Salute 10 Maggio 2021 11:56

La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne

Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»

di Isabella Faggiano

Le donne? Sono loro il sesso forte. E non si tratta di una rivalsa femminista, che evidenzia un quoziente intellettivo più alto o migliori capacità di problem solving. Ma del sistema immunitario che, nel gentil sesso, pare sia in grado di agire in modo più efficiente ed efficace. Una differenza così marcata che, negli ultimi tempi, ha spinto i ricercatori ad interrogarsi sulla possibilità di sviluppare una medicina di genere che personalizzi, a seconda del sesso, protocolli di prevenzione, vaccini compresi, e di cura, con farmaci creati su misura per donne e uomini.

Che cos’è la medicina di genere

Ma andiamo con ordine, partendo dal significato attualmente attribuito a questo concetto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che definisce “la Medicina di Genere lo studio dell’influenza delle differenze biologiche (definite dal sesso) e socio-economiche e culturali (definite dal genere) sullo stato di salute e di malattia di ogni persona”.
«Esistono importanti differenze di genere a livello anatomico, fisiologico, cellulare, di risposta ai farmaci tra uomini e donne, che, spesso, in medicina non sono considerate – sottolinea il professore Giovanni Scambia, direttore UOC Ginecologia oncologica e direttore scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS -. Quando i farmaci vengono studiati per la prima volta, ad esempio, non si tiene conto delle differenze tra uomini e donne, tanto che la loro somministrazione avviene solamente in base al peso corporeo».
In questo contesto non vanno trascurati nemmeno gli aspetti sociali della medicina: «La donna è molto spesso il caregiver dell’uomo e, non di rado, avendo un’aspettativa di vita più lunga, rimane sola, senza nessuno che la assista. Il decorso delle malattie tra il sesso femminile è, in generale, meno critico, compreso i ricoveri in terapia intensiva».

Covid-19 e differenze di genere

Anche il Covid ha messo ulteriormente in evidenza questa marcata differenza di genere in medicina. «Dai dati epidemiologici che abbiamo finora a disposizione è evidente che l’infezione da Covid-19 si è manifestata prevalentemente tra il sesso maschile, con una gravità della malattia più intensa. Il tasso di mortalità registrato in alcuni Paesi, tra cui anche l’Italia, è a svantaggio degli uomini: tra i maschi il numero dei morti è stato doppio rispetto alle donne, così come i ricoveri hanno superato di una volta e mezzo quelli del gentil sesso».

Durante l’emergenza Covid, anche l’intensa ricerca di vaccini efficaci ha accesso ulteriormente i riflettori sul funzionamento del sistema immunitario e sulle differenze che questo presenta tra i due diversi generi.

Un nuovo orientamento formativo

«Il dibattito scientifico – continua Scambia – ha evidenziato la necessità di inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere, proprio per orientare la prevenzione e la cura verso strategie che tengano presente le differenze tra uomini e donne. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati in un genere piuttosto che in un altro».

È probabile, dunque, che in futuro non solo si sceglieranno specialisti a seconda del sesso del paziente, ma che anche i ricercatori sperimenteranno farmaci e vaccini diversi per uomini e donne. «Ed è altrettanto probabile – aggiunge Scambia – che questo futuro non sia poi così lontano. Sappiamo bene che alcuni tumori hanno manifestazioni diverse a seconda del sesso del paziente, così come possono esserci sintomi ed evoluzioni differenti in presenza di malattie cardiologiche o respiratorie, solo per fare alcuni esempi. Tutta la medicina, infatti, si sta indirizzando verso la personalizzazione ed è abbastanza intuitivo – conclude lo specialista – che il primo passo verso una medicina studiata per il singolo individuo sia proprio una strategia di cura e prevenzione distinta tra uomini e donne».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori: IFO, “La medicina è personalizzata se prevede un approccio di sesso e genere”
I tumori oltre a essere differenti tra di loro, possono avere caratteristiche diverse a seconda del sesso, maschio o femmina, e anche del genere, uomo o donna che rappresenta il contesto sociale, culturale ed economico all’interno del quale vivono gli individui. Alla luce delle evidenze scientifiche è quindi fondamentale capire e individuare queste differenze per poter pianificare dei percorsi di diagnosi e terapia mirati
di V.A.
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.