Salute 16 gennaio 2019

Infermieri e intramoenia, come funziona in Italia? Cavaliere (CID): «Più autonomia per fidelizzare paziente e combattere lavoro nero»

«L’infermiere può svolgere attività intramuraria solo in equipe, chiediamo riconoscimento e tariffe adeguate alle nostre competenze», l’appello di Bruno Cavaliere, presidente del Comitato Infermieri Dirigenti

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Gli infermieri vorrebbero diventare attori del servizio intramoenia per poter godere di una loro esclusività, un loro tariffario e costruire un rapporto di fiducia con il paziente». Così Bruno Cavaliere, presidente del Comitato Infermieri Dirigenti, spiega il motivo per cui la categoria degli infermieri rappresentata dalla Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (FNOPI), chiede la possibilità di poter esercitare l’attività libero professionale intramuraria.

«Attualmente in Italia – spiega Cavaliere -, gli infermieri fanno intramoenia ma solo ‘di supporto’, cioè in equipe assistenziale, senza essere titolari di un rapporto esclusivo ma concorrendo all’erogazione delle prestazioni che il medico fa come attore». Difatti il tentativo di regolamentare l’intramoenia per gli infermieri è stato fatto nel 2017 con un emendamento a firma di alcuni senatori FI e Pdl ma non ha mai visto la luce ed è rimasto sulla carta.

LEGGI ANCHE: INTRAMOENIA, QUICI (CIMO): «È UN RISPARMIO MA NON VIENE REINVESTITO SULLE LISTE D’ATTESA, ANZI…»

«Vorrei chiarire – prosegue -, che la richiesta di autonomia da parte della categoria è ben lontana dal voler sostituire qualche professionista, ma semplicemente mira a soddisfare le richieste degli assistiti e a combattere il lavoro in nero». Su questo aspetto uno studio del Censis ha fatto notare che la mancanza di regolarizzazione dell’attività professionale infermieristica extra servizi assistenziali, contribuisce ad aumentare il lavoro sommerso. «Questo studio lo abbiamo preso come riferimento – aggiunge il presidente del Comitato -, proprio per definire la dimensione di questo fenomeno e per portarlo all’attenzione delle parti politiche. L’obiettivo è evidenziare la necessità di istituire erogazione di prestazioni in intramoenia legalmente costituite con regole e tariffe, quindi con una democraticità protetta e maggiore trasparenza per il cittadino».

Da non trascurare «il vantaggio che si potrebbe avere in termini di liste d’attesa», sottolinea Cavaliere. «Il problema di fondo delle liste di attesa è di tipo strutturale, organizzativo, di cabine di regia; cioè difficoltà a livello di gestione delle prenotazioni, di modalità anche tecnologiche, basta pensare al pagamento dei ticket, all’erogazione degli esami e al successivo ritiro. Noi pensiamo che il problema delle liste risieda in questi meccanismi poco oliati invece che nell’attività intramoenia (come molti sostengono), anzi quest’ultima potrebbe aiutare lo snellimento».

Tuttavia prima di regolamentare l’intramoenia per gli infermieri «dobbiamo risolvere il nodo tariffe», ci tiene a precisare il presidente. «L’attività intramoenia consentita, cioè quella in team assistenziale, è considerata extra lavorativa (esattamente come quella del medico), dunque viene retribuita con delle tariffe extra che necessitano urgentemente di aggiornamento. Infatti – conclude -, si tratta di cifre in molti casi improponibili perché stabilite circa un ventennio fa. Nel frattempo la professione infermieristica, come molte altre, si è evoluta, è cresciuta, ora gli infermieri possiedono una laurea abilitante, dunque occorre adeguare le retribuzioni alle professionalità».

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Nursing Up : «Ora basta, chiediamo presidi h24». Appello a Salvini: «Tuteli ordine pubblico»
Il sindacato degli infermieri Nursing Up ha espresso la sua opinione sulle violenze avvenute ieri all’ospedale di Boscotrecase, in provincia di Napoli, ai danni del personale sanitario da parte di alcuni familiari di una paziente deceduta nel nosocomio. «L’aggressione ai sanitari nell’ospedale di Boscotrecase, accompagnata dalle scene di devastazione del Pronto Soccorso, è un episodio gravissimo che condanniamo […]
Intramoenia, medici che la esercitano in calo dal 48% al 43,3%. Record nelle Marche, Bolzano in coda
Secondo la Relazione annuale sull’esercizio dell’attività libero professionale intramuraria tocca i valori minimi in Sardegna, Sicilia, Calabria, Umbria. 17 le Regioni che hanno provveduto ad emanare/aggiornare le linee guida regionali
Nursing Up cambia logo e offre nuovi servizi: «Siamo vicini agli infermieri anche fuori dal lavoro»
Restyling del logo e nuovi servizi a disposizione degli infermieri raccontati in un video online: queste le novità 2019 del sindacato di categoria Nursing Up, che intende affiancare alle sue battaglie storiche strumenti innovativi e di supporto ai professionisti della salute, e anche una rinnovata veste grafica. “Per i vent’anni di vita abbiamo deciso di […]
Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»
«Dignità, ascolto e rispetto, valori alla base del sapere e dell'agire infermieristico. Diamo avvio a rete per accesso alle cure palliative e terapia del dolore». Così la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...