Salute 30 Ottobre 2020

Giornata mondiale vegan. Il 3% degli italiani è vegano: percentuale in calo, vegetariani in aumento

La nutrizionista: «Sì al veganesimo ma sotto controllo medico per bambini in crescita, donne in gravidanza o allattamento e anziani fragili. I consigli per aumentare l’assorbimento di micronutrienti: mangiare legumi decorticati e condire con il limone le verdure ricche di ferro»

di Isabella Faggiano

Era il primo novembre del 1944 quando, a Londra, fu fondata la prima società vegana. Ed è in ricordo di questo evento che nella stessa data, ogni anno, si festeggia in tutto il mondo la Giornata mondiale vegan. «I vegani sono coloro che, nella propria dieta, rifiutano completamente il consumo di carne, pesce, latte, latticini e derivati, uova, miele e, in generale, qualsiasi prodotto di origine animale – spiega Laura Rossi, ricercatore e nutrizionista centro CREA Alimenti e Nutrizione -. Una scelta di solito legata a ragioni etiche ed al rispetto per gli animali. È raro che un individuo decida di abbracciare il veganesimo per ragioni esclusivamente nutrizionali». Essere vegano, infatti, include di solito anche uno stile di vita che rifiuta l’acquisto ed il consumo di prodotti che possano derivare dalla sofferenza e dallo sfruttamento di un animale, come la lana, la seta ed alcuni cosmetici.

I NUMERI

«I vegani in Italia, secondo l’indagine Eurispes 2020, rappresentano circa il 3% della popolazione, una percentuale in leggero decremento. Un dato – sottolinea Rossi – in controtendenza rispetto al più ampio gruppo dei vegetariani – di cui i vegani sono una sottoclasse – aumentati fino all’8,9%». Secondo l’identikit tracciato dall’Eurispes i vegani sarebbero per lo più giovani tra i 25 e i 44 anni e avrebbero compiuto questa scelta per salvaguardare la propria salute e il benessere (23,2%) e per l’amore e il rispetto nei confronti del mondo animale (22,2%).

È UN’ALIMENTAZIONE ADATTA A TUTTI?

«La scelta di eliminare completamente dalla propria dieta tutti gli alimenti di origine animale va fatta con ponderazione, soprattutto in alcune fasce di età – raccomanda la nutrizionista -. Primo fra tutti il bambino in crescita: per raggiungere il suo fabbisogno di ferro e calcio necessita di un’ampia gamma di nutrienti presenti anche in alimenti di origine animale. Questo non vuol dire che sia impossibile fare diete vegane durante la crescita, ma se lo si sceglie sarà necessario farlo con estrema cautela, sotto la supervisione medica. Un’altra fascia a rischio, per le stesse ragioni del bambino, è costituita da donne in gravidanza o allattamento. Lo sono potenzialmente anche gli anziani fragili, soprattutto se affetti da patologie di natura metabolica».

I CONSIGLI PER ESSERE VEGANI SENZA RISCHI

Ma anche chi non rientra nelle categorie cosiddette a rischio, è bene che provveda ad integrare le eventuali carenze che possono derivare da una dieta vegana. «Sono i micronutrienti come minerali, ferro, calcio, zinco, vitamina b12 presenti in alimenti di origine animale a poter essere carenti quando si segue un’alimentazione vegana – dice la specialista -. Per questo, è importante che un vegano mangi molta frutta e verdura contenenti un’ampia gamma di vitamine e minerali che possono aiutare alla compensazione. Così come legumi e cereali per fare scorta delle proteine necessarie: il valore biologico delle proteine della soia è equivalente a quello del manzo. Ferro, calcio e zinco, pur essendo presenti nei prodotti di origine vegetale, sono meno “biodisponibili”, cioè presenti in una forma chimica che ci permette di assorbirne di meno. Quindi dobbiamo attuare tutti quei sistemi, anche domestici, di potenziamento dell’assorbimento: condire le verdure con il limone per assimilare meglio il ferro laddove presente, consumare legumi decorticati o sottoposti a leggera fermentazione per aumentarne la biodisponibilità di micronutrienti. Infine, sottoporsi almeno una volta all’anno a delle analisi di base anche sotto consiglio del proprio medico di medicina generale – conclude Rossi – per valutare un’eventuale integrazione».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
La stanza dove abbracciarsi non è vietato: «Migliora umore e benessere di anziani e disabili»
La struttura è stata realizzata all’interno della Rsa Domenico Sartori, a Castelfranco Veneto. La direttrice: «In pochi giorni è migliorato il tono dell’umore e il benessere di tutti i nostri ospiti, anziani e disabili. L’abbiamo ideata pensando alle incubatrici che proteggono i bambini prematuri senza sottrarli all’affetto dei propri genitori»
di Isabella Faggiano
Epatite C, appello alle Regioni per eliminare il virus: «Screening e trattamenti per evitare migliaia di morti»
«È necessario disegnare programmi di intervento per le coorti di nascita identificate dal Decreto “Milleproroghe” di febbraio, coordinando anche l’attuazione proattiva dello screening nelle popolazioni chiave, tra cui tossicodipendenti e detenuti», sottolinea Loreta Kondili, Centro Nazionale Salute Globale Ist. Superiore di Sanità
Emotional eating per combattere lo stress da Covid: esploso il numero di mangiatori compulsivi
L’esperto: «Già nel mese di maggio l’Iss aveva stimato un aumento del 30% dei disturbi del comportamento alimentare come conseguenza diretta del lockdown. Nei mesi successivi, nonostante l’allentamento delle restrizioni, le richieste di assistenza nei centri di cura specializzati sono aumentate in modo esponenziale e continueranno a crescere»
di Isabella Faggiano
Colpisce 3 donne su 10 ma non ci sono cure. Cos’è l’endometriosi e perché se ne parla troppo poco
In Italia ne soffrono 3 milioni di donne, in occidente circa 200. Signorile (Presidente della Fondazione Italiana Endometriosi): «Patologia dagli effetti invalidanti, come danni seri all’apparato renale o intestinale, dolori cronici, problemi di fertilità e pesanti risvolti personali, sociali e lavorativi». Il racconto di una ragazza che ne soffre
Yoga, benefici per corpo e mente. I consigli di Francesca Senette
«All’inizio si percepiscono i benefici fisici perché lo yoga fa bene alla colonna vertebrale, all’addome e all’allungamento muscolare. Poi subentra il benessere psicologico. A volte bastano anche solo dieci minuti per avere benefici per l’intera giornata»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 novembre, sono 59.219.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.397.176 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli