Salute 3 Aprile 2023 11:35

Hikikomori, allarme in Giappone: 1,5 milioni di persone vivono come reclusi sociali

Un sondaggio del governo rileva numeri allarmanti. In oltre il 20% ad innescare il fenomeno i cambiamenti nello stile di vita imposti durante la pandemia

Hikikomori, allarme in Giappone: 1,5 milioni di persone vivono come reclusi sociali

Mentre il governo giapponese conferma l’allentamento delle restrizioni anti-Covid per gli ingressi alle frontiere dalla Cina, a fronte del progressivo calo dei contagi del virus segnalati, continua a destare allarme il numero dei cosiddetti ‘hikikomori’, coloro che decidono di ritirarsi dalla vita sociale per lunghi periodi, alle volte anni.

Secondo un sondaggio del governo nipponico, sarebbero quasi 1,5 milioni di persone in età lavorativa in Giappone vivono come reclusi sociali, con circa un quinto dei casi attribuiti alle pressioni scatenate dalla pandemia di Covid-19. Gli hikikomori, dunque, rappresentano il 2% delle persone di età compresa tra 15 e 62 anni.

Il ruolo della pandemia Covid

Un gran numero di hikikomori ha affermato di aver iniziato a ritirarsi dalla società tradizionale a causa di problemi di relazione e dopo aver perso o lasciato il lavoro. Una percentuale significativa, il 20,6%, ha affermato che la loro situazione è stata innescata dai cambiamenti nello stile di vita imposti durante la pandemia.

Poco più di un quinto degli intervistati di età compresa tra 15 e 39 anni era stato socialmente isolato da sei mesi a meno di un anno. Più del 20% ha dichiarato di aver avuto problemi con le relazioni interpersonali, mentre poco più del 18% ha citato la pandemia. Tra le persone nella fascia di età 40-64 anni, il 44,5% ha affermato che il proprio comportamento è stato innescato dall’abbandono del lavoro, seguito dal 20,6% che ha citato la pandemia.

In Italia giovani più colpiti

Il Giappone non ha imposto blocchi in stile britannico per aiutare a contenere la diffusione del virus, ma alle persone è stato chiesto di evitare uscite non necessarie per lunghi periodi e alcuni datori di lavoro e università hanno incoraggiato il telelavoro e l’apprendimento a distanza.

In Italia il fenomeno colpisce soprattutto gli adolescenti. Uno studio dell’istituto fisiologia clinica del Cnr di Pisa ha stimato in circa 54mila gli studenti italiani di scuola superiore che si identifichino in una situazione di ritiro sociale.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Hikikomori, con la pandemia e il lockdown aumentati “gli isolati per scelta”
La psicoterapeuta: «Secondo un sondaggio di Hikikomori Italia, il 40% di chi non usciva di casa da tempo durante il lockdown si è sentito meglio, finalmente "normale". Ma una volta riprese le attività il disagio è tornato più forte di prima. La DAD ha riavvicinato molti ragazzi alla scuola, chiediamo sia un'alternativa alle lezioni in presenza utilizzabile sempre»
di Isabella Faggiano
Hikikomori, la storia di Fred: «Il mio ritiro sociale è cominciato a 12 anni.  Quando mi sentivo morto, l’isolamento mi faceva rinascere»
A 16 anni la situazione è precipitata: prima una storia d’amore finita male, poi il tradimento di alcuni amici. Dopo un anno, la diagnosi di depressione. Fred oggi ha 21 anni e racconta la sua storia ai microfoni di Sanità Informazione, all’aria aperta, seduto su una panchina di un parco alla periferia di Roma
di Isabella Faggiano
Hikikomori, il popolo che “vive in disparte”. In Italia 100mila giovani in reclusione volontaria, ma non è una psicopatologia
«Non è sintomo di un disturbo psichiatrico, ma in una fase avanzata possono insorgere depressione, fobia sociale, disturbi alimentari o comportamenti ossessivo-compulsivo». L’intervista alle psicologhe dell’associazione Hikikomori Italia Chiara Illiano e Rosanna D’Onofrio
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...