Salute 14 Maggio 2020

Indagine all’Università Statale di Milano, 10% contagiato dal Covid-19

Lo testimonia una survey anonima che ha collezionato i sintomi Covid-like in 14mila tra studenti e personale dell’ateneo. I più colpiti giovani, fumatori e sovrappeso

Un contagiato da Sars-CoV-2 su 10 all’interno dell’università Statale di Milano. Una survey a cui si sono sottoposte 14mila persone fra studenti e personale, condotta nel periodo tra il 14 e il 30 aprile 2020, attesta questo risultato. Il questionario includeva una serie di domande sui sintomi correlati a Covid-19 (febbre, cefalea, raffreddore, tosse, anosmia, disturbi gastrointestinali, e separatamente febbre oltre 38,5° C) nelle tre settimane precedenti. «La nostra indagine – spiegano gli autori – conferma che circa il 10% della nostra comunità accademica sarebbe stata affetta dalla malattia», anche considerando che non tutti i sintomi sono riconducibili al Covid-19.

L’indagine epidemiologica è stata coordinata dall’epidemiologo Carlo La Vecchia e supportata tecnicamente dal Ctu, il centro per l’innovazione didattica e le tecnologie multimediali di ateneo. «Questi dati confermano pertanto che, anche ignorando i casi asintomatici, Covid-19 ha colpito una parte sostanziale della comunità accademica in marzo e aprile, ampiamente superiore rispetto ai casi registrati», dichiarano i ricercatori. Nel periodo preso in esame 217 persone hanno eseguito almeno un tampone e di queste, 46 erano risultate positive.

LEGGI ANCHE: AUDIZIONI IN PARLAMENTO, GLI ESPERTI FANNO IL PUNTO SULL’EVOLUZIONE DELL’EPIDEMIA, LA SIEROPREVALENZA, LA TERAPIA AL PLASMA E I VACCINI 

Quanto alla prevalenza di sintomi Covid-like, nel periodo dal 24 marzo al 30 aprile ne ha riportati il 21,8% dei partecipanti alla survey (3.138 persone), e l’1,5% (219 persone) ha segnalato febbre superiore a 38,5° C. La frequenza di chi ha riferito sintomi era simile in donne e uomini, leggermente più alta nei giovani (in larga parte studenti), nei fumatori e nei soggetti sovrappeso, elencano i ricercatori.

La giovane età della maggioranza della popolazione indagata, fanno notare, suggerisce che «una proporzione rilevante di tali sintomi possa essere attribuita a Covid-19, e non a patologie croniche eventualmente associate a tali sintomi principalmente nei soggetti più anziani». L’indagine ha fotografato anche un minor rischio relativo di sintomi moderati-gravi nelle donne, tipico di Covid. Il 64% dei soggetti con sintomi ha riportato almeno un coabitante con sintomi, rispetto al 14% dei soggetti asintomatici.

«Siamo soddisfatti e orgogliosi dell’ampia adesione dell’ateneo a questa indagine – commenta Maria Pia Abbracchio, prorettrice a Strategie e politiche della ricerca –. Non solo il personale sanitario e i ricercatori, ma tutte le componenti della nostra università, inclusa quella studentesca, fanno la loro parte nella risposta a Covid-19».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nuovo report Covid: «Rt a 0,91. In 15 Regioni diminuzione significativa nella trasmissibilità»
Nuovo report con il monitoraggio settimanale elaborato dall'Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute, con i dati relativi alla settimana dal 23 al 29 novembre
Codici: «Chiediamo trasparenza sul costo dei vaccini contro il Covid-19»
L’associazione dei consumatori Codici, con una lettera inviata al Ministero della Salute, lancia un’operazione verità per fare chiarezza sui contratti di acquisto dei vaccini contro il Covid19
Campagna vaccinazione anti-Covid, cosa prevede nel dettaglio il piano strategico
Dalle categorie che dovranno sottoporsi subito alla vaccinazione all’organizzazione dei punti vaccinali e delle figure coinvolte, dall’implementazione dei sistemi informatici e della comunicazione al monitoraggio di eventuali reazioni avverse
Con le USCAR i fisioterapisti a casa dei pazienti Covid positivi: in Toscana la prima sperimentazione in Italia
Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale Riabilitativa attivate nella USL Toscana Centro andranno dai pazienti per accoglierli nel percorso riabilitativo. «In questo modo gli ospedali dimetteranno con più facilità» spiega il fisioterapista Fabio Bracciantini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli