Salute 14 Maggio 2020 10:15

Indagine all’Università Statale di Milano, 10% contagiato dal Covid-19

Lo testimonia una survey anonima che ha collezionato i sintomi Covid-like in 14mila tra studenti e personale dell’ateneo. I più colpiti giovani, fumatori e sovrappeso

Un contagiato da Sars-CoV-2 su 10 all’interno dell’università Statale di Milano. Una survey a cui si sono sottoposte 14mila persone fra studenti e personale, condotta nel periodo tra il 14 e il 30 aprile 2020, attesta questo risultato. Il questionario includeva una serie di domande sui sintomi correlati a Covid-19 (febbre, cefalea, raffreddore, tosse, anosmia, disturbi gastrointestinali, e separatamente febbre oltre 38,5° C) nelle tre settimane precedenti. «La nostra indagine – spiegano gli autori – conferma che circa il 10% della nostra comunità accademica sarebbe stata affetta dalla malattia», anche considerando che non tutti i sintomi sono riconducibili al Covid-19.

L’indagine epidemiologica è stata coordinata dall’epidemiologo Carlo La Vecchia e supportata tecnicamente dal Ctu, il centro per l’innovazione didattica e le tecnologie multimediali di ateneo. «Questi dati confermano pertanto che, anche ignorando i casi asintomatici, Covid-19 ha colpito una parte sostanziale della comunità accademica in marzo e aprile, ampiamente superiore rispetto ai casi registrati», dichiarano i ricercatori. Nel periodo preso in esame 217 persone hanno eseguito almeno un tampone e di queste, 46 erano risultate positive.

LEGGI ANCHE: AUDIZIONI IN PARLAMENTO, GLI ESPERTI FANNO IL PUNTO SULL’EVOLUZIONE DELL’EPIDEMIA, LA SIEROPREVALENZA, LA TERAPIA AL PLASMA E I VACCINI 

Quanto alla prevalenza di sintomi Covid-like, nel periodo dal 24 marzo al 30 aprile ne ha riportati il 21,8% dei partecipanti alla survey (3.138 persone), e l’1,5% (219 persone) ha segnalato febbre superiore a 38,5° C. La frequenza di chi ha riferito sintomi era simile in donne e uomini, leggermente più alta nei giovani (in larga parte studenti), nei fumatori e nei soggetti sovrappeso, elencano i ricercatori.

La giovane età della maggioranza della popolazione indagata, fanno notare, suggerisce che «una proporzione rilevante di tali sintomi possa essere attribuita a Covid-19, e non a patologie croniche eventualmente associate a tali sintomi principalmente nei soggetti più anziani». L’indagine ha fotografato anche un minor rischio relativo di sintomi moderati-gravi nelle donne, tipico di Covid. Il 64% dei soggetti con sintomi ha riportato almeno un coabitante con sintomi, rispetto al 14% dei soggetti asintomatici.

«Siamo soddisfatti e orgogliosi dell’ampia adesione dell’ateneo a questa indagine – commenta Maria Pia Abbracchio, prorettrice a Strategie e politiche della ricerca –. Non solo il personale sanitario e i ricercatori, ma tutte le componenti della nostra università, inclusa quella studentesca, fanno la loro parte nella risposta a Covid-19».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...