Salute 15 maggio 2018

Giornata della Sclerosi Tuberosa, il testimonial è Giovanni Caccamo: «Malattie rare hanno bisogno di voce»

#Insiemesiamomusica è l’iniziativa di sensibilizzazione sulla sclerosi tuberosa. Testimonial d’eccezione dello spot su youtube il pupillo del Maestro Battiato, Giovanni Caccamo: «Inseriamo la musicoterapia all’interno dei percorsi assistenziali e terapeutici; la musica ti conduce altrove e concede un momento di armonia»

Immagine articolo

In occasione della “Giornata internazionale di sensibilizzazione sulla Sclerosi Tuberosa”, indetta il 15 maggio, l’Associazione Sclerosi Tuberosa Onlus (AST) lancia una campagna nazionale di informazione dal titolo #INSIEMESIAMOMUSICA. L’iniziativa prevede la diffusione su YouTube di uno spot diretto dal pluripremiato regista Maurizio Rigatti e vede protagonista il cantautore Giovanni Caccamo, scoperto da Franco Battiato, in qualità di Testimonial d’eccezione, che compone simbolicamente al pianoforte una melodia e duetta con la piccola Lucrezia, affetta da questa malattia genetica rara.

La Sclerosi Tuberosa è caratterizzata dallo sviluppo di tumori benigni che possono colpire organi differenti determinando così la gravità dei sintomi. È una patologia che interessa, spesso, il sistema nervoso centrale, il cuore, i reni, la cute, i polmoni e gli occhi. Il concept è tutto musicale: come nella musica basta una nota (il si, suonato al piano dalla piccola interprete) per risolvere una dissonanza, così nel caso del paziente affetto dalla malattia genetica è necessario il “sì” dell’accettazione, per riportare l’esistenza in armonia. Lo spot lancia un messaggio di solidarietà con l’obiettivo di unire le forze per supportare la ricerca scientifica e diffondere la conoscenza di una patologia di cui soffrono, nel mondo, un milione di persone e per cui non esiste una cura specifica.

In esclusiva per Sanità Informazione Giovanni Caccamo racconta perché ha deciso di prestare il volto per questa importante iniziativa.

Tu sei il testimonial di un’importante campagna informativa su una malattia diffusa ma purtroppo poco conosciuta, ci puoi raccontare questa esperienza?

«Ho sempre raccolto con grande entusiasmo ogni iniziativa e gesto che da parte mia potesse essere utile alla sensibilizzazione di argomenti delicati, di realtà che hanno bisogno di voce. Ho avuto a che fare con la sofferenza di mio papà e questo mi ha aiutato a capire, negli anni, che la vita è un percorso ad ostacoli e per saltarli meglio è fondamentale la condivisione, l’unione di forze e prospettive. Più le malattie sono rare e meno sono conosciute: avere la possibilità di venire in contatto con una realtà che ignoriamo ci può aiutare a renderci utili per quella condizione».

Si parla spesso di umanizzazione delle cure, l’attenzione al paziente nella sua totalità con la consapevolezza dell’importanza degli aspetti comunicativi, relazionali e psicologici dell’assistenza. Pensi che la musica possa aiutare a creare un clima positivo per i pazienti, bambini o adulti che siano?

«Ci sono studi medici che dimostrano come la musica sia un catalizzatore emotivo e riesca, su determinate frequenze, a predisporre il nostro corpo e la nostra mente alla ricezione dei farmaci in modo molto più efficace».

LEGGI LO SPECIALE “COME UMANIZZARE LA CURA”

La musicoterapia è un’attività consolidata nel mondo e sta lentamente trovando il giusto riconoscimento anche in Italia. Ti è mai capitato di cantare in un ospedale?

«Sicuramente la musicoterapia dovrebbe essere inserita all’interno dei percorsi assistenziali e terapeutici per i pazienti. Mi è capitato di cantare all’ospedale Rizzoli di Bologna per l’associazione Ansabbio Onlus ed anche al Bambino Gesù di Roma. Aldilà della musica come terapia che viene esercitata dagli specialisti, la musica ha, in generale, la capacità di portarti altrove, di condurti in un mondo che per qualche minuto, è lontano dal tuo e concederti un momento di armonia».

LEGGI ANCHE: NUOVE TERAPIE POST ICTUS, LA RIABILITAZIONE SI FA A TEMPO DI MUSICA

Nel 2015 hai vinto il Festival di Sanremo nella sezione “Nuove Proposte” con un tuo brano, ti sei classificato terzo in duetto nel 2016 ed hai partecipato alla gara anche quest’anno con il brano “Eterno”. Ma ti ricordi quando e perché hai capito che avresti vissuto di musica?

«L’ho capito nel momento in cui ho iniziato a scrivere: il fatto di riuscire a tradurre il mondo che mi circonda e le emozioni che provo in musica è in assoluto il mio “centro”. Nel momento in cui ho iniziato a scrivere ho capito che la musica era per me una vocazione più che una passione».

“Eterno” è il titolo del brano che hai portato al Festival di Sanremo e così titola anche il tuo nuovo album. Una parola importante che oggi, in una società così precaria, va un po’ “controcorrente”. Il video della canzone è girato in un ospedale ed è molto intenso: si può definire un inno alla vita?

«Sicuramente sì, è un inno alla vita che va aldilà del tempo che ogni vita ha a disposizione. Non siamo noi a decidere quanto debba durare la nostra vita; il nostro compito è quello di dedicarci quotidianamente e costantemente alle nostre relazioni cercando di coltivarle giorno per giorno, dedicandogli tempo in “analogico” e non in “digitale”: guardandoci negli occhi, ascoltando l’altro, in modo che ogni giorno possa avere la dignità e il senso di poter essere anche l’ultimo. Impariamo ogni mattina e ogni sera a dire grazie per quello che arriverà, per quello che abbiamo ricevuto e anche per i momenti in cui è molto complesso riuscire a farlo. Impariamo a dare un senso anche alle cose che apparentemente non ce l’hanno».

GUARDA IL VIDEO DI ETERNO 

Noi giovani siamo una generazione iperconnessa: il tuo è un invito a spegnere ogni tanto il telefono e dedicare un po’ di tempo a ciò che ci rende felici davvero?

«Assolutamente sì, credo che Internet, WhatsApp, Facebook, i social, da un lato siano una risorsa per noi, dall’altro rischiano di essere una condanna per le nostre relazioni. È fondamentale riuscire ad essere sempre noi padroni del nostro tempo e delle nostre scelte».

Articoli correlati
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
Change in Cardiology: a Torino cardiologi da tutto il mondo analizzano evoluzioni, cambiamenti e nuove terapie
L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il […]
“Testa o croce? Non affidarti al caso”. A Bologna i maxi poster della campagna UAAR sui medici obiettori | FOTO
«Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti è fondamentale. La nostra libertà è un bene prezioso, esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso» così l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (UAAR) avvisa le donne
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano