Salute 4 Novembre 2019 09:00

Infezioni polmonari da NTM, Stefano Aliberti (pneumologo): «Vi spiego cos’è il network IRENE»

Il professore, a margine della presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, ha definito il ruolo e le funzionalità del network italiano di professionisti e operatori sanitari Irene sulla patologia

La malattia polmonare da NTM è una malattia orfana, rara e sicuramente sotto-diagnosticata. Non esistono, infatti, dati chiari né di incidenza né di prevalenza di questa patologia nel nostro Paese e sono pochi i centri che dispongono di programmi specifici per questa patologia. È per questo che è nato IRENE, il primo network italiano in cui pneumologi, infettivologi, microbiologi lavorano insieme per la gestione e cura della malattia polmonare da NTM. Il progetto cardine del network Irene è l’Osservatorio nazionale che raccoglie i dati circa l’epidemiologia, la microbiologia, la diagnosi, il trattamento e la prognosi dei pazienti affetti. Ce ne ha parlato il professor Stefano Aliberti, Principal Investigator dell’Osservatorio italiano delle Micobatteriosi Polmonari Non-Tubercolari, che ha fatto il punto sulla malattia, tra criticità, novità e nuove prospettive terapeutiche, ai microfoni di Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, PRESENTATO IL LIBRO BIANCO SULLE MALATTIE POLMONARI DA MICOBATTERI NON TUBERCOLARI

Professore, che cos’è il network IRENE, qual è il suo ruolo e quali le funzionalità?

«IRENE è un network di professionisti sanitari medici formato da pneumologi, infettivologi, fisioterapisti, radiologi e pazienti. Lavorano insieme per mettere in piedi dei progetti di carattere scientifico educazionale e di advocacy con l’obiettivo di aumentare l’interesse della comunità scientifica clinica – ma anche della popolazione generale – su una malattia specifica che è la malattia polmonare da micobatteri non tubercolari. IRENE nasce qualche anno fa grazie all’aiuto dell’associazione dei malati di micobatteri non tubercolari Amantum e negli ultimi due anni è riuscita a mettere in pista un serie di progetti sia di carattere scientifico, come l’Osservatorio, sia di carattere educazionale che di advocacy come il libro bianco sulla malattia».

Perché è importante il libro bianco e perché queste patologie sono così difficili da individuare e da trattare?

«Il libro bianco è uno strumento fondamentale, soprattutto in questo momento, in cui la malattia polmonare da micobatteri non tubercolari non è ancora riconosciuta né a livello della comunità scientifica né a livello di enti regolatori a carattere regionale e nazionale. Il libro bianco è un manifesto scritto da esperti medici ma anche da pazienti che mette nero su bianco l’epidemiologia della malattia, la gravità, le caratteristiche e il trattamento. Si parla anche di IRENE, del Registro dell’Osservatorio che abbiamo aperto grazie al supporto del Policlinico di Milano e di Amantum e che oggi copre quasi tutto il territorio nazionale con 50 centri aperti e 370 pazienti inseriti all’interno del sistema. L’osservatorio, una delle attività di punta di carattere scientifico del network IRENE, permetterà di avere più consapevolezza della patologia e conoscere le risposte dei pazienti ai trattamenti, in modo tale da poter sviluppare delle procedure operative standard sempre più mirate e aprire la strada a nuovi trattamenti per migliorare la qualità di vita – spesso molto bassa – dei pazienti affetti dall’infezione. L’osservatorio non è l’unico progetto scientifico di IRENE: ci sono progetti sia in ambito di malattie infettive sia in ambito di pneumologia anche a carattere internazionale e sui fattori di rischio ambientali. Ci sono delle collaborazioni con la società italiana di fibrosi cistica e con le società italiane sia di microbiologia che di malattie infettive e pneumologia, al fine di poter utilizzare questo strumento per produrre quanti più dati di buona qualità che permettano un giorno di migliorare la cura di questa malattia».

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani
Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale
«L’Italia riparta da volontariato e Terzo Settore». L’appello di AIL per una sanità a misura d’uomo
Al Convegno a Roma presenti le principali realtà associazionistiche nel campo della salute. Focus sulla tossicità finanziaria
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?