Salute 30 Ottobre 2020 15:55

Giornata mondiale vegan. Il 3% degli italiani è vegano: percentuale in calo, vegetariani in aumento

La nutrizionista: «Sì al veganesimo ma sotto controllo medico per bambini in crescita, donne in gravidanza o allattamento e anziani fragili. I consigli per aumentare l’assorbimento di micronutrienti: mangiare legumi decorticati e condire con il limone le verdure ricche di ferro»

di Isabella Faggiano

Era il primo novembre del 1944 quando, a Londra, fu fondata la prima società vegana. Ed è in ricordo di questo evento che nella stessa data, ogni anno, si festeggia in tutto il mondo la Giornata mondiale vegan. «I vegani sono coloro che, nella propria dieta, rifiutano completamente il consumo di carne, pesce, latte, latticini e derivati, uova, miele e, in generale, qualsiasi prodotto di origine animale – spiega Laura Rossi, ricercatore e nutrizionista centro CREA Alimenti e Nutrizione -. Una scelta di solito legata a ragioni etiche ed al rispetto per gli animali. È raro che un individuo decida di abbracciare il veganesimo per ragioni esclusivamente nutrizionali». Essere vegano, infatti, include di solito anche uno stile di vita che rifiuta l’acquisto ed il consumo di prodotti che possano derivare dalla sofferenza e dallo sfruttamento di un animale, come la lana, la seta ed alcuni cosmetici.

I NUMERI

«I vegani in Italia, secondo l’indagine Eurispes 2020, rappresentano circa il 3% della popolazione, una percentuale in leggero decremento. Un dato – sottolinea Rossi – in controtendenza rispetto al più ampio gruppo dei vegetariani – di cui i vegani sono una sottoclasse – aumentati fino all’8,9%». Secondo l’identikit tracciato dall’Eurispes i vegani sarebbero per lo più giovani tra i 25 e i 44 anni e avrebbero compiuto questa scelta per salvaguardare la propria salute e il benessere (23,2%) e per l’amore e il rispetto nei confronti del mondo animale (22,2%).

È UN’ALIMENTAZIONE ADATTA A TUTTI?

«La scelta di eliminare completamente dalla propria dieta tutti gli alimenti di origine animale va fatta con ponderazione, soprattutto in alcune fasce di età – raccomanda la nutrizionista -. Primo fra tutti il bambino in crescita: per raggiungere il suo fabbisogno di ferro e calcio necessita di un’ampia gamma di nutrienti presenti anche in alimenti di origine animale. Questo non vuol dire che sia impossibile fare diete vegane durante la crescita, ma se lo si sceglie sarà necessario farlo con estrema cautela, sotto la supervisione medica. Un’altra fascia a rischio, per le stesse ragioni del bambino, è costituita da donne in gravidanza o allattamento. Lo sono potenzialmente anche gli anziani fragili, soprattutto se affetti da patologie di natura metabolica».

I CONSIGLI PER ESSERE VEGANI SENZA RISCHI

Ma anche chi non rientra nelle categorie cosiddette a rischio, è bene che provveda ad integrare le eventuali carenze che possono derivare da una dieta vegana. «Sono i micronutrienti come minerali, ferro, calcio, zinco, vitamina b12 presenti in alimenti di origine animale a poter essere carenti quando si segue un’alimentazione vegana – dice la specialista -. Per questo, è importante che un vegano mangi molta frutta e verdura contenenti un’ampia gamma di vitamine e minerali che possono aiutare alla compensazione. Così come legumi e cereali per fare scorta delle proteine necessarie: il valore biologico delle proteine della soia è equivalente a quello del manzo. Ferro, calcio e zinco, pur essendo presenti nei prodotti di origine vegetale, sono meno “biodisponibili”, cioè presenti in una forma chimica che ci permette di assorbirne di meno. Quindi dobbiamo attuare tutti quei sistemi, anche domestici, di potenziamento dell’assorbimento: condire le verdure con il limone per assimilare meglio il ferro laddove presente, consumare legumi decorticati o sottoposti a leggera fermentazione per aumentarne la biodisponibilità di micronutrienti. Infine, sottoporsi almeno una volta all’anno a delle analisi di base anche sotto consiglio del proprio medico di medicina generale – conclude Rossi – per valutare un’eventuale integrazione».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde
Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto