Salute 6 Giugno 2022 13:01

Ictus e dolore cronico: con TMS e EEG trattamenti “su misura” per il paziente

In un paper pubblicato dai ricercatori del Brain Plasticity Group presso il CIMeC, la tecnica della stimolazione magnetica transcranica potrebbe abbreviare e potenziare la riabilitazione. Ecco in cosa consiste

Ictus e dolore cronico: con TMS e EEG trattamenti “su misura” per il paziente

Importanti (e promettenti) novità in merito alla riabilitazione di pazienti colpiti da ictus o dolore cronico (come fibromalgia o endometriosi) arrivano da un paper pubblicato di recente dai ricercatori del Brain Plasticity Group presso il CIMeC (Centro interdipartimentale Mente/Cervello), il centro di Neuroscienze recentemente classificatosi come principale unità di ricerca italiana in Neuroscienze cognitive.

«La tecnica – spiega la dottoranda Arianna Brancaccio, che fa parte del team guidato dal professor Paolo Belardinelli – si basa sulla stimolazione magnetica transcranica (TMS), una tecnica in cui viene utilizzato uno stimolatore connesso ad un circuito in cui passa un flusso di corrente che genera un campo magnetico (detto “coil”) che viene posizionato sul punto del cranio più vicino all’area cerebrale che si intende stimolare. Settando i parametri sullo stimolatore, il campo magnetico raggiunge la corteccia cerebrale e perturba il funzionamento dell’area e quelle ad essa collegate».

La TMS non viene utilizzata esclusivamente da sola ma può essere combinata con l’elettroencefalografia (EEG) per registrare in tempo reale i cambiamenti dell’attività cerebrale a seguito della stimolazione. Ma questo approccio ha un problema: «In questi casi – continua Brancaccio – non si ha in genere un controllo diretto di ciò che sta succedendo nel cervello del soggetto poco prima che arrivi lo stimolo TMS: in altre parole, non si controlla cosa sta succedendo nel cervello, e in particolare nell’area stimolata, al momento della stimolazione. Questo problema aumenta la variabilità degli effetti della stimolazione con la conseguenza che questi non sono del tutto prevedibili».

Questo problema (il cervello considerato come una “blackbox”, ovvero una “scatola nera” in cui non si sa apriori cosa succederà) può però essere superato da un tipo particolare di applicazione della TMS: la brain-state dependent stimulation. «Questa tecnica, all’avanguardia e ancora poco diffusa, permette di determinare uno stato istantaneo preciso del cervello a cui si vuole che lo stimolo venga rilasciato», spiega il professor Paolo Belardinelli, group leader del Brain Plasticity Group, che spiega: «Si determina, ad esempio, uno stato istantaneo che l’elettroencefalogramma deve raggiungere e che è di interesse per il quadro clinico o sperimentale e solo nel momento in cui il cervello raggiunge quello stato (ciò viene verificato tramite un set-up EEG dedicato a questa tecnica) la stimolazione viene rilasciata. Questo tipo di tecnica permette, in poche parole, di avere un controllo su cosa sta succedendo nel cervello quasi al momento dello stimolo (2 millisecondi prima). Inoltre, si possono identificare stati del cervello che sono particolarmente vantaggiosi in termini di effetti per una certa stimolazione. A ciò si aggiunga che ogni soggetto ha dei brain-states leggermente diversi dall’altro. Per cui la nostra ricerca va nella direzione dell’individualizzazione della stimolazione sulla base di caratteristiche individuali. La stimolazione è concepita come la risposta a una “domanda” del cervello del soggetto, in qualche modo. Il cervello riceve lo stimolo solo quando è davvero pronto a processarlo efficacemente».

In poche parole, con questa tecnica la riabilitazione di un paziente non avverrebbe più (o non soltanto) attraverso le pratiche “canoniche”, sostanzialmente uguali per tutti, ma attraverso un percorso personalizzato, adattato alle caratteristiche del problema del paziente.

«Nei laboratori del CIMeC – spiega Belardinelli – abbiamo a disposizione il set-up per la brain-state dependent stimulation e intendiamo instaurare collaborazioni con realtà ospedaliere al fine di poter sviluppare protocolli innovativi alla riabilitazione. Un esempio di popolazione di interesse potrebbero essere i pazienti che hanno subito un ictus e che soffrono deficit motori. Puntare alla riabilitazione di pazienti con protocolli di stimolazione personalizzata significa superare il limite, spesso attribuito alla medicina, di non riuscire ad inquadrare il paziente nella sua individualità. Usare, invece, un dato registrato direttamente dal paziente (tramite l’elettroencefalografia), riconoscere il modo in cui questo devia rispetto ad un funzionamento normo-tipo, e modularlo tramite la TMS permetterebbe invece di ristabilire l’attività corticale del paziente portandola ad avvicinarsi al tipo di attività più simile a quello rilevabile in soggetti sani. Questo costituirebbe una svolta in termini di potenza dei protocolli riabilitativi, in quanto la loro efficacia verrebbe potenziata dal carattere personalizzato della terapia stessa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...