Salute 4 Novembre 2019

Infezioni polmonari da NTM, Stefano Aliberti (pneumologo): «Vi spiego cos’è il network IRENE»

Il professore, a margine della presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, ha definito il ruolo e le funzionalità del network italiano di professionisti e operatori sanitari Irene sulla patologia

La malattia polmonare da NTM è una malattia orfana, rara e sicuramente sotto-diagnosticata. Non esistono, infatti, dati chiari né di incidenza né di prevalenza di questa patologia nel nostro Paese e sono pochi i centri che dispongono di programmi specifici per questa patologia. È per questo che è nato IRENE, il primo network italiano in cui pneumologi, infettivologi, microbiologi lavorano insieme per la gestione e cura della malattia polmonare da NTM. Il progetto cardine del network Irene è l’Osservatorio nazionale che raccoglie i dati circa l’epidemiologia, la microbiologia, la diagnosi, il trattamento e la prognosi dei pazienti affetti. Ce ne ha parlato il professor Stefano Aliberti, Principal Investigator dell’Osservatorio italiano delle Micobatteriosi Polmonari Non-Tubercolari, che ha fatto il punto sulla malattia, tra criticità, novità e nuove prospettive terapeutiche, ai microfoni di Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, PRESENTATO IL LIBRO BIANCO SULLE MALATTIE POLMONARI DA MICOBATTERI NON TUBERCOLARI

Professore, che cos’è il network IRENE, qual è il suo ruolo e quali le funzionalità?

«IRENE è un network di professionisti sanitari medici formato da pneumologi, infettivologi, fisioterapisti, radiologi e pazienti. Lavorano insieme per mettere in piedi dei progetti di carattere scientifico educazionale e di advocacy con l’obiettivo di aumentare l’interesse della comunità scientifica clinica – ma anche della popolazione generale – su una malattia specifica che è la malattia polmonare da micobatteri non tubercolari. IRENE nasce qualche anno fa grazie all’aiuto dell’associazione dei malati di micobatteri non tubercolari Amantum e negli ultimi due anni è riuscita a mettere in pista un serie di progetti sia di carattere scientifico, come l’Osservatorio, sia di carattere educazionale che di advocacy come il libro bianco sulla malattia».

Perché è importante il libro bianco e perché queste patologie sono così difficili da individuare e da trattare?

«Il libro bianco è uno strumento fondamentale, soprattutto in questo momento, in cui la malattia polmonare da micobatteri non tubercolari non è ancora riconosciuta né a livello della comunità scientifica né a livello di enti regolatori a carattere regionale e nazionale. Il libro bianco è un manifesto scritto da esperti medici ma anche da pazienti che mette nero su bianco l’epidemiologia della malattia, la gravità, le caratteristiche e il trattamento. Si parla anche di IRENE, del Registro dell’Osservatorio che abbiamo aperto grazie al supporto del Policlinico di Milano e di Amantum e che oggi copre quasi tutto il territorio nazionale con 50 centri aperti e 370 pazienti inseriti all’interno del sistema. L’osservatorio, una delle attività di punta di carattere scientifico del network IRENE, permetterà di avere più consapevolezza della patologia e conoscere le risposte dei pazienti ai trattamenti, in modo tale da poter sviluppare delle procedure operative standard sempre più mirate e aprire la strada a nuovi trattamenti per migliorare la qualità di vita – spesso molto bassa – dei pazienti affetti dall’infezione. L’osservatorio non è l’unico progetto scientifico di IRENE: ci sono progetti sia in ambito di malattie infettive sia in ambito di pneumologia anche a carattere internazionale e sui fattori di rischio ambientali. Ci sono delle collaborazioni con la società italiana di fibrosi cistica e con le società italiane sia di microbiologia che di malattie infettive e pneumologia, al fine di poter utilizzare questo strumento per produrre quanti più dati di buona qualità che permettano un giorno di migliorare la cura di questa malattia».

Articoli correlati
Coronavirus a Bergamo, il grido di allarme del Presidente OMCeO: «Medici senza protezioni vettori dell’infezione. Attivare unità speciali»
«Manca l'ossigeno, i dispositivi idonei. Non ci sono protocolli precisi. Abbiamo 118 medici contagiati su 600. Diffusione e decessi sono sottostimati: i malati a casa che purtroppo non ce la fanno sono fuori dalle statistiche»
COVID-19, AIFA e Gilead: «Italia tra i Paesi che testeranno l’antivirale remdesivir»
Si tratta di due studi di fase 3 che coinvolgeranno i centri con maggior numero di pazienti in Italia: l'Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma
Rete 5G, lo stop delle Marche fa discutere. Il promotore rilancia: «Valga principio di precauzione. Ora cambiare legge sulle antenne»
Sandro Bisonni, consigliere regionale dei Verdi, è il promotore della mozione che impegna la Giunta ad applicare il ‘principio di precauzione’. «L’Unione europea consiglia valori cautelativi ancora più bassi di quelli esistenti in Italia. Sarebbe sbagliato alzarli per favorire il 5G» spiega il consigliere marchigiano. Plauso alla mozione da ISDE – Medici per l’Ambiente
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...