaccinati, maggiore sarà la circolazione del virus tra la popolazione «anche nella fascia cosiddetta produttiva – ha spiegato il vicesegretario nazionale FIMMG – con conseguenze non solo sanitarie e cliniche, ma anche lavorative. Il mondo del lavoro dovrà fare i conti con molte assenze, anche in contemporanea, dovute a malattia».

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, OMCEO ROMA IN CAMPO PER SENSIBILIZZARE PROFILASSI. MAGI: «OPERATORI SANITARI DEVONO VACCINARSI PER COSCIENZA PERSONALE E CIVICA»

Per mettersi al riparo c’è ancora tempo: il picco influenzale è previsto per la fine del prossimo mese, con alcune differenze temporali tra il nord e il sud del Paese. «Nelle Regioni settentrionali – ha spiegato Calabrese – compare in anticipo, rispetto alle altre zone d’Italia. Di solito, poco prima delle vacanze natalizie, per poi svilupparsi e raggiungere il massimo della diffusione durante le festività e subito dopo. Al sud, di norma, il picco di contagi avviene successivamente».

Pur ribadendo che il vaccino resta lo strumento di prevenzione più importante, il vicesegretario nazionale FIMMG offre alcuni consigli validi per la popolazione: «Si tratta essenzialmente di due norme igienico-sanitarie che tutti dovrebbero seguire: non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto – ha concluso Calabrese – ogni qual volta si entra in contatto con altre persone».

Articoli correlati
Medici di famiglia, il 90% degli italiani li preferisce. Scotti (FIMMG): «Eppure invece di dare strumenti alla categoria vengono sottratti»
Da un’indagine del Censis gli italiani preferiscono il medico di Medicina generale. «Il problema è che mentre i cittadini si fidano, le istituzioni no. Occorre dare più margine d'azione alla categoria, solo così migliorerà l'assistenza sul territorio» ribadisce il segretario della Federazione di Medicina generale
Influenza, OMCeO Roma in campo per sensibilizzare profilassi. Magi: «Operatori sanitari devono vaccinarsi per coscienza personale e civica»
Dosi vaccinali somministrate all'Ordine dei medici della Capitale per insegnare la buona prassi a camici bianchi e cittadini. «Non solo operatori sanitari, vaccinarsi è consigliabile anche per altre categorie a rischio come forze dell’ordine e personale scolastico» così il Presidente Antonio Magi
di Lucia Oggianu
Antibiotico-resistenza, nuovo test per distinguere le infezioni batteriche da quelle virali
Infezioni virali e infezioni batteriche Distinguere rapidamente un’infezione virale da un’infezione batterica offrendo al medico la risposta sul trattamento corretto e adeguato da somministrare al paziente. Questa la novità rappresentata da un nuovo erivoluzionario test che consente di stabilire, attraverso la risposta del sistema immunitario all’infezione, se necessario ricorrere all’uso di antibiotici. Obiettivo è quello […]
L’influenza arriva in Italia, a Parma identificato il primo caso di virus A/H3N2
Il laboratorio che ha isolato il patogeno fa parte della rete InFlunet. Parte oggi in molte regioni la campagna di vaccinazione antinfluenzale gratuita per i soggetti più a rischio. Tra i sintomi: febbre improvvisa a 38 gradi, brividi, dolori muscolari
Influenza, bollettino Influnet: primi casi della stagione 2018-2019 a Parma e Bari
Secondo i dati del primo bollettino settimanale InfluNet relativi alla sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali in Italia, l’attività dei virus influenzali è ai livelli di base. Il numero di casi stimati nella 43a settimana del 2018 è pari a circa 71.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 125.000 casi. Al momento, non tutti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...