Salute 25 Novembre 2019 19:14

Antibiotici in Italia: uso inappropriato nel 30% delle prescrizioni. Li Bassi (Aifa): «Educare e informare operatori e pazienti»

Il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi, in occasione del Rapporto ‘L’uso degli antibiotici in Italia 2018’, commenta i dati negativi sulla ricerca: «Non ha trovato gli incentivi giusti per poter avanzare. Un quadro generale che ci impone di fare un uso attento degli antibiotici che abbiamo»

Antibiotici in Italia: uso inappropriato nel 30% delle prescrizioni. Li Bassi (Aifa): «Educare e informare operatori e pazienti»

L’impiego inappropriato di antibiotici supera il 30% in tutte le condizioni cliniche prese in esame: dall’influenza al raffreddore, ma anche faringite, tonsillite, cistite non complicata e bronchite acuta. Tuttavia, i tassi di inappropriatezza d’uso sono in calo. È quanto emerge dal rapporto ‘L’uso degli antibiotici in Italia 2018‘ dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), presentato oggi a Roma.

Nel 2018 il consumo totale di antibiotici (comprensivo dell’acquisto privato) è stato di 21,4 dosi giornaliere ogni mille abitanti (Ddd/1000 ab die). Un valore in lievissimo aumento, dato che lo scorso anno era stato di 20,9 dosi al giorno per mille abitanti (+0,5). Ma il trend degli ultimi anni è comunque in calo.

«Dal punto di vista dello sviluppo di nuove molecole, l’ultima con un innovativo meccanismo d’azione risale a 35 anni fa. Questo lascia capire che la ricerca in quest’area si è un po’ fermata o non ha trovato in questi anni gli incentivi giusti per continuare». Così il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi, introducendo la presentazione del rapporto.

LEGGI ANCHE: ANTIBIOTICO-RESISTENZA, 700MILA DECESSI L’ANNO. IL VADEMECUM DEL SITI: ESTENDERE COPERTURA VACCINO ANTINFLUENZALE

«Ogni volta che usiamo un antibiotico – ha aggiunto – contribuiamo a sviluppo di antibioticoresistenza. Ciò significa che deve essere usato nel modo più appropriato possibile per goderne dei benefici quando serve ed evitare l’insorgenza della resistenza attraverso un uso inappropriato». La mortalità per batteri resistenti, ha ricordato Li Bassi, sta aumentando in modo significativo. «In Italia abbiamo 10mila morti ogni anno per antibioticoresistenza e un batterio su tre è diventato resistente». Questo trend negativo, ha proseguito, «ci vede insieme ad aree del Sud e dell’Est Europa, dove l’uso degli antibiotici e la resistenza ad essi sono più diffuse rispetto al Nord Europa. E lo stesso gradiente lo vediamo, a livello nazionale, tra Nord e Sud Italia».

«C’è la necessità di educazione e informazione sia degli operatori sanitari sia dei pazienti» spiega ai microfoni di Sanità Informazione, il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco. Dal Rapporto emerge «un segnale di maggior consapevolezza e un minor uso di antibiotici, anche se abbastanza debole». Riguardo alle prescrizioni dei medici di famiglia e pediatri: «Esiste ad esempio una correlazione con i picchi influenzali che in teoria non ci dovrebbe essere, perché i picchi influenzali sono dovuti ai virus, se non ai microrganismi. Vorremmo vederlo più forte – conclude Li Bassi – c’è ampio spazio di miglioramento».

Articoli correlati
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
Medicinali online, Aifa segnala un aumento delle segnalazioni di prodotti illegali
Attenzione alle "offerte imperdibili" sui medicinali online, di solito sono false. Aifa ricorda di fare attenzione ai prodotti non conformi: con EBay rimosse molte inserzioni ingannevoli
Aifa revoca il blocco AstraZeneca e si torna a vaccinare. Le raccomandazioni di Magrini
Con una conferenza congiunta di Magrini, Rezza e Locatelli l'Aifa annuncia il ritorno di AstraZeneca nella campagna di vaccinazione. Si indaga sui casi gravi di trombosi: 25 su 20 milioni di vaccinati in tutta Europa. Ma sul foglio illustrativo ci saranno delle aggiunte
AstraZeneca, Palù: «Eccesso di precauzione, reazioni possibili ma rare». Magrini: «Nessuna connessione è stata stabilita»
Presidente e Direttore generale dell'Agenzia Italiana del Farmaco sono stati ascoltati dalla Commissione Affari Sociali della Camera. Palù: «Dobbiamo guardare ai numeri: l’incidenza della trombosi nei vaccinati è inferiore di quella nella popolazione normale. EMA potrebbe valutare se c’è una popolazione a rischio»
Aifa approva terapia genica per bambini affetti da SMA1 fino a 13,5 kg di peso
Il farmaco approvato dall’Aifa è una vera rivoluzione in grado di cambiare il decorso della malattia. Fino ad oggi era previsto l’accesso anticipato fino a 6 mesi, ora potranno accedervi bambini con un’età media intorno ai 3 anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...