Salute 18 Gennaio 2022 15:36

Il “limbo” dei vaccini agli 11-12enni. Mio figlio ha (quasi) 12 anni, qual è la dose più adatta?

A Sanità Informazione le risposte di Guido Castelli Gattinara, coordinatore dell’Istituto per la Salute del Bambino e dell’Adolescente dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, su tempi, dosi e modalità di somministrazione del vaccino anti-Covid tra gli 11 e 12 anni, dal primo al secondo richiamo

Vaccino pediatrico o dose dell’età adulta? È questo il dilemma che assilla molti dei genitori che festeggiano il compleanno dei propri figli, per la precisione il dodicesimo, proprio nei mesi in cui è stata inaugurata la campagna vaccinale anti-Covid per i bambini tra i 5 e gli 11 anni.

Per rispondere a questo interrogativo e per fare chiarezza su tempi, dosi e modalità di somministrazione del vaccino anti-Covid tra gli 11 e 12 anni ci siamo affidati al professore Guido Castelli Gattinara, pediatra, immunologo, infettivologo e coordinatore dell’Istituto per la Salute del Bambino e dell’Adolescente dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Se un bambino ha 11 anni e 364 giorni, oppure ha compiuto 12 anni da un giorno, quale dose risulterà più adeguata?

«Ci si comporta in funzione dell’età – risponde il professore Castelli Gattinara -. Rispettando il limite stabilito dalle linee guida nazionali e internazionali. Chi non ha compiuto dodici anni, anche se dovesse mancare un solo giorno, riceverebbe la dose pediatrica. Chi, invece, ha già spento la dodicesima candelina potrà effettuare il vaccino riservato ad adolescenti ed adulti. Come noto la differenza è nella quantità della singola dose: quella riservata ai bambini tra i 5 e gli 11 anni corrisponde ad un terzo della dose utilizzata per la popolazione adulta. Entrambe sono state approvate a seguito di specifici studi che ne hanno mostrato l’efficacia e l’assenza, se non i rarissimi casi, di effetti collaterali seri».

E se il bambino compie 12 anni tra la somministrazione della prima e della seconda dose?

«Le regole restano invariate. La prima dose (effettuata prima del compimento dei 12 anni) sarà pediatrica, la seconda (effettuata a 12 anni già compiuti) sarà come quella somministrata ad adulti ed adolescenti. Allo stesso modo, il Green pass si adeguerà in automatico all’età anagrafica».

A chi non ha ancora effettuato nemmeno la prima dose e compirà dodici anni tra pochi giorni, potremmo consigliare di attendere la data del compleanno per ricevere la dose completa in entrambe le somministrazioni?

«No. Attendere, soprattutto in questo periodo in cui i contagi sono davvero numerosi, non è la scelta giusta. Bisogna vaccinarsi ed in fretta. E ognuno riceverà la dose adeguata alla sua età, così come stabilito dalle linee guida attualmente in vigore».

Un genitore ha la facoltà di chiedere al medico di somministrare al proprio figlio una dose diversa da quella prevista?

«No. Il medico sceglie basandosi sulle raccomandazioni nazionali ed internazionali. Non può scegliere in maniera diversa e non è corretto che lo faccia. Se una madre si mostra preoccupata per la propria figlia che, seppur dodicenne, ha l’aspetto di una bambina più piccola della sua età, il risultato non cambia: ci si atterrà all’età anagrafica e non a quella apparente. Perché, lo ripeto, il rapporto rischio beneficio (decisamente a favore del beneficio) resta invariato, sia che venga somministrata la dose pediatrica, che quella completa».

Eppure, i farmaci pediatrici, dallo sciroppo all’antibiotico, si somministrano in base al peso. Perché per i vaccini non vale la medesima regola?

«Sì, è vero. I genitori sono abituati a dosare, sotto consiglio medico, i farmaci in base al peso del proprio bambino. Per le vaccinazioni non funziona allo stesso modo: da un punto di vista immunogenico non c’è alcuna differenza tra un vaccino a bassa o alta dose. Tanto che per diverse vaccinazioni, come ad esempio quella antitetanica, la dose somministrata ai bambini, ed anche ai neonati (la prima dose viene inoculata a tre mesi di vita, ndr), è più alta di quella utilizzata per il richiamo vaccinale effettuato in età adulta. E come dimostrano i dati, con efficacia e senza rilevanti effetti collaterali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
Vaiolo delle scimmie, cresce allarme in GB. L’ECDC teme l’endemia
Triplicano i casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito. Mentre l'ECDC teme che possibili contagi in animali possano far diventare il virus endemico
Vaiolo delle scimmie, perché colpisce di più gli uomini omosessuali e bisessuali?
Gli uomini giovani che hanno rapporti sessuali con altri uomini potrebbero essere più a rischio perché il vaiolo delle scimmie si trasmette più facilmente tramite i rapporti anali
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force
In Italia è stato registrato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Ci sono altri due casi sospetti. L'Iss ha istituito un nuova task force
Epatiti misteriose nei bambini, smentito legame con vaccino anti-Covid
L'Iss smentisce l'ipotesi di un legame tra le epatiti misteriose nei bambini e il vaccino anti-Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...