Salute 27 Maggio 2017

Giornata Nazionale del Sollievo, Lorenzin: «Terapia del dolore è atto di grandissima civiltà»

«Dietro la terapia del dolore c’è un’azione di grandissima civiltà», in quanto «fa veramente la differenza per i malati, ma anche per le famiglie», lo ha affermato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Un’indagine rivela che il 63% degli italiani non conosce la legge sulle cure palliative

Immagine articolo

«Dietro la terapia del dolore c’è un’azione di grandissima civiltà», in quanto «fa veramente la differenza per i malati, ma anche per le famiglie». È quanto ha affermato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, durante la presentazione avvenuta a Roma della XVI Giornata Nazionale del Sollievo del 28 maggio. La giornata è stata istituita per sostenere chi è ormai arrivato alla fine della sua vita a causa di una malattia e ha bisogno di terapie e farmaci efficaci, ma anche di cura e comprensione umana.

La legge 38/2010, grazie alla quale cure e terapie antidolore sono diventate un diritto esigibile da garantire su tutto il territorio nazionale, secondo il Ministro rappresenta infatti «una legge di civiltà», di cui va sottolineato «il grande lavoro che è stato fatto da parte degli ospedali predisponendo un percorso non soltanto con i servizi, ma anche realizzando gli hospice e prevedendo un accompagnamento anche a casa con un impegno straordinario degli operatori. Un accompagnamento dolce e affettuoso del malato – ha concluso Lorenzin – fino al decesso da parte di chi lo circonda, ma anche con le terapie, è una cosa molto, molto importante».

Cure palliative, il 63% degli italiani non conosce la legge

L’Osservatorio di monitoraggio delle cure palliative, istituito dalla Fondazione e coordinato dall’ex ministro Livia Turco, ha sottolineato come, stando alle ultime rilevazioni effettuate, la legge che le regola è ancora oggi poco nota: il 63% dei cittadini intervistati non la conosce. C’è da dire comunque che l’analisi fornisce anche un dato invece molto positivo: le persone che sono state prese in carico dai centri di terapia del dolore e dagli hospice ne sottolineano le dote di qualità umana e professionale.

«Colpisce constatare – ha dichiarato l’ex ministro Turco – che troppe persone vivono nella solitudine dell’inguaribilità», per questo «la lotta al dolore deve essere una priorità nell’agenda politica di chi governa. Occorre impegnarsi – ha concluso – affinché nessuno resti solo di fronte alla malattia». «Non possiamo lasciare gli incurabili all’eutanasia – ha aggiunto il Dottor. William Raffaeli, Presidente della Fondazione Isal – vogliamo occuparci di loro e dargli una casa». Per il 2017 il premio Gerbera d’oro, attribuito alla struttura sanitaria che si è distinta nell’affrancamento dal dolore inutile, è stato assegnato alla Lombardia per il progetto dell’ospedale Niguarda.

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Lorenzin, l’ultima intervista da Ministro (forse): «Situazione politica drammatica. Il mio futuro? Due cose sono certe…»
In occasione di “Farma & Friends”, la serata di beneficienza organizzata da Federfarma Roma, quella che con ogni probabilità è l’ultima uscita della Lorenzin in qualità di titolare del Dicastero alla Salute
Raggi a Lorenzin: «A scuola anche i bimbi non vaccinati»
Rispettare la continuità didattica ed educativa. Con questa motivazione, l’assemblea capitolina ha approvato nei giorni scorsi la mozione con cui la sindaca Virginia Raggi propone di far restare a scuola i bambini da 0 a 6 anni iscritti all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia regolarmente ma non ancora vaccinati. Immediata la risposta contraria della ministra della salute Beatrice Lorenzin […]
Sanità, il ministro Lorenzin nomina componenti Osservatorio nazionale sicurezza in sanità
«Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in attuazione dell’art. 3 della legge n. 24 del 2017, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in Sanità –  fa sapere il ministero. Sono […]
In farmacia di notte? Il supplemento raddoppia, aumentano anche i galenici
7,50 euro anziché 3,87. Dal mese di novembre, è quasi doppio il supplemento che pagherà chi avrà bisogno di una farmacia di notte, secondo quanto stabilito dal decreto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Sull’adeguamento e l’aggiornamento delle tariffe della fascia notturna e dei galenici, ferme dal ‘93,  interviene Federfarma sul suo sito: «Ѐ stato soltanto adeguato un […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti