Lavoro 22 Aprile 2022 17:57

Mancano infermieri? Uneba Lombardia si rivolge alle Università del Sud America

Il progetto prevede l’arrivo nei prossimi mesi di infermieri da Perù, Paraguay e Argentina a cui verrà fatto un corso di lingua italiana, fornito un alloggio e una formazione per equiparare il titolo a quello delle università europee. Degani (presidente Uneba Lombardia): «Risposta contingente ad un problema strutturale, ma lanciamo un appello al governo affinché venga rivisto il numero chiuso nelle facoltà italiane»

Per far fronte alla carenza di medici e infermieri, ormai cronica nel sistema sanitario italiano, Uneba Lombardia, associazione che gestisce oltre 400 RSA e un centinaio di RSD sul territorio ha deciso di reclutare professionisti in Sud America con un progetto che è stato presentato ieri nella sede milanese dell’ente.

«Il progetto si sviluppa su due livelli: il primo di reclutamento dei colleghi stranieri, per questo abbiamo realizzato un video che sarà distribuito sia sui social che nelle sedi universitarie individuate perché gli infermieri stranieri scelgano di venire in Italia – spiega Paola Cattin, responsabile della formazione in UNEBA Lombardia e direttore di una RSA -. Finito il percorso di accreditamento e riconoscimento del titolo, una volta arrivati in Italia, agli infermieri verrà messo a disposizione un alloggio, un corso di lingua italiana, l’iscrizione all’ordine e di inserimento nel mondo del lavoro. L’altro piano su cui stiamo lavorando per gli infermieri stranieri è il riconoscimento del titolo conseguito nelle università straniere, in modo che possano essere velocemente introdotti nel mercato del lavoro italiano».

Nella sola Lombardia si stima che manchino circa 4000 infermieri, e a fronte di questa carenza Uneba ha avviato una sperimentazione e un dialogo con l’Università Cattolica del Perù, del Paraguay e con l’ospedale italiano di Buenos Aires in Argentina. Una scelta dettata da una vicinanza linguistica e culturale, oltre che da una competenza simile agli standard formativi europei.

«La nostra è una risposta contingente ad un problema strutturale – aggiunge Luca Degani Presidente UNEBA Lombardia – mancano medici e infermieri, in particolare rivolto alla fragilità: anziani e disabili e alla cronicità. Per questo stiamo reperendo figure infermieristiche e mediche nelle principali università sudamericane e stiamo ragionando con l’organizzazione di rappresentanza degli infermieri per creare figure intermedie sul modello italiano. Allo stesso modo rivolgiamo un appello al Governo affinché i numeri chiusi nelle professioni sanitarie vengano ridefiniti in base ai bisogni e anche per le scuole superiori venga previsto l’accesso diretto al mondo del lavoro a chi fa l’istituto tecnico per operatore sanitario».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali