Salute 23 Novembre 2020 15:37

Il dilemma delle persone fragili: «Autolockdown o vita ai limiti del consentito?»

Lo psicologo: «Serve un patto di fiducia universale, i malati non devono sentirsi in pericolo accanto agli altri»

di Isabella Faggiano

«Hanno deciso di autoisolarsi ancor prima che fosse dichiarato il lockdown nazionale. Poi, in estate, hanno tirato un sospiro di sollievo, fino a ritrovarsi di nuovo di fronte al grande dilemma: chiudersi in casa oppure cercare di vivere una vita ai limiti del consentito?». È così che molte delle persone affette da atrofia muscolare spinale, una malattia rara degenerativa che progressivamente indebolisce le capacità motorie, hanno affrontato questi mesi di pandemia. A raccontarlo, a Sanità Informazione, è Jacopo Casiraghi, psicologo di Famiglie SMA.

«Decidere se permettere ai propri figli di tornare a frequentare la scuola – continua lo specialista – è stata una delle scelte più difficili che i genitori dei bambini affetti da Sma si sono trovati ad affrontare durante questa seconda ondata. Impedirgli di tornare tra i banchi significa aumentare quell’isolamento interiore che già percepiscono a causa della loro malattia. Al contrario, lasciare che frequentino in presenza le lezioni vuol dire dare all’altro, dalle famiglie dei compagni di classe al corpo insegnanti, piena fiducia».

Come ricostruire sicurezza e fiducia, spesso messe in discussione da questo periodo di emergenza, è stata una delle principali tematiche trattate durante l’ultimo incontro di #SMAspace, la piazza virtuale dedicata al mondo della SMA, promossa dall’Osservatorio Malattie Rare (OMaR) e dall’associazione Famiglie SMA, con il contributo non condizionato di Roche.

«Queste famiglie – continua Casiraghi – sono spesso già abituate ad adottare le misure di sicurezza necessarie a proteggere i propri bambini, anche dalle più comuni infezioni respiratorie, utilizzando le mascherine e lavando frequentemente le mani».

Ovviamente, i provvedimenti presi quotidianamente variano a seconda dello stato di avanzamento della malattia: «Ci sono bambini che vivono grazie ad una tracheostomia o che hanno la necessità di utilizzare la respirazione non invasiva per molte ore al giorno – racconta lo psicologo -. Si tratta di piccoli estremamente fragili che, anche in periodo pre-Covid, d’inverno tendono ad utilizzare la didattica a distanza o lezioni a domicilio. Molti altri ragazzi, invece, quelli che pur avendo la necessità di una carrozzina a motore non hanno nessun problema respiratorio, frequentano la scuola come qualsiasi altro coetaneo».

E sono soprattutto i genitori di questi bambini a dover avere la massima fiducia nell’altro. «È inevitabile – aggiunge Casiraghi – che ognuno di loro si ponga la medesima domanda: quanto è sicuro per mio figlio andare a scuola?». La risposta è nelle mani di ogni singolo individuo che, con le sue azioni, decide il suo grado di responsabilità. «Per questo – aggiunge lo psicologo – servirebbe un patto educativo tra genitori ed insegnanti che impegni chiunque frequenti un bambino fragile, che sia affetto da Sma o da qualunque altra patologia che lo renda tale, a stare più attento, rispettando sempre e comunque ogni misura di sicurezza».

Un accordo che tacitamente dovrebbe coinvolgere ognuno di noi, soprattutto coloro che essendo sani e in salute temono meno gli effetti del virus. «Sono proprio gli asintomatici a rappresentare il pericolo maggiore per coloro che, infettandosi, potrebbero aggravare ancora di più le proprie condizioni già fortemente provate da una malattia che li accompagna lungo tutta la loro esistenza. Le migliori terapie, il vaccino più efficace, da soli, senza una buone dose di altruismo – conclude lo psicologo – non saranno sufficienti a sconfiggere questa pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Situazione in miglioramento». Da lunedì solo Valle d’Aosta in zona arancione
«La mappa dell'Ue si sta schiarendo, si vedono spot gialli anche in Europa, compresa l'Italia. Segnale positivo che viene confermato anche dalle curve in tutti i Paesi dove sono stabili o in decrescita»
«Il burnout tra gli anestesisti rianimatori»
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione, già primario dei servizi di Anestesia e Rianimazione Ospedali di Lugo e Faenza
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione
Scudo penale nel Dl Covid: «Professionisti sanitari punibili solo per colpa grave in emergenza»
Al Senato passa emendamento chiesto da tutto il mondo della sanità. Ora il giudice dovrà tenere conto “della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali”. Le reazioni
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...