Salute 9 Gennaio 2020 10:51

Influenza, Campania tra le Regioni più colpite. D’Avino (FIMP): «Dieci bimbi su mille ammalati»

Circa 1,8 milioni colpiti da inizio stagione. La campagna di sensibilizzazione da Simpe Campania: “Se ti vaccini ti proteggi e proteggi chi ti sta accanto”

di Chiara Stella Scarano
Influenza, Campania tra le Regioni più colpite. D’Avino (FIMP): «Dieci bimbi su mille ammalati»

L’epidemia influenzale nell’ultimo mese dell’anno appena trascorso non ha fatto sconti, colpendo soprattutto i bambini. In Italia l’incidenza totale è pari a 4,7 casi per mille assistiti. Nella 1° settimana del 2020, secondo l’aggiornamento dell’8 gennaio 2020 del sistema di sorveglianza della sindrome influenzale Influnet, è salito il numero di casi di sindrome simil-influenzale e l’aumento si è registrato  soprattutto nei giovani adulti e negli anziani, rispetto ai bambini e ragazzi sotto i quindici anni, dovuto ancora alla chiusura delle scuole per le festività natalizie.

Rapporto Influnet 2020-01

Il numero complessivo dall’inizio della sorveglianza è di circa 1.877.000 casi. Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo e Campania le Regioni maggiormente colpite dal virus che si è manifestato con febbre, tosse e dolori articolari e muscolari. «Negli studi dei pediatri di famiglia- sostiene Antonio D’Avino, vicepresidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) – sono aumentate enormemente le visite per influenza. Ad essere maggiormenti colpiti risultano proprio i bambini al di sotto dei cinque anni, e solo grazie alla chiusura delle scuole per le festività natalizie abbiamo registrato, nell’ultima settimana del 2019, un lieve calo dei casi influenzali».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Le raccomandazioni del Ministero della Salute

Semplici ma essenziali le precauzioni indicate sul sito del Ministero della Salute per evitare la diffusione del virus: evitare luoghi affollati, lavare regolarmente e frequentemente le mani con acqua e sapone o, in alternativa, con soluzioni detergenti a base di alcol o salviettine disinfettanti, aerare regolarmente le stanze dove si soggiorna. «Bastano questi pochi accorgimenti – conclude D’Avino – per limitare significativamente il propagarsi dell’epidemia».

E dalla Società Italiana Medici PediatriSIMPECampania torna il monito sull’importanza della vaccinazione come principale strumento di prevenzione, utile in particolar modo per evitate pericolose complicanze nelle fasce più deboli: anziani, bambini e portatori di patologie croniche. «E’ bene consigliare – spiega la presidente Simpe Campania Maria Giuliano – ed incentivare il ricorso alla vaccinazione antifluenzale, oltre che per le categorie citate, anche per le seguenti: le donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo o terzo trimestre di gravidanza; i medici e il personale sanitario di assistenza; i familiari e i contatti di soggetti ad alto rischio. Tra queste categorie, infatti, – sottolinea la dottoressa Giuliano – si rileva una percentuale di adesione ancora troppo bassa. E’ per questo che abbiamo lanciato la campagna ‘Se ti vaccini ti proteggi e proteggi coloro che ti stanno accanto’».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, stress post traumatico per un sanitario su tre
Isabel Fernandez (presidente associazione EMDR Italia): «Serve supporto psicologico in ospedale per medici e infermieri. L'EMDR funziona»
Parental burnout: non è un paese per genitori, soprattutto di bambini fragili
La psicoterapeuta elenca i sintomi del burnout genitoriale: «A livello fisico, alterazione sonno-veglia, mal di testa e dolori gastro-intestinali. A livello psichico, invece, è possibile sviluppare fantasie di fuga, distanziamento emotivo dai propri figli e un’accresciuta irritabilità. Nei casi più gravi, trascuratezza, violenza e abusi»
di Isabella Faggiano
Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla
Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni
di Federica Bosco
Recovery Plan, la sfida della Campania: «È la nostra occasione per riorganizzare la sanità del territorio»
Cappiello (Anaao): «Abbattere liste d’attesa e istituire i Pronto Soccorso nelle AOU tra le priorità»
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano