Salute 20 Novembre 2020 18:56

In Italia Rt a 1.18. Brusaferro: «Valori scendono, ma situazione ancora critica»

«Gli indici dei posti letto e delle terapie intensive non sono positivi. Gli ospedali saranno in sofferenza ancora per settimane», chiarisce Gianni Rezza direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute

Scende «a 1.18 il valore dell’Rt a livello nazionale». Il report settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità con il Ministero della Salute inizia con un “dato positivo”. «Si riscontrano valori medi di Rt tra 1 e 1.25 nella maggior parte delle Regioni e province autonome – si legge – da questa settimana in alcune Regioni il valore di Rt stimato è inferiore a 1». Sotto 1 si registra in Lazio, Liguria, Molise e Sardegna.

«Si osserva una riduzione nella trasmissibilità – prosegue il comunicato – rispetto alla settimana precedente, suggerendo un iniziale effetto delle misure di mitigazione introdotte a livello nazionale e regionale dal 14 ottobre. Tuttavia, poiché la trasmissibilità in gran parte del territorio è ancora con un indice Rt sopra 1 e comporta un aumento dei nuovi casi, questo andamento non deve portare ad un rilassamento delle misure o ad un abbassamento dell’attenzione nei comportamenti».

Tre regioni a rischio moderato, Friuli Venezia-Giulia, Molise e Veneto, mostrano «probabilità elevata di progredire a rischio alto nel prossimo mese». Per questo «si raccomanda alle autorità sanitarie delle tre Regioni/PA di valutare la possibile adozione di ulteriori misure di mitigazione». Oggi la nuova ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza ha mantenuto la situazione stabile.

I DATI DI OGGI

Sono 37.242 i nuovi contagi in Italia secondo i dati resi noti oggi nel bollettino del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 699 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 238.077 tamponi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 3.748, con un incremento di 36 unità.

LIVELLI CRITICI NELLA RESILIENZA OSPEDALIERA

«Sono 18 le Regioni che al 17 novembre avevano superato almeno una soglia critica in area medica o terapia intensiva. Nel caso si mantenga l’attuale trasmissibilità, quasi tutte le Regioni e province autonome hanno una probabilità maggiore del 50% di superare almeno una di queste soglie entro il prossimo mese», prosegue il report.

Nonostante qualche miglioramento, «che suggerisce un effetto positivo degli effetti di mitigazione apportati dal Governo, l’Italia si mantiene comunque a livelli critici, con un rischio alto per la maggior parte delle regioni, sia a causa dell’incidenza, che resta alta, sia perché i livelli di degenza e terapia intensiva sono molto impegnati». Lo ha precisato Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia su Covid-19.

NELLE REGIONI ALLERTE PER QUALITÀ DATI

Si segnalano inoltre «molteplici allerte» relative alla resilienza dei servizi sanitari territoriali delle Regioni. Soprattutto nel mantenere elevata «la qualità dei dati riportati al sistema di sorveglianza integrato». «Sia per tempestività (ritardo di notifica dei casi rapportati al sistema di sorveglianza su dati aggregati coordinati dal ministero della Salute) sia per completezza», è chiarito.

«Se da una parte possiamo vedere uno spiraglio, dall’altra dobbiamo tenere duro. Gli indici dei posti letto e delle terapie intensive non sono positivi. Gli ospedali saranno in sofferenza ancora per settimane». Gianni Rezza, direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute, vuole essere chiaro. «Si conferma un rallentamento, ma con un’incidenza ancora molto elevata – rimarca -. Siamo a oltre 700 casi per 100mila, quest’estate eravamo sui 10-15. Purtroppo anche con la diminuzione dell’Rt la sofferenza dei servizi sanitari durerà ancora».

«L’Italia si è mossa per tempo e il Piano nazionale di vaccinazione anti-Covid verrà presentato nei prossimi giorni dal ministro Speranza. Sostanzialmente ci siamo», ha aggiunto.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Covid, ISS: «Sale l’incidenza, RT stabile. Tre regioni a rischio alto, undici moderato»
L'incidenza settimanale cresce a 699 ogni 100.000 abitanti. L'indice di trasmissibilità si mantiene stabile, in calo l'occupazione delle terapie intensive. I dati principali emersi dalla Cabina di Regia ISS-ministero della salute
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Settimo rapporto Istat-Iss: da inizio pandemia eccesso di mortalità di 178mila decessi
Il rapporto contiene diversi capitoli aggiuntivi rispetto alle edizioni precedenti, fra cui l’analisi di un campione di 6.530 schede di morte relative a casi deceduti nel 2021 e riportati al sistema di sorveglianza integrata Covid-19 e un confronto l’andamento dell'eccesso di mortalità nell'UE
Iss, Rt a 0,73 e ricoveri ospedalieri ancora in discesa. Solo una regione a rischio alto
Continua a migliorare il quadro della pandemia nel nostro paese. I nuovi dati del report dell’Istituto Superiore di Sanità indicano un Rt medio di 0,73 e un calo dei ricoveri in area medica e intensiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale