Salute 13 Maggio 2021 12:06

Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione

La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle

di Isabella Faggiano

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte in Italia: ogni anno 240 mila persone perdono la vita e 7,5 milioni di individui si ammalano. Infarto, ictus e vasculopatie sono gli eventi cardiovascolari più diffusi. Sono 600 mila le diagnosi annue di scompenso cardiaco, ma il numero cresce fino a 3 milioni se si considerano le forme latenti.

Una giornata per la consapevolezza

Numeri preoccupanti che hanno spinto la Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) a promuovere e organizzare, per il 13 maggio 2021, la prima Giornata Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare.

«Il nostro obiettivo – spiega  Roberto Volpe, cardiologo, consigliere e delegato ai Rapporti Internazionali della SIPREC – è accrescere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste malattie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle. Nonostante la disponibilità di numerosi farmaci, la mortalità resta alta».

Si tratta di una prevenzione multidisciplinare, ben rappresentata dalla SIPREC, società scientifica di cui fanno parte cardiologi, nutrizionisti, diabetologi, medici di medicina generale, geriatri e pediatri.
«Durante questa Giornata – continua il cardiologo – proporremo numerosi eventi online per diffondere informazioni corrette su stili di vita, sport e alimentazione compresi, fattori di rischio, aderenza alle terapie, vaccinazioni, innovazioni della telemedicina e lotta ai “nemici del cuore”, come colesterolo, diabete, fumo, ipertensione, obesità, stress, età. Nel corso della giornata si svolgeranno tante attività rivolte soprattutto ai professionisti della sanità, ma anche al grande pubblico».

Gli effetti della pandemia

I pazienti che soffrono di ipertensione, diabete, obesità, soprattutto se anziani, sono quelli che hanno pagato il prezzo più alto anche durante la pandemia da Sars-CoV-2. «Molte persone hanno trascurato la propria patologia – continua Volpe -. Temendo di poter contrarre il Covid-19, hanno preferito restare a casa, evitando strutture ospedaliere e ambulatori. Tanto che, lo scorso anno gli infarti in ospedale sono diminuiti del 50% rispetto allo stesso periodo del 2019».

Restare chiusi in casa ha cambiato molte sane abitudini, influenzando negativamente lo stato di gran parte della popolazione. «Se da un lato è aumentato il consumo di frutta e verdura (+20%) e di prodotti preparati in casa, dall’altro – sottolinea lo specialista – molti italiani si sono rifugiati nei cosiddetti cibi di conforto, come snack salati, caramelle, dolci, gelati. Da un recente sondaggio il 48% delle persone ha dichiarato di aver messo su qualche chilo di troppo durante questo ultimo anno».

Focus donna

Donne e  uomini non si ammalano allo stesso modo: l’incidenza di malattie cardiovascolari nel gentil sesso è più bassa prima della menopausa, per poi aumentare dopo i 60 anni. Con la menopausa si perde lo scudo ormonale e si diventa vulnerabili a queste patologie esattamente come gli uomini. «Pur avendo un ritardo di circa 10 anni, le donne che muoiono per problemi cardiovascolari (ictus e infarto) sono il 43% contro il 38% degli uomini», sottolinea Volpe.

Tra i principali fattori di rischio ce ne sono alcuni comuni ad entrambi i sessi, come fumo, colesterolo alto, ipertensione, diabete, assenza di movimento, obesità, alimentazione non corretta, ed altri esclusivamente femminili, tra cui menopausa precoce, menarca precoce o tardivo, ipertensione o diabete in gravidanza, la sindrome dell’ovaio policistico. Ancora, altre patologie sono prevalenti tra le signore, con conseguenze più impattanti: malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide, il lupus, la sclerodermia, la miastenia, la tiroidite.

Per la prevenzione non è mai troppo presto

Eccessiva fatica nel fare esercizio fisico o dopo aver salito un piano di scale, dolore precordiale dell’angina, palpitazioni sono tutti campanelli di allarme di patologie cardiovascolari, più o meno gravi. In qualche caso, però, il cuore potrebbe non dare alcun segnale. «Per questo – sottolinea Volpe – è importante prevenire e, soprattutto, farlo il prima possibile. Alcune patologie potrebbero essere già diagnosticate analizzando il sangue del cordone ombelicale, come ad esempio l’ipercolesterolemia familiare. Ma, aldilà dell’esistenza di rischi collegati alla familiarità della patologia, è bene che tutti comincino degli screening “opportunistici” già in età pediatrica».

«Con il termine opportunistico – evidenzia il cardiologo – s’intende inserire delle analisi, come colesterolo, trigliceridi, glicemia, quando già è in programma un esame ematico. Così come il pediatra potrà verificare la pressione arteriosa durante le consuete visite di controllo. Ovviamente, è già dalla tenera età che bisogna cominciare a promuovere i corretti stili di vita, incitando i nostri giovani all’attività fisica, evitando – conclude Volpe – che possano presentare sovrappeso o, peggio, diventare obesi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Natale ha “effetto booster” sul colesterolo, dai cardiologi 5 strategie salva-cuore
Con l’arrivo delle festività natalizie crescono le occasioni di eccedere a tavola con alimenti grassi, notoriamente collegati a un aumento dei livelli di colesterolo “cattivo”. In occasione dell’84° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), che si è concluso da poco a Roma, gli specialisti diffondono poche e semplici regole che possono aiutare a evitare eventuali impennate dei livelli di colesterolo
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Infarto: lunedì «nero», a inizio settimana attacchi cardiaci più gravi e letali
Per il nostro cuore non c'è giorno della settimana peggiore del lunedì. E' proprio in questo giorno, infatti, che avvengono con più frequenza gli infarti gravi e fatali. Una ricerca irlandese, presentata alla conferenza annuale della British Cardiovascular Society, ha infatti determinato che a inizio settimana il rischio di subire un attacco cardiaco letale è superiore del 13% rispetto al previsto. Il cardiologo Esposito: «A giocare un ruolo determinante è il ritmo circadiano»
Stress nemico del cuore: “Cento pagine per arrivare all’equilibrio”
Paolo Diego L’Angiocola, Responsabile di Cardiologia di Nova Salus a Gorizia, ha scritto un volume per aiutare le persone a prendere coscienza di sé e allontanare gli eccessi nemici del nostro cuore. “Le medicine servono ma prima dobbiamo partire dalla prevenzione» spiega il medico che propone tecniche essenziali per la gestione e la riduzione dello stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...