Salute 8 Agosto 2019

Cinque milioni di italiani soffrono di incontinenza. I consigli dell’esperta per le vacanze

La prevenzione comincia in tenera età: «Insegnare ai propri figli ad urinare ad intervalli regolari, assumendo una posizione comoda sul water con gambe divaricate e rilassate. Anche il pavimento pelvico deve essere in completo relax: la minzione deve avvenire per rilasciamento e non per spinta»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Salviette intime, fazzoletti di carta, biancheria intima e abiti di scorta per potersi cambiare in caso di bisogno, traverse da letto assorbenti per sentirsi a proprio agio anche se si dorme in hotel o a casa di amici, buste in plastica per riporre gli indumenti umidi o per smaltire gli accessori usati: ecco cosa non deve mai mancare nella valigia di chi soffre di incontinenza. Una lista che potrà tornare utile a non pochi vacanzieri, considerando che in Italia sono cinque milioni le persone, al di sopra dei 18 anni, che soffrono di incontinenza.

«Si tratta di un problema molto diffuso – spiega Antonella Biroli, presidente del comitato scientifico della Fondazione italiana continenza e componente del team di Rieducazione Neurologica e delle Disfunzioni autonome SC Medicina Fisica e Riabilitazione dell’ASL Città di Torino, Ospedale San Giovanni Bosco -. Un disturbo che, a differenza di quanto si possa immaginare, non risparmia nessuno, né per genere né per età, anche se, di solito, tendiamo ad associare l’incontinenza all’anziano».

REGOLARE L’ASSUNZIONE DI LIQUIDI

Ma chi soffre di incontinenza urinaria, che sia giovane o meno giovane, non deve mai rinunciare ai suoi programmi quotidiani, viaggi compresi: «L’importante – dice l’esperta – è rispettare poche semplici regole. Prima di tutto, va ricordato che la frequenza urinaria è proporzionale all’assunzione di liquidi. Pertanto, se si deve affrontare un lungo viaggio è consigliabile ridurre le bevande, facendo attenzione però a non esagerare, rischiando una disidratazione. In estate, soprattutto quando le temperature elevate fanno aumentare la nostra sudorazione, sarà necessario bere almeno due litri di acqua durante il corso della giornata. Anche frutta e verdura contribuiscono alla nostra idratazione».

INDOSSARE INDUMENTI ADEGUATI

Igiene intima e indumenti adeguati, poi, sono due importanti alleati dell’incontinenza: «È preferibile indossare biancheria di fibre naturali ed utilizzare detergenti non troppo  aggressivi che potrebbero impoverire le mucose. I microbi – sottolinea Biroli – potrebbero aggravare la situazione, favorendo l’insorgenza di cistiti e aumentando l’urgenza urinaria».

L’INCONTINENZA NELLE DONNE 

Sono soprattutto le donne, con un rapporto tra i due sessi di 2,7 a 1, a soffrire di incontinenza: «Il problema – commenta la presidente del comitato scientifico della Fondazione italiana continenza – affligge circa il 9-10% delle più giovani e il parto può rappresentare una delle principali cause scatenanti, così come, più avanti negli anni, la menopausa, che può rientrare tra i fattori di rischio. Le perdite possono colpire fino al 25% del gentil sesso in età adulta. Percentuale che aumenta al 50% tra le persone anziane e sfiora l’80% se si tratta di signore allettate».

L’INCONTINENZA NEGLI UOMINI

Ma se la donna è più soggetta a problemi di incontinenza per una questione anatomica, il maschio non può dirsi esente dal problema: «Carcinomi della prostata, chirurgia o radio terapia – spiega la specialista – sono tra i fattori di rischio più diffusi tra gli uomini».

L’INCONTINENZA NEI BAMBINI

Nei bambini, invece, bisognerà attendere almeno il compimento del sesto anno di età per poter parlare di effettiva incontinenza: «I più piccoli – aggiunge Biroli – tendono a rimandare  la minzione perché distratti dal gioco. Le femminucce, invece, possono evitare di fare la pipì a scuola, ritenendo che quei bagni non siano di loro gradimento. Eppure, educare ad una corretta minzione proprio in tenera età è proprio una delle principali armi di prevenzione per evitare una futura incontinenza. Innanzitutto, è necessario insegnare ai propri figli ad urinare ad intervalli regolari, assumendo una posizione comoda sul water con gambe divaricate e rilassate, tirando le mutandine giù fino alle caviglie. Anche il pavimento pelvico deve essere in completo relax: la minzione deve avvenire per rilasciamento e non per spinta. Tra le bambine la comparsa frequente di cistite può essere un campanello di allarme di minzione disfunzionale».

LE SOLUZIONI

Ma niente paura: se nonostante tutti gli accorgimenti necessari l’incontinenza dovesse comunque presentarsi, è bene ricordare che di incontinenza si può guarire o, nei casi più gravi, si può almeno puntare ad un miglioramento della qualità della vita: «Esistono delle terapie di tipo conservativo-riabilitativo – spiega l’esperta -come l’educazione ad urinare correttamente, l’autocontrollo della vescica e la riabilitazione del pavimento pelvico e di tutto il sistema della continenza. Queste terapie possono essere seguite a qualsiasi età: è compito dello specialista individuare la tipologia più adeguata alla situazione del singolo paziente. Per l’incontinenza da urgenza o causata da vescica iperattiva abbiamo a disposizione anche dei farmaci efficaci; per l’incontinenza urinaria da sforzo è, invece  – conclude Birolo – la chirurgia a dare degli ottimi risultati».

LEGGI ANCHE: INCONTINENZA: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

Articoli correlati
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
Tumore alla prostata: ecco il vademecum in sette punti
Si è spenta la luce azzurra sulla statua di Napoleone Bonaparte a Milano, illuminata dal 26 novembre per la sensibilizzazione sul tumore alla prostata: è l’ultima delle 5 statue del nostro patrimonio artistico coinvolte nella campagna Novembre Azzurro. Si chiude con successo il tour promosso da Europa Uomo, l’associazione che da oltre 15 anni è […]
Tumore prostata, nasce il nuovo centro urologia alla Sanatrix di Roma
Porte aperte alla Casa di cura Sanatrix di Roma per la prevenzione dei tumori della prostata. Sabato 24 novembre, dalle 10 alle 20, la struttura privata di via di Trasone 61, in zona Nomentana, metterà a disposizione dei pazienti un’equipe di medici e personale specializzato per promuovere una giornata di sensibilizzazione. L’occasione è la nascita di […]
Dal sonno all’attività fisica, ecco i consigli per il rientro a scuola
Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone