Salute 20 Maggio 2020 09:00

Coronavirus, continuano le occasioni di vacanze gratuite per medici, infermieri e sanitari

Solidarietà, riconoscenza ma anche voglia di ripartire per le strutture turistiche: possibilità dalla Puglia alla Riviera

di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, continuano le occasioni di vacanze gratuite per medici, infermieri e sanitari

Riconoscenza, gratitudine, tributo: dopo le prime voci dei tantissimi operatori turistici che stanno proponendo vacanze gratuite e pacchetti scontati a medici e personale sanitario, protagonisti dei giorni dell’epidemia da coronavirus, la solidarietà sembra propagarsi. Altre realtà dell’accoglienza e del turismo contattano Sanità Informazione per raccontare le loro iniziative a beneficio di chi, negli ospedali, «ha dato il proprio tempo e in alcuni casi la propria vita»; così Giulia Apicella, titolare dell’Hotel Miramare a Rodi Garganico che, raggiunta al telefono, spiega: «Abbiamo attraversato un periodo molto difficile, alcuni – molti direi – medici hanno perso la vita e cercavamo un modo per dire grazie. Non sapevamo in che modo offrire il nostro aiuto in maniera materiale e quanto fatto da alcune strutture ricettive nostre amiche ci sembrava un ottimo strumento». La struttura sul promontorio foggiano mette a disposizione «soggiorni a mezza pensione gratuiti per eventuali medici, infermieri, personale sanitario, più formule di scontistica per accompagnatori». La titolare racconta di star sensibilizzando sull’iniziativa anche «bar, ristoranti e altri esercizi commerciali» che si sono detti interessati a partecipare «dando disponibilità di vario genere, dagli sconti, agli aperitivi la sera, alle colazioni». «Devo ancora capire bene quando sarò nelle condizioni di aprire – aggiunge – e in base a questo modulerò le offerte».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, DA NORD A SUD ITALIA VACANZE GRATIS PER MEDICI E PROFESSIONISTI SANITARI

Rimaniamo a Rodi Garganico con lo staff del Villaggio Albergo Due Pini: «Vorrei evitare che ci si trovi in una situazione, come dicono da noi, di ‘passata la festa, gabbato lo santo’. Tanta solidarietà, ringraziamenti ai medici e poi nessuno li ricorda più. I medici hanno lottato, quando c’è stato da ballare hanno ballato ed è giusto riconoscere a queste persone nei limiti del possibile un riscatto per l’impegno. Per loro è stato un periodo critico e difficile e lo so perché molti dei nostri clienti storici sono medici e sanitari», spiega al telefono la titolare: «Sono rimasta sconcertata dal sapere che i nostri amici facevano ore e ore di servizio continuativo molto spesso senza dispositivi di protezione individuale». La struttura, spiega, è intenzionata a offrire a medici e sanitari «soggiorni di 5 giorni gratuiti in un alloggio con angolo cottura e servizi inclusi. Abbiamo intenzione di aprire il 28 giugno e avremo disponibilità fino al 12 luglio. Alcuni mi stanno chiedendo per la settimana di Ferragosto ma sfortunatamente non siamo nelle condizioni di offrire gratuità in quel periodo. Dico però comunque a tutti di scriverci e di chiederci, proveremo in ogni caso ad avere un occhio di riguardo e a praticare tutte le scontistiche possibili», aggiunge.

Saliamo sull’Adriatico e andiamo a Ravenna, in piena Riviera dove il Consorzio Camping e Natura che raccoglie circa 60mila posti fra campeggi, villaggi vacanze, bungalow e case d’alloggio in varia formula «ha lanciato l’iniziativa di 150 soggiorni gratuiti per personale medico in strutture camping», ci spiega Carlo Ravaioli, responsabile del consorzio, «con varie possibilità per piazzole, camper, case mobili, bungalow, tende». L’iniziativa è ancora in fase di definizione a livello di «criteri di allocazione e di precedenza», confessando che magari sarà tenuto «un occhio di riguardo per i sanitari provenienti dalla provincia di Piacenza», come tributo territoriale, insomma. Le motivazioni, ancora una volta, sono assolutamente incardinate nelle tristi immagini viste alla tv in queste settimane; ma non solo: «Quando abbiamo predisposto l’iniziativa, ci siamo mossi sulla base di un pensiero di riconoscenza, perché le immagini che vedevamo tutte le sere in tv… confesso che a un certo punto ho smesso di guardarle, perché temevo di finire in depressione. Una vicenda davvero triste che ci ha toccato nel profondo. In seconda battuta – spiega Ravaioli – questa può essere un’occasione anche per noi. Se questo dono viene recepito e fiorisce vuol dire che anche noi del settore turismo possiamo ripartire, possiamo ricominciare a lavorare, che la stagione riparte. Insomma, che possiamo crederci. Ed ecco che questa iniziativa – conclude il responsabile del consorzio – può unire solidarietà e speranza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 maggio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Varianti coronavirus, l’immunologo Abrignani: «Già al lavoro per nuovi vaccini»
Presentato il Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del virus Sars-CoV-2. Il direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare del Policlinico di Milano: «La sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio è fondamentale»
di Federica Bosco
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
Covid-19 e infodemia, il vademecum per districarsi in un oceano di informazioni
Che differenza c’è tra studio osservazionale e studio clinico controllato e randomizzato? Qual è il più affidabile? Di cosa si occupano, esattamente, virologi, infettivologi e immunologi? Giovanni De Gaetano, Presidente dell'IRCCS Istituto Mediterraneo Neuromed ci aiuta a capirne un po’ di più
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...