Salute 10 Maggio 2021 11:56

La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne

Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»

di Isabella Faggiano

Le donne? Sono loro il sesso forte. E non si tratta di una rivalsa femminista, che evidenzia un quoziente intellettivo più alto o migliori capacità di problem solving. Ma del sistema immunitario che, nel gentil sesso, pare sia in grado di agire in modo più efficiente ed efficace. Una differenza così marcata che, negli ultimi tempi, ha spinto i ricercatori ad interrogarsi sulla possibilità di sviluppare una medicina di genere che personalizzi, a seconda del sesso, protocolli di prevenzione, vaccini compresi, e di cura, con farmaci creati su misura per donne e uomini.

Che cos’è la medicina di genere

Ma andiamo con ordine, partendo dal significato attualmente attribuito a questo concetto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che definisce “la Medicina di Genere lo studio dell’influenza delle differenze biologiche (definite dal sesso) e socio-economiche e culturali (definite dal genere) sullo stato di salute e di malattia di ogni persona”.
«Esistono importanti differenze di genere a livello anatomico, fisiologico, cellulare, di risposta ai farmaci tra uomini e donne, che, spesso, in medicina non sono considerate – sottolinea il professore Giovanni Scambia, direttore UOC Ginecologia oncologica e direttore scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS -. Quando i farmaci vengono studiati per la prima volta, ad esempio, non si tiene conto delle differenze tra uomini e donne, tanto che la loro somministrazione avviene solamente in base al peso corporeo».
In questo contesto non vanno trascurati nemmeno gli aspetti sociali della medicina: «La donna è molto spesso il caregiver dell’uomo e, non di rado, avendo un’aspettativa di vita più lunga, rimane sola, senza nessuno che la assista. Il decorso delle malattie tra il sesso femminile è, in generale, meno critico, compreso i ricoveri in terapia intensiva».

Covid-19 e differenze di genere

Anche il Covid ha messo ulteriormente in evidenza questa marcata differenza di genere in medicina. «Dai dati epidemiologici che abbiamo finora a disposizione è evidente che l’infezione da Covid-19 si è manifestata prevalentemente tra il sesso maschile, con una gravità della malattia più intensa. Il tasso di mortalità registrato in alcuni Paesi, tra cui anche l’Italia, è a svantaggio degli uomini: tra i maschi il numero dei morti è stato doppio rispetto alle donne, così come i ricoveri hanno superato di una volta e mezzo quelli del gentil sesso».

Durante l’emergenza Covid, anche l’intensa ricerca di vaccini efficaci ha accesso ulteriormente i riflettori sul funzionamento del sistema immunitario e sulle differenze che questo presenta tra i due diversi generi.

Un nuovo orientamento formativo

«Il dibattito scientifico – continua Scambia – ha evidenziato la necessità di inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere, proprio per orientare la prevenzione e la cura verso strategie che tengano presente le differenze tra uomini e donne. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati in un genere piuttosto che in un altro».

È probabile, dunque, che in futuro non solo si sceglieranno specialisti a seconda del sesso del paziente, ma che anche i ricercatori sperimenteranno farmaci e vaccini diversi per uomini e donne. «Ed è altrettanto probabile – aggiunge Scambia – che questo futuro non sia poi così lontano. Sappiamo bene che alcuni tumori hanno manifestazioni diverse a seconda del sesso del paziente, così come possono esserci sintomi ed evoluzioni differenti in presenza di malattie cardiologiche o respiratorie, solo per fare alcuni esempi. Tutta la medicina, infatti, si sta indirizzando verso la personalizzazione ed è abbastanza intuitivo – conclude lo specialista – che il primo passo verso una medicina studiata per il singolo individuo sia proprio una strategia di cura e prevenzione distinta tra uomini e donne».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
Il 21 novembre è la giornata dell’assistente sanitario
Una data scelta in onore dell’anniversario della Carta di Ottawa, sottoscritta da tutti gli Stati appartenenti alla Organizzazione mondiale della Sanità nel 1986
Recuperare le liste di attesa: le risorse ci sono, ma sono utilizzate? E in che modo? L’indagine CIMO-LAB
Quici: «Non vorremmo, a questo punto, che a qualche decisore politico “illuminato” venga nuovamente l’idea di fronteggiare il problema delle liste d’attesa bloccando l’attività libero professionale del medico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano