Salute 26 Ottobre 2020 14:20

Giorni della Ricerca, Mattarella: «Cancro non è andato in lockdown»

Il ministro Speranza ha aggiunto: «Previsto un ulteriore finanziamento di 50 milioni l’anno per gli Irccs e la ricerca contro il cancro»

Giorni della Ricerca, Mattarella: «Cancro non è andato in lockdown»

«La paura, comprensibile, può spingere a chiudersi in se stessi. Ma sappiamo che, al contrario, soltanto rafforzando il comune impegno, la sicurezza di ciascuno sarà più garantita». Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a proposito dell’emergenza coronavirus, in occasione della cerimonia al Quirinale per “I Giorni della Ricerca” Airc.

«Le altre impegnative patologie non sono finite in lockdown – ha proseguito -. Il cancro continua a manifestarsi con i ritmi di prima. Troppi screening, troppe cure vengono rinviate a causa della pandemia, rischiando ritardi irrecuperabili nelle diagnosi di tumore e pericolose interruzioni nelle terapie, che non consentono pause o sospensioni».

«La voce della ricerca, i dati che ci fornisce, le verifiche che conduce, il rigore e la trasparenza delle sue procedure – ha rimarcato il Capo dello Stato – costituiscono un antidoto a queste derive e ci riportano a una visone razionale dei problemi, senza la quale saremmo più deboli e insicuri. Ci rammentano anche che ciascuno, quale che sia il suo ruolo, deve avvertire il dovere non soltanto di non disperdere lo sforzo collettivo, ma di contribuirvi, di non sottrarsi al proprio compito, senza dimenticare che il vero nemico di tutti e di ciascuno è il virus. Il responsabile di lutti, di sofferenze, di sacrifici, di rinunce, di restrizioni alla vita normale è il virus».

SPERANZA: «50 MILIONI PER IRCCS E RICERCA»

Anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, è intervenuto ai “Giorni della Ricerca”, ribadendo che nella prossima legge di bilancio è previsto un ulteriore finanziamento di 50 milioni l’anno per gli Irccs e la ricerca contro il cancro. «Il ministero della Salute – ricorda Speranza – ha investito nell’ultimo anno considerevoli fondi destinati ai 52 Irccs che hanno consentito di portare avanti 318 progetti di ricerca autonomi».

«Ogni giorno in Italia si fanno circa 1.000 nuove diagnosi di cancro, ma di cancro in Italia oggi si guarisce in percentuali che aumentano ogni anno notevolmente, collocandoci fra i primi Paesi al mondo, in linea con i Paesi nordeuropei, gli Stati Uniti e l’Australia, grazie a diagnosi sempre più precoci e a terapie mirate e sempre più innovative», ha aggiunto.

SPERANZA: «SFIDA È COSTRUIRE COMUNITÀ MEDICA»

«Il 40% dei pazienti oncologici avanzati ha accesso a cure personalizzate. Questo dato può e deve crescere», ha proseguito Speranza. «Nell’epoca della medicina di precisione, dobbiamo smetterla di ragionare a compartimenti stagni – esorta -. Occorre puntare sull’integrazione ospedale-territorio, sul dialogo tra tutti gli attori principali: paziente e medico di medicina generale, strutture di prossimità e specialista di oncologia, infermieri e professionisti sanitari. La lotta al cancro – afferma ancora il Ministro – si vince lavorando insieme, non lasciando nessuno da solo, prendendosi cura non soltanto del paziente, ma anche di chi si prende cura di lui».

Perciò «la sfida cui siamo tutti chiamati è quella di costruire una vera e propria comunità medica, che accompagni il paziente all’interno di un percorso condiviso, diagnostico, terapeutico e riabilitativo, che renda il servizio sanitario più funzionale e facilmente accessibile a chi ha bisogno, superando le frammentazioni che generano disuguaglianza».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Senato respinge sfiducia a Speranza. Il Ministro: «Basta polemiche, serve unità». Ma centrodestra propone Commissione d’inchiesta
Alla fine anche Lega e Forza Italia hanno sostenuto il Ministro dopo che nei giorni scorsi c’era stata tensione sul tema del coprifuoco. Speranza ha difeso il suo operato in Aula e sul report OMS ha chiarito: «Il governo italiano non ha mai chiesto all’OMS di rimuovere il documento». Fratelli d’Italia critico verso il Ministro
Tumori, crollo di screening, visite e interventi nel 2020. FAVO: «Subito Piano oncologico nazionale da inserire in PNRR»
Secondo i dati AGENAS emerge nel 2020 la diminuzione di circa il 30% dei volumi dei tre screening e una diminuzione consistente degli interventi. De Lorenzo: «Covid-19 uno tsunami per i malati di cancro, occorre progettualità complessiva da inserire nel Recovery Plan»
Covid-19, Speranza: «Nelle prossime settimane percorso graduale di riaperture. Molte regioni passeranno in arancione»
All’insegna del fair play il convegno “Riapri Italia. La sfida è oggi” organizzato dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Medicina del territorio e Digital Green Pass priorità per FdI. Scaccabarozzi (Farmindustria): «Per il progetto di vaccino italiano l'obiettivo è di avere aziende validate per il 2022»
Covid-19 e scuole, Draghi: «Riaprire fino a prima media. In alcuni casi test a studenti»
Il Ministro alla Salute Speranza: «Scuola settore strategico. Riaprire con prudenza»
La salute a 360°. Cittadinanzattiva incontra Speranza: «Progettare una nuova idea del Ssn del futuro»
L’evento è il primo di tre momenti di confronto e analisi su alcuni temi prioritari per Cittadinanzattiva in vista del Congresso nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco