Salute 10 Settembre 2019 11:29

Giovani e dipendenze, il “digital detox” è la cura? Martinelli (psichiatra): «Una possibilità per non essere schiavi del web»

«Sperimentare il fatto che si può stare bene anche senza internet è positivo. Guidiamo i giovani ad un uso sano del web: se disinveste dalla realtà è preoccupante. I genitori devono imparare la “lingua” dei propri figli». L’intervista a David Martinelli

Dobbiamo ammetterlo, soprattutto a noi stessi. Passiamo gran parte della nostra giornata con uno smartphone in mano tra chiamate, chat, social network, mail e notifiche; ma i primi ad avere un rapporto difficile e controverso con il mondo dei media sono gli adolescenti. Per riconoscere un giovane che ha sviluppato una vera e propria web-addiction è nato il corso FAD del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione “Internet e adolescenti: I.A.D. e cyberbullismo”, fruibile gratuitamente da pazienti, insegnanti e genitori.

Per capirne di più, abbiamo chiesto al dottor David Martinelli, psichiatra e psicoterapeuta presso il Day Hospital di Psichiatria e Psicologia delle Tossicodipendenze del Policlinico A. Gemelli di Roma, il suo punto di vista sul recente progetto “Mountain social media detox”  a cui hanno partecipato studenti dell’Università Milano-Bicocca e giovani lavoratori trentini, finalizzato alla lotta alle dipendenze da web e social. I ragazzi hanno vissuto quattro giorni senza smartphone, social e connessione Internet partecipando a seminari, attività sportive, ambientali, artistiche e culturali.

LEGGI ANCHE: DIPENDENZA DA WEB, CORINALDO OSPITA IL PRIMO DISCONNECT DAY D’ITALIA

Dottore, quattro giorni senza smartphone. Cosa pensa di questa iniziativa e quali sono i benefici che può avere?

«Comincerei a dire che non bisogna demonizzare il web.  Non c’è niente di male, infatti, nell’utilizzare i social. Quindi stare senza non è una necessità ma è una possibilità. Non è obbligatorio sperimentare il fatto che si può stare senza smartphone e internet, ma farlo è certamente una cosa molto positiva. Accertare sulla propria pelle che c’è questa possibilità e che non succede nulla credo sia una cosa molto utile. Io ho fatto per molti anni lo scout: non c’erano i cellulari, andavamo in montagna e si stava in alta quota senza televisione e telegiornali. Quell’esperienza mi ha segnato moltissimo, perché se da una parte ti faceva riscoprire quanto era importante quello a cui avevi rinunciato, dall’altra ti faceva capire che puoi vivere senza, eri libero. Quando tornavi a casa la televisione la usavi, ma non ne eri più schiavo. Quindi, forse, il fatto di rendersi conto che si può stare senza ci aiuta a capire che noi possiamo usare i social network ma non siamo obbligati a farlo».

LEGGI ANCHE: «BAMBINI E ADOLESCENTI “IPERCONNESSI”? QUANDO IL PROBLEMA SONO I GENITORI ASSENTI E CON SENSI DI COLPA»

Quanto è difficile, oggi, per un adolescente, rinunciare a internet?

«Se i giovani “testano” che qualche giorno lontano dai social si vive bene lo stesso, a volte anche meglio, sicuramente continueranno ad usarli ma magari in maniera diversa, più corretta, senza esserne schiavi. Non sono quattro giorni che cambiano la vita ma l’utilità di farne l’esperienza è importante. Nel mio lavoro all’interno dell’ambulatorio per dipendenza da internet del Gemelli, ci siamo resi conto che, per i giovani, non è corretto parlare di dipendenza ma di psicopatologia webmediata, cioè di una modalità di vivere i disagi, di una problematicità nel reggere le difficoltà che la vita quotidiana ci pone. L’adolescente ha una mente ancora in formazione, quindi non si può parlare di dipendenza ma di un cattivo ed eccessivo uso del mezzo. L’uso smodato è un sintomo del giovane per segnalare un disagio più profondo».

LEGGI ANCHE: PATOLOGIE PSICHIATRICHE DEL TERZO MILLENNIO, ECCO LE CAUSE: INVECCHIAMENTO POPOLAZIONE, DISOCCUPAZIONE, NUOVE DROGHE E DIPENDENZA WEB

Come riconosciamo, allora, l’abuso di internet da parte di un ragazzo?

