Salute 27 Novembre 2019

Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali

Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.

Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) colpiscono 700mila persone ogni anno in Italia, uccidendone quasi tremila (più di qualsiasi altra patologia infettiva e degli incidenti stradali) e impattando sulla spesa pubblica per circa un miliardo all’anno. Si tratta sempre più spesso di infezioni antibiotico-resistenti ma soprattutto sarebbero, nel 30% dei casi, infezioni evitabili rispettando determinati standard di igiene e prevenzione all’interno delle strutture ospedaliere.

Da questi dati è partito il confronto, nei giorni scorsi presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, sulla necessità di costruire delle linee guida nazionali sulle ICA per una gestione integrata e multidisciplinare delle stesse, con le quali proporre al governo, in sede di Hackathon 2020, l’aggiornamento del PNCAR (Piano Nazionale di Contrasto all’Antibiotico Resistenza 2017/2020) e l’inserimento delle azioni individuate tra le raccomandazioni del Ministero sulla prevenzione del rischio clinico. L’incontro, promosso dalla Società Scientifica HCRM, dall’Università Campus Bio-Medico di Roma, dalla Asl Napoli 1 Centro, dall’A.O.R.N. Antonio Cardarelli di Napoli e dal Forum Innovazione ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.

Mascherine chirurgiche, guanti sterili, calzari ma anche il semplice lavaggio della mani sono fattori imprescindibili, eppure ci sono altri aspetti, cui meno comunemente si pensa, da non sottovalutare: «Dobbiamo dire basta una volta per tutte al paternalismo e al lassismo con cui si gestiscono le visite ai degenti nelle strutture ospedaliere- afferma la dott.ssa Luciana Bevilacqua, Risk Manager Azienda Sociosanitaria Territoriale di Pavia – ma soprattutto dobbiamo compiere quella battaglia culturale che vedrà finalmente il cittadino-paziente al primo posto, consapevole dei suoi diritti e informato sulle strategie di prevenzione. Un esempio fra tutti è la pratica della tricotomia, che i chirurghi ancora si ostinano a effettuare ai pazienti prima degli interventi. L’inutilità e il potenziale infettivo di questa pratica sono stati ampiamente dimostrati ma il paziente non lo sa e non si oppone come dovrebbe».

E se la centralità del paziente nel processo decisionale si candida ad essere uno dei capisaldi della lotta alle infezioni ospedaliere, la formazione adeguata del personale sanitario è di certo un altro fattore determinante, come rivela il prof. Alberto Firenze, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Hospital & Clinical Risk Manager, e componente Osservatorio Nazionale Agenas: «L’aggiornamento e la formazione sono emersi, durante il sondaggio fatto in sede di convegno, come strategia principale per combattere questa emergenza, come lo sono per fronteggiare qualsiasi criticità che coinvolge il nostro sistema salute. Oggi lanciamo, a seguito di una Call for Ideas che abbiamo fatto con Aziende private che in outsourcing già collaborano con le strutture ospedaliere, dei focus per strutturare percorsi formativi ed educativi molto importanti».

LEGGI: ANTIBIOTICI IN ITALIA: USO INAPPROPRIATO NEL 30% DELLE PRESCRIZIONI. LI BASSI (AIFA): «EDUCARE E INFORMARE OPERATORI E PAZIENTI»

«Le infezioni correlate all’assistenza, soprattutto quelle derivate da antibiotico-resistenza sono un problema da affrontare se non vogliamo che negli anni continui questo trend pericolosamente ingravescente – afferma Silvestro Scotti, presidente OMCeO Napoli e Segretario Nazionale FIMMG – . Se da un lato è fondamentale una maggior consapevolezza nella popolazione sul corretto uso degli antibiotici, dall’altro è essenziale investire in un potenziamento della medicina territoriale per favorire sempre più la deospedalizzazione e togliere quindi il paziente da una situazione di potenziale rischio ICA. Come OMCeO di Napoli prevediamo per i nostri iscritti una sempre più ampia offerta formativa in tal senso».

Articoli correlati
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
AO dei Colli (Napoli): «Ora non abbassare la guardia»
L’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO) non abbassa la guardia anche con la ripresa delle attività ordinarie. L’Ospedale Cotugno, polo infettivologico del Sud Italia, ha affrontato e affronta l’emergenza Covid in prima linea. Nonostante il numero dei ricoveri sia fortunatamente calato sia nei posti ordinari che di terapia intensiva e sub intensiva, […]
di Azienda Ospedaliera dei Colli
Scotti (FIMMG): «Migliorare la medicina territoriale con piccole limature senza snaturarne il DNA»
Il contributo di Silvestro Scotti, segretario della Federazione italiana medici di medicina generale
di Silvestro Scotti, Segretario generale FIMMG
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
Covid-19, da ricercatori Federico II nuova terapia per combattere il virus?
L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19? È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Birmingham
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco