Salute 4 Maggio 2022 15:22

Infermieri in fuga all’estero, in Svizzera stipendi d’oro e carriera

Migliaia di infermieri italiani hanno deciso di lavorare all’estero. Tra le mete ambite c’è la Svizzera

Infermieri in fuga all’estero, in Svizzera stipendi d’oro e carriera

Peggiora la già grave emorragia di infermieri in Italia. Negli ultimi anni in migliaia hanno lasciato il nostro paese per raggiungere mete in cui la professione è ben retribuita e in cui ci sono maggiori possibilità di carriera. Tra le mete più ambite, specialmente tra gli infermieri in Lombardia, c’è la Svizzera. Molti lavorano come pendolari, nonostante lo stress. Molti altri scelgono proprio di trasferirsi.

L’allarme è stato lanciato da Nursing Up, che riporta gli ultimi dati forniti dall’Associazione socio sanitaria territoriale lariana (Asst). Secondo le stime, solo nel 2021 sono stati ben 283 i dipendenti che hanno abbandonato volontariamente la professione. Di questi oltre un centinaio, «hanno passato il confine» e hanno scelto in questi mesi di diventare frontalieri, per lavorare in pianta stabile nella sanità elvetica.

Mangiacavalli (Fnopi): «Negli ultimi 10 anni, 20mila infermieri sono andati all’estero»

«In realtà, questo fenomeno ha radici molto più profonde», spiega Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale di operatori sanitari (Fnopi). «Negli ultimi 10-15 anni ben 20mila infermieri hanno deciso di lavorare all’estero. Una scelta difficile, questa, motivata da una retribuzione migliore – continua – e da una maggiore possibilità di crescita professionale e di carriera». Per molti, quindi, andare all’estero sembra essere l’unico modo per continuare a svolgere dignitosamente la propria professione.

Dalla Lombardia alla Svizzera, cresce la fuga degli infermieri

La situazione è certamente peggiorata con la pandemia. Nursing Up riporta un esempio emblematico: negli ultimi due anni oltre 150 persone, tra i dipendenti della sanità pubblica, nelle province di Como e Lecco, si sono licenziate e si sono impiegate nella Confederazione elvetica. Nel settore sociosanitario del Ticino, che occupa in totale quasi 16mila dipendenti, 4300 sono i frontalieri. Di questi il 70% si compone di italiani (per la maggior parte lombardi). «Si tratta di numeri reali, a dir poco allarmanti, che evidenziano, da un lato, come la carenza infermieristica nella Regione Lombardia, da strutturale quale era, è arrivata a toccare l’apice con la pandemia, sfiorando, da sola, oggi, le 10mila unità», scrive Nursing Up in una nota.

Le condizioni lavorative di un infermiere in Svizzera sono molto attrattive

«Ma se da un lato – esordisce Antonio De Palma, presidente nazionale del Nursing Up – non ci sorprende quanto accade in un territorio come la Lombardia, che ha pagato più di tutti, sin dall’inizio, lo scotto dell’emergenza sanitaria, viene naturale chiedersi quali siano, ancora oggi, le differenze così abissali che spingono tanti operatori sanitari a lasciare volontariamente le nostre strutture pubbliche e private, per decidere di mettersi in viaggio ogni giorno verso la vicina Svizzera, che a questo punto, nonostante le sue problematiche, almeno paragonata all’Italia, rappresenta una vera e propria isola felice». Le condizioni lavorative di un infermiere in Svizzera sono davvero molto attrattive.

Le differenze di retribuzione tra Italia e Svizzera sono abissali

Come riporta Nursing Up, un infermiere professionista, con pochi anni di esperienza alle spalle, in un ospedale del Ticino, si aggira intorno a poco meno di 5200 franchi svizzeri lordi, ossia poco più di 5060 euro lordi (a questi dobbiamo togliere le tasse che in Svizzera non sono cosa da poco). Niente male rispetto ai 1400/1500 euro netti italiani di stipendio medio. Inoltre, in Svizzera l’infermiere, acquisiti almeno 15 anni di anzianità di servizio, può raggiungere oltre 9000 franchi svizzeri (8760 euro), da cui vanno sempre detratte le tasse. Ma non è la sola Svizzera ad attirare gli infermieri italiani. Germania, Inghilterra e Lussemburgo sono altre mete ambite. «Solo stipendi davvero dignitosi, che oggi sono ancora una triste chimera, in un sistema con una carenza di 80-85 mila operatori sanitari, consentirebbero di arginare la fuga, più che giustificata, in atto da anni», conclude De Palma.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata vittime Covid, Fnopi: «D’accordo con Schillaci, ora la priorità è investire sul capitale umano»
Tra gli infermieri 90 decessi e oltre 390mila contagi, per chi ha accompagnato fino alla fine  le persone colpite più duramente dal virus
Infermieri, Fnopi: «Soddisfatti per estensione a 8 ore del tetto dell’attività libero professionale»
La Federazione degli Ordini degli Infermieri: «Strada intrapresa è corretta, ora investire per nuove assunzioni»
Comparto sanità, Nursind sindacato con più iscritti secondo dati Aran
«Siamo il primo sindacato infermieristico e il quarto del comparto sanità. La nostra organizzazione non solo è in crescita, ma è anche sempre più un punto di riferimento stabile nel panorama sindacale del settore». Lo afferma Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commentando i dati della certificazione della rappresentatività dell’Aran. Rispetto al triennio 2019-2021, il […]
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...