Salute 20 Ottobre 2022 12:02

Giovani, in crescita tentativi di suicidio e Hikikomori. Gli esperti si affidano alla telemedicina per aiutarli

Secondo le stime di FIMP negli ultimi due anni i tentativi di suicidio sono in media uno al giorno con un incremento del 75%, mentre oltre 100 mila i casi di Hikikomori. Maisano (Psicoterapeuta Casa Pediatrica): «Hanno un contatto esterno solo attraverso internet e noi li agganciamo così»

Giovani, in crescita tentativi di suicidio e Hikikomori. Gli esperti si affidano alla telemedicina per aiutarli

È allarme sociale per i tentativi di suicidio tra i giovani. Secondo le stime presentate dalla Federazione Italiana Medici Pediatri durante l’ultimo congresso scientifico tenutosi nei giorni scorsi a Riva del Garda è emerso che sono in media uno al giorno e che l’aumento tra i giovani si attesta nell’ordine del 75% negli ultimi due anni.  Si tratta di una vera e propria emergenza denunciata da medici pediatri e registrata anche da psicologi e psicoterapeuti.

Il lockdown ha ingigantito un problema già presente

Alla Casa pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano Francesca Maisano, psicologa e psicoterapeuta, da anni lavora a fianco delle famiglie per aiutare i bambini e gli adolescenti ad uscire dal tunnel della depressione, dei disturbi alimentari e dall’isolamento sociale. «Durante il lockdown è stato chiesto ai giovani di non vivere, una condizione che ha peggiorato un malessere che già covava da tempo, ben prima della pandemia da Covid – puntualizza la psicoterapeuta -. Diciamo che là dove esisteva una situazione di fragilità si è creata una voragine ed oggi è necessario correre ai ripari. Le motivazioni che spingono un adolescente, per lo più femmine, a tentare di togliersi la vita sono molteplici, dalla profonda angoscia che li pervade, fino a manifestazioni di ansia che non riescono a gestire e diventano intollerabili. Ogni caso poi è una storia a sé».

Campanelli di allarme da non sottovalutare

Comprendere quando un adolescente è a rischio – la fascia di età più colpita secondo le stime di FIMP è tra i 9 e i 17 anni – rappresenta la prima sfida da vincere. «Quando i ragazzi iniziano ad avere difficoltà ad andare a scuola, a relazionarsi con gli adulti e con i loro pari, trascorrono troppe ore nella loro stanza isolandosi dall’ambiente che li circonda, occorre alzare il livello di allerta e contattare uno specialista – spiega Maisano – perché il rischio che si inneschi un meccanismo di autodistruzione e di isolamento è molto alto».

Il caso Hikikomori

Se i tentativi di suicidio infiammano la cronaca e rappresentano la massima espressione del malessere di una generazione, esiste poi un sottobosco che sfocia in isolamento sociale. Sono i cosiddetti Hikikomori, oltre 100 mila casi segnalati, una generazione di ragazzi tra i 15 e i 18 anni, nell’87% dei casi maschi, che esprimono una pulsione all’isolamento fisico, continuativa nel tempo. «Il ritiro sociale degli Hikikomori avviene in maniera graduale – analizza la psicologa della Casa Pediatrica – e si innesca su uno stato di ansia e di senso di inadeguatezza che spesso li accompagna e diventa la reazione alla pressione sociale a cui la società odierna li sottopone. In questa fase abbandonano completamente la scuola e si allontanano da tutti i contatti rifugiandosi spesso nella rete e nei socialnetwork».

Un aiuto dalla telemedicina

Internet non è dunque la causa del disagio, ma un effetto, e probabilmente l’unica forma di interazione accettata da chi soffre. «Per aiutarli ad uscire dall’isolamento, perciò, dopo aver cercato un dialogo con i famigliari per capire bene le dinamiche che hanno portato il giovane all’isolamento – analizza la specialista – li agganciamo con la telemedicina, perché hanno un dialogo esterno solo attraverso uno schermo e noi li contattiamo così. Il passo successivo è conquistare la loro fiducia». Il lavoro è tanto e i tempi sono lunghi «ci vogliono più di tre anni per uscire dal buco nero in cui sono scivolati», ammette Maisano.

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa