Salute 25 Novembre 2019

Antibiotici in Italia: uso inappropriato nel 30% delle prescrizioni. Li Bassi (Aifa): «Educare e informare operatori e pazienti»

Il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi, in occasione del Rapporto ‘L’uso degli antibiotici in Italia 2018’, commenta i dati negativi sulla ricerca: «Non ha trovato gli incentivi giusti per poter avanzare. Un quadro generale che ci impone di fare un uso attento degli antibiotici che abbiamo»

Immagine articolo

L’impiego inappropriato di antibiotici supera il 30% in tutte le condizioni cliniche prese in esame: dall’influenza al raffreddore, ma anche faringite, tonsillite, cistite non complicata e bronchite acuta. Tuttavia, i tassi di inappropriatezza d’uso sono in calo. È quanto emerge dal rapporto ‘L’uso degli antibiotici in Italia 2018‘ dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), presentato oggi a Roma.

Nel 2018 il consumo totale di antibiotici (comprensivo dell’acquisto privato) è stato di 21,4 dosi giornaliere ogni mille abitanti (Ddd/1000 ab die). Un valore in lievissimo aumento, dato che lo scorso anno era stato di 20,9 dosi al giorno per mille abitanti (+0,5). Ma il trend degli ultimi anni è comunque in calo.

«Dal punto di vista dello sviluppo di nuove molecole, l’ultima con un innovativo meccanismo d’azione risale a 35 anni fa. Questo lascia capire che la ricerca in quest’area si è un po’ fermata o non ha trovato in questi anni gli incentivi giusti per continuare». Così il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi, introducendo la presentazione del rapporto.

LEGGI ANCHE: ANTIBIOTICO-RESISTENZA, 700MILA DECESSI L’ANNO. IL VADEMECUM DEL SITI: ESTENDERE COPERTURA VACCINO ANTINFLUENZALE

«Ogni volta che usiamo un antibiotico – ha aggiunto – contribuiamo a sviluppo di antibioticoresistenza. Ciò significa che deve essere usato nel modo più appropriato possibile per goderne dei benefici quando serve ed evitare l’insorgenza della resistenza attraverso un uso inappropriato». La mortalità per batteri resistenti, ha ricordato Li Bassi, sta aumentando in modo significativo. «In Italia abbiamo 10mila morti ogni anno per antibioticoresistenza e un batterio su tre è diventato resistente». Questo trend negativo, ha proseguito, «ci vede insieme ad aree del Sud e dell’Est Europa, dove l’uso degli antibiotici e la resistenza ad essi sono più diffuse rispetto al Nord Europa. E lo stesso gradiente lo vediamo, a livello nazionale, tra Nord e Sud Italia».

«C’è la necessità di educazione e informazione sia degli operatori sanitari sia dei pazienti» spiega ai microfoni di Sanità Informazione, il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Dal Rapporto emerge «un segnale di maggior consapevolezza e un minor uso di antibiotici, anche se abbastanza debole». Riguardo alle prescrizioni dei medici di famiglia e pediatri: «Esiste ad esempio una correlazione con i picchi influenzali che in teoria non ci dovrebbe essere, perché i picchi influenzali sono dovuti ai virus, se non ai microrganismi. Vorremmo vederlo più forte – conclude Li Bassi – c’è ampio spazio di miglioramento».

Articoli correlati
Coronavirus, Speranza: «Aifa procede su sperimentazione Avigan»
L’Unione europea parte con acquisto centralizzato di materiali e dispositivi
Dal remdesivir alla clorochina, la “mappa della speranza” contro il Covid19
Non c’è solo il tocilizumab: tanti i farmaci su cui si punta per contrastare l’infezione da coronavirus, in primis gli antivirali. Potrebbero essere autorizzati nel giro di qualche mese. Per i vaccini si punta sull’anticorpo 47D11 allo studio in Germania. Ne abbiamo parlato con la farmacologa e deputata M5S Angela Ianaro: «Sono stati individuati tutti i possibili target sia nell’ambito della replicazione virale che in quello dei meccanismo di entrata e di uscita del virus dalla cellula»
Tocilizumab, semaforo verde dall’Aifa per la sperimentazione su larga scala
Intervista al professor Paolo Ascierto (Istituto Pascale di Napoli): «Di 11 pazienti di cui abbiamo i dati, otto hanno avuto un miglioramento. Così combattiamo la tempesta citochinica scatenata dal Coronavirus»
Coronavirus, Silvio Garattini: «Attenzione sì, panico no. Ogni anno in Italia 6mila morti da influenza»
Lo scienziato e farmacologo concorda con le misure adottate ma invita a ridimensionare l’emergenza: «Un sacrificio che dobbiamo accettare tutti perché è un virus nuovo, ma senza creare allarmismi o diventare ossessivi indossando mascherine o pagando cifre enormi per l’amuchina»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 marzo, sono 723.740 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 34.018 i decessi e 152.042 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...