Salute 10 Maggio 2022 10:22

Il software per mappare il calore del cervello in 3D sarà in grado di migliorare diagnosi e cure

Il prototipo, brevettato da un team di ingegneri biomedici guidato dal direttore del centro di tecnica avanzata e risonanza magnetica del Policlinico di Milano, Mario Rango, permetterà di avere una mappa del calore e stabilire la quantità da aggiungere o sottrarre nelle termoterapie senza ricorrere ad una tecnica invasiva

Misurare la conduzione di calore all’interno del cervello è la grande scoperta messa a punto da un software, oggetto del nuovo brevetto italiano ottenuto da un team di ingegneri biomedici guidati da Mario Rango, direttore del centro di tecnica avanzata e risonanza magnetica del Policlinico di Milano, per individuare eventuali anomalie. «Per la prima volta è stata rilevata la presenza di conduzione di calore all’interno del cervello, mentre in passato si credeva non ci fosse – spiega il neurologo – noi invece abbiamo dimostrato che c’è una elevata conduzione di calore che equivale e supera anche il calore prodotto dal cervello stesso».

Software da applicare alla risonanza magnetica

Per utilizzare il brevetto messo a punto da Rango e dal suo team, non servono macchine di ultima generazione, o sonde  invasive a livello cerebrale – che tra l’altro forniscono il valore di un singolo punto -, ma è sufficiente una risonanza magnetica attraverso la quale si produce una mappa 3D che misura il calore prodotto in alcune aree del cervello e permette di stabilire la quantità da aggiungere o sottrarre nelle termoterapie. «In pratica grazie a questo strumento – prosegue nell’analisi il direttore del centro di tecnica avanzata e risonanza magnetica –  siamo in grado di capire dove è necessario scaldare o raffreddare il cervello a seconda dell’obiettivo che si vuole ottenere senza ricorrere ad una procedura invasiva».

 Neoplasie, asfissia perinatale e ictus gli ambiti in cui si può utilizzare

Per avere una mappa tridimensionale della temperatura e della conduzione del calore di tutto il cervello, i ricercatori del Policlinico hanno messo a punto un modello matematico combinato ad un software che permette di misurare e rappresentare in modo visivo e numerico nello stesso momento la temperatura e il flusso di calore cerebrale durante la risonanza magnetica e stabilire esattamente quale parte del cervello è stata lesionata e in che misura raffreddarla. «In particolare può essere molto utile in caso di asfissia perinatale e ictus – sottolinea Rango – si è visto, in fase sperimentale, che raffreddando la parte interessata dall’evento avverso, sarà possibile esattamente sapere quanto calore sottrarre in una determinata area e quindi ottimizzare la terapia».

Utile anche per muscoli e rene

Non solo nel cervello, il software si potrà impiegare anche per studiare altri organi: «Grazie al nostro brevetto combinato con una risonanza magnetica sarà possibile individuare zone di un muscolo, di un rene o di altri organi in cui i problemi medici sono analoghi – tiene a precisare il neurologo del Policlinico– e occorre intervenire per raffreddare o scaldare».

A caccia del brevetto europeo

Il brevetto italiano registrato lo scorso mese di novembre grazie al supporto del Technology Transfer Office (TTO) del Policlinico di Milano dovrà ora essere accreditato a livello europeo. Nel frattempo, il team di bioingegneri lavora per migliorarne l’utilizzo. «Con questo strumento saremo in grado di misurare il calore degli organi e quindi prevedere la terapia dei pazienti, la diagnosi o la prognosi senza ricorrere ad alcuna tecnica invasiva – puntualizza Letizia Squarcina, bioingegnere che ha seguito il progetto sin dalle origini – quindi anche in fase acuta sarà possibile fare la risonanza magnetica e subito stabilire la terapia da applicare. Un traguardo importante che sarà possibile perseguire per la prima volta in tutti i pazienti, anche donne incinte, senza alcuna limitazione».

Obiettivo poter intervenire on line

«Al momento l’unica restrizione è rappresentata dal dover attendere il responso della risonanza e non poter lavorare on line – ammette Squarcina –. Il prossimo passo sarà di poter essere tempestivi ed avere nel momento stesso dell’esame anche la misura del calore dell’organo esaminato in modo da poter agire con maggiore celerità. Tutto ciò sarà possibile se riusciremo a trovare nuovi finanziatori e rendere dunque lo strumento più performante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Halloween: la paura ci piace e alle giuste dosi fa bene alla salute
Gli scienziati hanno spiegato quando e perché la paura può essere piacevole, svelando almeno in parte il segreto del successo della festa di Halloween
Caldo killer, Balzanelli (SIS 118): «Attenti all’esaurimento da calore»
Il presidente SIS 118: «Chi ne è vittima si sente completamente sfinito. Tra i sintomi: cefalea persistente, accompagnata da nausea, vomito, diarrea, con una perdita significativa di liquidi ed elettroliti. Per le forme che non vengono trattate tempestivamente la mortalità sale fino all’80%»
Caldo, occhio a esplosioni di aggressività: i consigli della psicoterapeuta
Con la nuova ondata di caldo aumenta l'aggressività e il nervosismo. La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli elenca una serie di consigli per non andare fuori di testa
Ictus e dolore cronico: con TMS e EEG trattamenti “su misura” per il paziente
In un paper pubblicato dai ricercatori del Brain Plasticity Group presso il CIMeC, la tecnica della stimolazione magnetica transcranica potrebbe abbreviare e potenziare la riabilitazione. Ecco in cosa consiste
A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini
Un'intensa ondata di caldo sta investendo l'India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Preoccupanti i rischi per la salute delle fasce di popolazioni più fragili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...