Salute 10 Maggio 2021 11:56

La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne

Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»

di Isabella Faggiano

Le donne? Sono loro il sesso forte. E non si tratta di una rivalsa femminista, che evidenzia un quoziente intellettivo più alto o migliori capacità di problem solving. Ma del sistema immunitario che, nel gentil sesso, pare sia in grado di agire in modo più efficiente ed efficace. Una differenza così marcata che, negli ultimi tempi, ha spinto i ricercatori ad interrogarsi sulla possibilità di sviluppare una medicina di genere che personalizzi, a seconda del sesso, protocolli di prevenzione, vaccini compresi, e di cura, con farmaci creati su misura per donne e uomini.

Che cos’è la medicina di genere

Ma andiamo con ordine, partendo dal significato attualmente attribuito a questo concetto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che definisce “la Medicina di Genere lo studio dell’influenza delle differenze biologiche (definite dal sesso) e socio-economiche e culturali (definite dal genere) sullo stato di salute e di malattia di ogni persona”.
«Esistono importanti differenze di genere a livello anatomico, fisiologico, cellulare, di risposta ai farmaci tra uomini e donne, che, spesso, in medicina non sono considerate – sottolinea il professore Giovanni Scambia, direttore UOC Ginecologia oncologica e direttore scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS -. Quando i farmaci vengono studiati per la prima volta, ad esempio, non si tiene conto delle differenze tra uomini e donne, tanto che la loro somministrazione avviene solamente in base al peso corporeo».
In questo contesto non vanno trascurati nemmeno gli aspetti sociali della medicina: «La donna è molto spesso il caregiver dell’uomo e, non di rado, avendo un’aspettativa di vita più lunga, rimane sola, senza nessuno che la assista. Il decorso delle malattie tra il sesso femminile è, in generale, meno critico, compreso i ricoveri in terapia intensiva».

Covid-19 e differenze di genere

Anche il Covid ha messo ulteriormente in evidenza questa marcata differenza di genere in medicina. «Dai dati epidemiologici che abbiamo finora a disposizione è evidente che l’infezione da Covid-19 si è manifestata prevalentemente tra il sesso maschile, con una gravità della malattia più intensa. Il tasso di mortalità registrato in alcuni Paesi, tra cui anche l’Italia, è a svantaggio degli uomini: tra i maschi il numero dei morti è stato doppio rispetto alle donne, così come i ricoveri hanno superato di una volta e mezzo quelli del gentil sesso».

Durante l’emergenza Covid, anche l’intensa ricerca di vaccini efficaci ha accesso ulteriormente i riflettori sul funzionamento del sistema immunitario e sulle differenze che questo presenta tra i due diversi generi.

Un nuovo orientamento formativo

«Il dibattito scientifico – continua Scambia – ha evidenziato la necessità di inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere, proprio per orientare la prevenzione e la cura verso strategie che tengano presente le differenze tra uomini e donne. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati in un genere piuttosto che in un altro».

È probabile, dunque, che in futuro non solo si sceglieranno specialisti a seconda del sesso del paziente, ma che anche i ricercatori sperimenteranno farmaci e vaccini diversi per uomini e donne. «Ed è altrettanto probabile – aggiunge Scambia – che questo futuro non sia poi così lontano. Sappiamo bene che alcuni tumori hanno manifestazioni diverse a seconda del sesso del paziente, così come possono esserci sintomi ed evoluzioni differenti in presenza di malattie cardiologiche o respiratorie, solo per fare alcuni esempi. Tutta la medicina, infatti, si sta indirizzando verso la personalizzazione ed è abbastanza intuitivo – conclude lo specialista – che il primo passo verso una medicina studiata per il singolo individuo sia proprio una strategia di cura e prevenzione distinta tra uomini e donne».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
Tumore al seno HER2+ metastatico: FDA approva trastuzumab deruxtecan per pazienti trattate con terapia a base di anti-HER2
L’approvazione FDA per trastuzumab deruxtecan amplia l'indicazione dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca per un uso più precoce (seconda linea) nel trattamento del carcinoma mammario metastatico
Liste d’attesa infinite e i cittadini rinunciano alle cure, allarme di Cittadinanzattiva
Secondo il «Rapporto civico sulla salute 2022. I diritti dei cittadini e il federalismo sanitario» di Cittadinanzattiva 1 cittadino su 3 rinuncia alle cure. Ritardi in esami, screening e interventi chirurgici
di Valentina Arcovio
Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita
Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...