«Lo riconosciamo da quanto il ragazzo disinveste dalla realtà; se la rete è un qualcosa che serve ad allargare la realtà, ossia contattare gli amici più velocemente, uscire di più perché è molto più facile, mantenersi in contatto con amici molto lontani, informarsi senza fare il giro di venti biblioteche, allora sì, il web è uno strumento utilissimo. Se invece comincia a sostituire la realtà – si chatta ma non si esce con gli amici, si gioca con loro tramite pc anziché al campo di calcio – ecco, allora diventa preoccupante perché sta riducendo la sua realtà. In poche parole, se l’adolescente disinveste dal concreto allora c’è un problema. Se invece è un aiuto alla sua vita concreta e quotidiana va bene».

E come possiamo “quantificare” il corretto utilizzo del web?

«Il tempo dipende da come è organizzata e strutturata la vita del ragazzo. Non c’è un numero di ore da non oltrepassare: se utilizza tutto il suo tempo libero in rete c’è un problema. E noi ce ne accorgiamo se comincia a diminuire le uscite con gli amici, se investe poco nella scuola, se i rapporti umani perdono d’importanza e se non cerca esperienze nuove, novità, stimoli. Le cerca in rete ma non le cerca nella vita reale. Si tratta di osservare il ragazzo e vedere come si sta evolvendo».

Lei consiglia ai ragazzi il “detox” dal web?

«Andare in montagna fa benissimo e lo consiglio a tutti. Sperimentare che si può stare senza la rete è un’esperienza positiva che ci fa vedere una realtà alternativa, avere una visione più ampia. Due realtà diverse – con o senza – da poter confrontare».

In base alla sua esperienza nell’ambulatorio, il rapporto tra gli adolescenti e il web oggi è sano o no?

«È parte della loro vita. Sono nativi digitali, sono nati con il web e quindi hanno un rapporto diverso da quello che può avere una persona della mia età. Per noi è un qualcosa che è entrato nella nostra vita, per loro è qualcosa di strutturale, un cardine della loro realtà. Quindi, quello che dobbiamo capire è che è diverso il loro modo di vedere la realtà dal nostro. Se proviamo a imporre il nostro perdiamo di credibilità. Dobbiamo entrare nel loro mondo, il web per loro è un elemento fondante della propria personalità, della percezione della realtà e sulla base di questa consapevolezza, noi possiamo aiutarli a utilizzarlo bene».

Qual è il compito della scuola e delle famiglie?

«Osservare i ragazzi e come stanno evolvendo, imparare il loro linguaggio e comunicare i contenuti culturali – la scuola, educativi, la famiglia – ma nella loro lingua. Noi trasmettiamo loro valori molto importanti anche sociali ma a volte in una lingua per loro incomprensibile. È come se io parlassi di filosofia ma ancora in greco antico. I contenuti devono trasmetterli gli adulti. Attenzione: è importante capire la lingua, non essere i migliori informatici. Anche i giovani non sono maghi del pc, sono utenti, lo sanno usare. Non c’è bisogno di essere tecnicamente preparati ma di capire questi ragazzi, che modalità usano, cosa cercano. La chiave è osservarli con attenzione».

Quali sono le modalità che utilizzate per supportarli in ambulatorio?

«Il protocollo prevede la presa in carico di tutta la famiglia per cercare di capire se c’è un problema e qual è. Dopodiché, si passa alla terapia di gruppo per gli adolescenti e la terapia di supporto per la famiglia che ha la funzione di insegnare ai genitori la “lingua” dei propri figli».

Articoli correlati
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Giovani violenti, Lavenia (psicoterapeuta): «Non sono “cattivi ragazzi”, ma adolescenti depressi»
Prima un sedicenne malmenato da un gruppo di coetanei per un complimento inopportuno su Facebook, poi una dodicenne disabile accerchiata e picchiata. Sono solo due degli ultimi episodi di violenza di una lunga e interminabile serie. Il presidente di Di.Te: «Dopo un anno di pandemia la salute mentale degli adolescenti è allo stremo»
di Isabella Faggiano
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Se un figlio è il prediletto: cause, conseguenze e soluzioni del Parental Differential Treatment
Pagliariccio (psicologo): «Generalmente, chi riceve più attenzioni e sostegno matura un carattere più forte e sicuro. A livello internazionale si consiglia di bilanciare un eventuale atteggiamento di preferenza con poche regole chiare e democratiche»
di Isabella Faggiano
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...