Salute 15 Maggio 2018

Giornata della Sclerosi Tuberosa, il testimonial è Giovanni Caccamo: «Malattie rare hanno bisogno di voce»

#Insiemesiamomusica è l’iniziativa di sensibilizzazione sulla sclerosi tuberosa. Testimonial d’eccezione dello spot su youtube il pupillo del Maestro Battiato, Giovanni Caccamo: «Inseriamo la musicoterapia all’interno dei percorsi assistenziali e terapeutici; la musica ti conduce altrove e concede un momento di armonia»

Immagine articolo

In occasione della “Giornata internazionale di sensibilizzazione sulla Sclerosi Tuberosa”, indetta il 15 maggio, l’Associazione Sclerosi Tuberosa Onlus (AST) lancia una campagna nazionale di informazione dal titolo #INSIEMESIAMOMUSICA. L’iniziativa prevede la diffusione su YouTube di uno spot diretto dal pluripremiato regista Maurizio Rigatti e vede protagonista il cantautore Giovanni Caccamo, scoperto da Franco Battiato, in qualità di Testimonial d’eccezione, che compone simbolicamente al pianoforte una melodia e duetta con la piccola Lucrezia, affetta da questa malattia genetica rara.

La Sclerosi Tuberosa è caratterizzata dallo sviluppo di tumori benigni che possono colpire organi differenti determinando così la gravità dei sintomi. È una patologia che interessa, spesso, il sistema nervoso centrale, il cuore, i reni, la cute, i polmoni e gli occhi. Il concept è tutto musicale: come nella musica basta una nota (il si, suonato al piano dalla piccola interprete) per risolvere una dissonanza, così nel caso del paziente affetto dalla malattia genetica è necessario il “sì” dell’accettazione, per riportare l’esistenza in armonia. Lo spot lancia un messaggio di solidarietà con l’obiettivo di unire le forze per supportare la ricerca scientifica e diffondere la conoscenza di una patologia di cui soffrono, nel mondo, un milione di persone e per cui non esiste una cura specifica.

In esclusiva per Sanità Informazione Giovanni Caccamo racconta perché ha deciso di prestare il volto per questa importante iniziativa.

Tu sei il testimonial di un’importante campagna informativa su una malattia diffusa ma purtroppo poco conosciuta, ci puoi raccontare questa esperienza?

«Ho sempre raccolto con grande entusiasmo ogni iniziativa e gesto che da parte mia potesse essere utile alla sensibilizzazione di argomenti delicati, di realtà che hanno bisogno di voce. Ho avuto a che fare con la sofferenza di mio papà e questo mi ha aiutato a capire, negli anni, che la vita è un percorso ad ostacoli e per saltarli meglio è fondamentale la condivisione, l’unione di forze e prospettive. Più le malattie sono rare e meno sono conosciute: avere la possibilità di venire in contatto con una realtà che ignoriamo ci può aiutare a renderci utili per quella condizione».

Si parla spesso di umanizzazione delle cure, l’attenzione al paziente nella sua totalità con la consapevolezza dell’importanza degli aspetti comunicativi, relazionali e psicologici dell’assistenza. Pensi che la musica possa aiutare a creare un clima positivo per i pazienti, bambini o adulti che siano?

«Ci sono studi medici che dimostrano come la musica sia un catalizzatore emotivo e riesca, su determinate frequenze, a predisporre il nostro corpo e la nostra mente alla ricezione dei farmaci in modo molto più efficace».

LEGGI LO SPECIALE “COME UMANIZZARE LA CURA”

La musicoterapia è un’attività consolidata nel mondo e sta lentamente trovando il giusto riconoscimento anche in Italia. Ti è mai capitato di cantare in un ospedale?

«Sicuramente la musicoterapia dovrebbe essere inserita all’interno dei percorsi assistenziali e terapeutici per i pazienti. Mi è capitato di cantare all’ospedale Rizzoli di Bologna per l’associazione Ansabbio Onlus ed anche al Bambino Gesù di Roma. Aldilà della musica come terapia che viene esercitata dagli specialisti, la musica ha, in generale, la capacità di portarti altrove, di condurti in un mondo che per qualche minuto, è lontano dal tuo e concederti un momento di armonia».

LEGGI ANCHE: NUOVE TERAPIE POST ICTUS, LA RIABILITAZIONE SI FA A TEMPO DI MUSICA

Nel 2015 hai vinto il Festival di Sanremo nella sezione “Nuove Proposte” con un tuo brano, ti sei classificato terzo in duetto nel 2016 ed hai partecipato alla gara anche quest’anno con il brano “Eterno”. Ma ti ricordi quando e perché hai capito che avresti vissuto di musica?

«L’ho capito nel momento in cui ho iniziato a scrivere: il fatto di riuscire a tradurre il mondo che mi circonda e le emozioni che provo in musica è in assoluto il mio “centro”. Nel momento in cui ho iniziato a scrivere ho capito che la musica era per me una vocazione più che una passione».

“Eterno” è il titolo del brano che hai portato al Festival di Sanremo e così titola anche il tuo nuovo album. Una parola importante che oggi, in una società così precaria, va un po’ “controcorrente”. Il video della canzone è girato in un ospedale ed è molto intenso: si può definire un inno alla vita?

«Sicuramente sì, è un inno alla vita che va aldilà del tempo che ogni vita ha a disposizione. Non siamo noi a decidere quanto debba durare la nostra vita; il nostro compito è quello di dedicarci quotidianamente e costantemente alle nostre relazioni cercando di coltivarle giorno per giorno, dedicandogli tempo in “analogico” e non in “digitale”: guardandoci negli occhi, ascoltando l’altro, in modo che ogni giorno possa avere la dignità e il senso di poter essere anche l’ultimo. Impariamo ogni mattina e ogni sera a dire grazie per quello che arriverà, per quello che abbiamo ricevuto e anche per i momenti in cui è molto complesso riuscire a farlo. Impariamo a dare un senso anche alle cose che apparentemente non ce l’hanno».

GUARDA IL VIDEO DI ETERNO 

Noi giovani siamo una generazione iperconnessa: il tuo è un invito a spegnere ogni tanto il telefono e dedicare un po’ di tempo a ciò che ci rende felici davvero?

«Assolutamente sì, credo che Internet, WhatsApp, Facebook, i social, da un lato siano una risorsa per noi, dall’altro rischiano di essere una condanna per le nostre relazioni. È fondamentale riuscire ad essere sempre noi padroni del nostro tempo e delle nostre scelte».

Articoli correlati
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
Sindrome di Sjögren, Maria Teresa Bellucci (FdI): «Presenteremo proposta di legge per inserirla nell’elenco malattie rare»
Una proposta di legge per inserire nell’elenco delle malattie rare anche la sindrome di Sjögren. Ad annunciarla, nel corso del convegno “La Sindrome di Sjögren – Tra difficoltà quotidiane e proposte di legge” organizzato da Fratelli d’Italia, A.N.I.Ma.S.S. ONLUS e Accademia Togliani in Senato, l’onorevole di Fratelli d’Italia, Maria Teresa Bellucci, Capogruppo della Commissione Affari […]
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...