Salute 31 Maggio 2019

Giornata mondiale senza tabacco, fuma più di 1 italiano su 5. Garattini: «Aumentare il prezzo delle sigarette»

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», avverte Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”

Immagine articolo

Sono quasi 12 milioni i fumatori in Italia, più di un italiano su cinque: 7,1 milioni di uomini e 4,5 milioni le donne. Questi i dati raccolti nel report presentato stamattina dall’Istituto Superiore di Sanità diffusi in occasione della Giornata mondiale senza Tabacco, dedicata quest’anno al tema “Tabacco e salute dei polmoni”.

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», è critico Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”. «E’ un dovere quello che abbiamo di contrastare il fumo da tabacco che è il responsabile di un gran numero di tumori, di malattie cardiovascolari e di malattie respiratorie».

«Noi dobbiamo operare in concerto, perché il problema è talmente trasversale e radicato che ha bisogno di grandissime risorse», spiega ai nostri microfoni Roberta Pacifici, direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping. «L’obiettivo è chiaramente disincentivare l’iniziazione al consumo di tabacco perché una volta catturati da questa dipendenza sappiamo che la cessazione è complessa e devono passare molti anni prima che si maturi questa esigenza».

«Dobbiamo investire moltissimo sui programmi di cessazione. Aiutare il tabagista – continua Pacifici – a liberarsi da questa dipendenza. Ci sono in Italia i centri antifumo che sono distribuiti su tutto il territorio italiano ma si trovano ora in difficoltà, alcuni stanno chiudendo per mancanza di personale e di risorse e questo è veramente un problema»

Riguardo la sigaretta elettronica «ci sono problematiche legate a questo prodotto» avverte Roberta Pacifici. «Non possiamo ad oggi ancora sapere se per la salute è un prodotto che non crea problemi, soprattutto nell’utilizzo a lungo termine. Sono scarsi i dati che ci danno nella loro capacità di far diventare il fumatore un ex fumatore, ma anche una persona che non consuma più nicotina, perché anche la nicotina è una sostanza che può creare problemi soprattutto a livello cardiocircolatorio».

«Bisogna fare molte cose, per esempio aumentare il prezzo del pacchetto di sigarette – spiega ancora il professor Garattini – perché questo è noto diminuirà il numero dei fumatori. Noi abbiamo un prezzo che è quasi la metà del prezzo che abbiamo in Inghilterra. Bisogna aumentare notevolmente tutta l’attività di informazione e soprattutto i centri che si occupano di tabagismo. Bisogna mettere a disposizione degli ammalati, perché i fumatori sono tossicodipendenti, mettere a disposizione i farmaci che possono aiutare ad uscire da questa forma di dipendenza».

Articoli correlati
Covid-19 e ictus cerebrale: esiste una correlazione?
Il neurologo: «L’ictus cerebrale è stato diagnosticato in circa il 6% dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2 in atto, ma è ancora presto per stabilire con assoluta certezza che ci sia un legame specifico. Ma un dato interessante c’è: la maggior parte dei pazienti Covid che hanno avuto un ictus cerebrale sono giovani e privi di fattori di rischio associati»
di Isabella Faggiano
Guida pratica all’uso delle mascherine: quali indossare, come conservarle, ogni quanto cambiarle e come lavarle
Botta e risposta con Paolo D’Ancona, epidemiologo delle malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità
di Peter D'Angelo
Mascherine ai medici a prezzo calmierato, c’è l’accordo tra FNOMCeO e Arcuri
Concluso l'accordo quadro che permetterà ai medici di avere le mascherine a un prezzo molto vantaggioso. L'operazione conclusa tra il commissario straordinario per l'emergenza e la Federazione nazionale dei medici
Via libera alle visite dei parenti nelle Rsa, ma niente abbracci. Le regole dell’Iss
Designare un solo parente per le visite, definire percorsi e incontri all'aperto. Tutte le misure da adottare per il ritorno dei visitatori nelle Rsa
Covid-19 e scuole, le indicazioni ISS per la gestione di casi sospetti
In caso di studenti o operatori scolastici positivi al Covid, sarà il Dipartimento di Prevenzione a valutare la possibilità di chiudere la scuola. Per l'ISS, un solo caso non è un motivo sufficiente a determinarne la chiusura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...