Salute 30 Ottobre 2020 15:55

Giornata mondiale vegan. Il 3% degli italiani è vegano: percentuale in calo, vegetariani in aumento

La nutrizionista: «Sì al veganesimo ma sotto controllo medico per bambini in crescita, donne in gravidanza o allattamento e anziani fragili. I consigli per aumentare l’assorbimento di micronutrienti: mangiare legumi decorticati e condire con il limone le verdure ricche di ferro»

di Isabella Faggiano

Era il primo novembre del 1944 quando, a Londra, fu fondata la prima società vegana. Ed è in ricordo di questo evento che nella stessa data, ogni anno, si festeggia in tutto il mondo la Giornata mondiale vegan. «I vegani sono coloro che, nella propria dieta, rifiutano completamente il consumo di carne, pesce, latte, latticini e derivati, uova, miele e, in generale, qualsiasi prodotto di origine animale – spiega Laura Rossi, ricercatore e nutrizionista centro CREA Alimenti e Nutrizione -. Una scelta di solito legata a ragioni etiche ed al rispetto per gli animali. È raro che un individuo decida di abbracciare il veganesimo per ragioni esclusivamente nutrizionali». Essere vegano, infatti, include di solito anche uno stile di vita che rifiuta l’acquisto ed il consumo di prodotti che possano derivare dalla sofferenza e dallo sfruttamento di un animale, come la lana, la seta ed alcuni cosmetici.

I NUMERI

«I vegani in Italia, secondo l’indagine Eurispes 2020, rappresentano circa il 3% della popolazione, una percentuale in leggero decremento. Un dato – sottolinea Rossi – in controtendenza rispetto al più ampio gruppo dei vegetariani – di cui i vegani sono una sottoclasse – aumentati fino all’8,9%». Secondo l’identikit tracciato dall’Eurispes i vegani sarebbero per lo più giovani tra i 25 e i 44 anni e avrebbero compiuto questa scelta per salvaguardare la propria salute e il benessere (23,2%) e per l’amore e il rispetto nei confronti del mondo animale (22,2%).

È UN’ALIMENTAZIONE ADATTA A TUTTI?

«La scelta di eliminare completamente dalla propria dieta tutti gli alimenti di origine animale va fatta con ponderazione, soprattutto in alcune fasce di età – raccomanda la nutrizionista -. Primo fra tutti il bambino in crescita: per raggiungere il suo fabbisogno di ferro e calcio necessita di un’ampia gamma di nutrienti presenti anche in alimenti di origine animale. Questo non vuol dire che sia impossibile fare diete vegane durante la crescita, ma se lo si sceglie sarà necessario farlo con estrema cautela, sotto la supervisione medica. Un’altra fascia a rischio, per le stesse ragioni del bambino, è costituita da donne in gravidanza o allattamento. Lo sono potenzialmente anche gli anziani fragili, soprattutto se affetti da patologie di natura metabolica».

I CONSIGLI PER ESSERE VEGANI SENZA RISCHI

Ma anche chi non rientra nelle categorie cosiddette a rischio, è bene che provveda ad integrare le eventuali carenze che possono derivare da una dieta vegana. «Sono i micronutrienti come minerali, ferro, calcio, zinco, vitamina b12 presenti in alimenti di origine animale a poter essere carenti quando si segue un’alimentazione vegana – dice la specialista -. Per questo, è importante che un vegano mangi molta frutta e verdura contenenti un’ampia gamma di vitamine e minerali che possono aiutare alla compensazione. Così come legumi e cereali per fare scorta delle proteine necessarie: il valore biologico delle proteine della soia è equivalente a quello del manzo. Ferro, calcio e zinco, pur essendo presenti nei prodotti di origine vegetale, sono meno “biodisponibili”, cioè presenti in una forma chimica che ci permette di assorbirne di meno. Quindi dobbiamo attuare tutti quei sistemi, anche domestici, di potenziamento dell’assorbimento: condire le verdure con il limone per assimilare meglio il ferro laddove presente, consumare legumi decorticati o sottoposti a leggera fermentazione per aumentarne la biodisponibilità di micronutrienti. Infine, sottoporsi almeno una volta all’anno a delle analisi di base anche sotto consiglio del proprio medico di medicina generale – conclude Rossi – per valutare un’eventuale integrazione».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Stili di vita, alimentazione e sport: 7 italiani su 10 predicano bene ma razzolano male
I risultati del nuovo report «NUOVO REPORT ASIM- AIRC», realizzato da Fondo ASIM in collaborazione con la Fondazione AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...