Professioni Sanitarie 10 Novembre 2020 12:20

Con la seconda ondata in aumento ostetriche e donne incinta positive al Covid

Vaccari (FNOPO): «Grazie a tamponi e test sierologici regolarmente effettuati a personale sanitario e pazienti scoviamo tempestivamente anche i positivi asintomatici. Con l’introduzione dei test rapidi nelle sale parto il tracciamento sarà ancora più efficace»

di Isabella Faggiano
Con la seconda ondata in aumento ostetriche e donne incinta positive al Covid

È proprio mentre si apprestano a vivere il giorno più bello della loro vita, quello in cui diventeranno mamme, che potrebbero scoprire di essere affette da Covid-19. Nella maggior parte dei casi non hanno sintomi gravi ma, se non assistite nel modo appropriato, l’impatto della malattia può avere effetti psicologici devastanti: durante il ricovero non ricevono visite e, una volta tornate a casa, continueranno a vivere isolate per tutelare la propria sicurezza e quella altrui.

Una realtà difficile anche solo da immaginare che, purtroppo, riguarda un numero crescente di neomamme: «Se durante la prima ondata della pandemia le gravide contagiate dal Covid-19 sono state pochissime, ora le donne positive al virus che si apprestano a partorire sono decisamente aumentate – dice Silva Vaccari, vice presidente FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica -. Di solito, non presentano un quadro clinico preoccupante, ma anche in presenza di sintomi lievi si attiva una rigida strategia assistenziale. I parametri vitali sono costantemente monitorati, con una particolare attenzione all’ossigenazione durante il travaglio e la fase espulsiva. Se le condizioni della paziente sono buone si punta ad una degenza post-parto quanto più breve possibile, disponendo il rientro a casa in ambulanza per evitare la diffusione del contagio. La donna sarà poi seguita durante la sua quarantena a domicilio. Anche i neonati sembrano essere più coinvolti da questa seconda ondata, ma – assicura l’ostetrica – i quadri clinici, di solito, non sono preoccupanti».

IL PERCORSO NASCITA AI TEMPI DEL COVID

L’aumento dei casi tra le mamme e i loro bambini ha, inevitabilmente, modificato l’approccio al percorso nascita: «Attualmente –  continua Vaccari – qualsiasi partoriente è trattata come potenzialmente positiva. Nonostante i tamponi siano sempre effettuati preventivamente rispetto alla data presunta del parto, non è raro che una donna negativa al primo test risulti poi positiva al momento del travaglio. Laddove possibile, si cerca comunque di garantire alla gravida la presenza di un accompagnatore a sua scelta, che le stia vicino durante questo percorso unico ed irripetibile. È dimostrato che la solitudine aumenta la percezione dolorosa».

Ma non tutti i cambiamenti del percorso nascite Covid sono stati peggiorativi. «Al contrario, l’isolamento può essere considerato favorevole, creando una maggiore intimità tra la coppia e il nuovo nato». Un isolamento, però, che una volta tornati a casa può diventare un’arma a doppio taglio: «Le neomamme hanno bisogno di essere supportate anche da un punto di vista psicologico. Ripresa la propria routine, non potranno ricevere visite di amici e parenti e solo l’assistenza territoriale potrà dar loro aiuto e conforto. È per questo che, ancora una volta, rafforzare i servizi del territorio rappresenta un’urgente priorità».

LA SECONDA ONDATA NON RISPARMIA NESSUNO: PIU’ CONTAGI ANCHE TRA LE OSTETRICHE

«Le sale parto sono considerate luoghi ad alto rischio – sottolinea Vaccari – tanto che anche tra le ostetriche è aumentato il numero dei contagi o, forse, semplicemente quello delle diagnosi». Rispetto alla fase 1, infatti, tamponi e test sierologici sono regolarmente effettuati a personale sanitario e pazienti, per scovare tempestivamente anche i positivi asintomatici. Ora, con i test rapidi gli affetti da Covid-19 apparentemente sani potranno essere rintracciati ancora più precocemente: «Uno dei tasselli che migliorerà ulteriormente la gestione del percorso nascita sarà proprio l’introduzione dei test rapidi all’interno degli ospedali, che dovrebbero essere forniti primariamente ai pronto soccorso ed alle sale parto. Sapere nel giro di poche ore quali sono le reali condizioni della paziente – conclude la vicepresidente delle ostetriche – ci permetterà di tutelare in modo ancora più efficace la salute della donna, quella del suo bambino e di tutti i sanitari che l’assistono».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino anti Covid-19, una sola dose a chi ha già contratto il virus
Somministrazione unica per i “guariti”, ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione ed entro i 6 mesi dalla stessa. È quanto prevede la circolare del Ministero della Salute che riprende il parere del Consiglio superiore di sanità
Covid-19, la denuncia di Tuzi: «Nel Lazio 4112 docenti tra 65 e 67 anni rischiano di rimanere senza vaccino»
«Il mio appello è rivolto alla Regione Lazio che non può ignorare il personale e i docenti scolastici e universitari over 65 lasciandoli senza tutele», sottolinea il deputato Manuel Tuzi
Operatori sanitari no-vax, l’INAIL: «Vanno risarciti se contraggono il Covid-19 sul luogo di lavoro»
È quanto emerge dalla lettera inviata dall’INAIL alla Direzione regionale della Liguria sul caso dei quindici infermieri che avevano rifiutato di sottoporsi al vaccino e poi si erano contagiati
Covid, il primario di cardiologia del Sacco: «Nella terza ondata su 100 nuovi casi, 99 per stupidità»
La terapia ideata dal cardiologo a base di eparina e aspirina funziona, ma una sovra infezione da batteri può essere letale. Viecca «Per uscire dal tunnel serve un piano vaccinale efficace e un comportamento più responsabile»
di Federica Bosco
Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid
Il sondaggio di Anaao Campania ha evidenziato una scarsa formazione per la gestione dell’emergenza e numerose carenze procedurali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...