Salute 27 Novembre 2019

Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali

Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.

Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) colpiscono 700mila persone ogni anno in Italia, uccidendone quasi tremila (più di qualsiasi altra patologia infettiva e degli incidenti stradali) e impattando sulla spesa pubblica per circa un miliardo all’anno. Si tratta sempre più spesso di infezioni antibiotico-resistenti ma soprattutto sarebbero, nel 30% dei casi, infezioni evitabili rispettando determinati standard di igiene e prevenzione all’interno delle strutture ospedaliere.

Da questi dati è partito il confronto, nei giorni scorsi presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, sulla necessità di costruire delle linee guida nazionali sulle ICA per una gestione integrata e multidisciplinare delle stesse, con le quali proporre al governo, in sede di Hackathon 2020, l’aggiornamento del PNCAR (Piano Nazionale di Contrasto all’Antibiotico Resistenza 2017/2020) e l’inserimento delle azioni individuate tra le raccomandazioni del Ministero sulla prevenzione del rischio clinico. L’incontro, promosso dalla Società Scientifica HCRM, dall’Università Campus Bio-Medico di Roma, dalla Asl Napoli 1 Centro, dall’A.O.R.N. Antonio Cardarelli di Napoli e dal Forum Innovazione ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.

Mascherine chirurgiche, guanti sterili, calzari ma anche il semplice lavaggio della mani sono fattori imprescindibili, eppure ci sono altri aspetti, cui meno comunemente si pensa, da non sottovalutare: «Dobbiamo dire basta una volta per tutte al paternalismo e al lassismo con cui si gestiscono le visite ai degenti nelle strutture ospedaliere- afferma la dott.ssa Luciana Bevilacqua, Risk Manager Azienda Sociosanitaria Territoriale di Pavia – ma soprattutto dobbiamo compiere quella battaglia culturale che vedrà finalmente il cittadino-paziente al primo posto, consapevole dei suoi diritti e informato sulle strategie di prevenzione. Un esempio fra tutti è la pratica della tricotomia, che i chirurghi ancora si ostinano a effettuare ai pazienti prima degli interventi. L’inutilità e il potenziale infettivo di questa pratica sono stati ampiamente dimostrati ma il paziente non lo sa e non si oppone come dovrebbe».

E se la centralità del paziente nel processo decisionale si candida ad essere uno dei capisaldi della lotta alle infezioni ospedaliere, la formazione adeguata del personale sanitario è di certo un altro fattore determinante, come rivela il prof. Alberto Firenze, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Hospital & Clinical Risk Manager, e componente Osservatorio Nazionale Agenas: «L’aggiornamento e la formazione sono emersi, durante il sondaggio fatto in sede di convegno, come strategia principale per combattere questa emergenza, come lo sono per fronteggiare qualsiasi criticità che coinvolge il nostro sistema salute. Oggi lanciamo, a seguito di una Call for Ideas che abbiamo fatto con Aziende private che in outsourcing già collaborano con le strutture ospedaliere, dei focus per strutturare percorsi formativi ed educativi molto importanti».

LEGGI: ANTIBIOTICI IN ITALIA: USO INAPPROPRIATO NEL 30% DELLE PRESCRIZIONI. LI BASSI (AIFA): «EDUCARE E INFORMARE OPERATORI E PAZIENTI»

«Le infezioni correlate all’assistenza, soprattutto quelle derivate da antibiotico-resistenza sono un problema da affrontare se non vogliamo che negli anni continui questo trend pericolosamente ingravescente – afferma Silvestro Scotti, presidente OMCeO Napoli e Segretario Nazionale FIMMG – . Se da un lato è fondamentale una maggior consapevolezza nella popolazione sul corretto uso degli antibiotici, dall’altro è essenziale investire in un potenziamento della medicina territoriale per favorire sempre più la deospedalizzazione e togliere quindi il paziente da una situazione di potenziale rischio ICA. Come OMCeO di Napoli prevediamo per i nostri iscritti una sempre più ampia offerta formativa in tal senso».

Articoli correlati
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
Napoli, domani la prima seduta di laurea abilitante
Silvestro Scotti: «La laurea abilitante conferisce valore alle professioni e un rapido accesso al mondo del lavoro di giovani con competenze teoriche ma anche pratiche. Un ottimo lavoro del ministro Manfredi, porterà nuova linfa al sistema sanitario»
Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19
Per le casse private non è infortunio sul lavoro, l’Inail non li tutela. Scotti (FIMMG): «Urge intervento normativo per estendere copertura ai convenzionati»
Tifosi del Napoli in piazza per festeggiare la Coppa Italia, Guerra (OMS): «Sciagurati, non ce lo possiamo permettere»
Dura presa di posizione del Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dopo gli assembramenti di ieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...