Salute 31 Maggio 2019

Giornata mondiale senza tabacco, fuma più di 1 italiano su 5. Garattini: «Aumentare il prezzo delle sigarette»

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», avverte Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”

Immagine articolo

Sono quasi 12 milioni i fumatori in Italia, più di un italiano su cinque: 7,1 milioni di uomini e 4,5 milioni le donne. Questi i dati raccolti nel report presentato stamattina dall’Istituto Superiore di Sanità diffusi in occasione della Giornata mondiale senza Tabacco, dedicata quest’anno al tema “Tabacco e salute dei polmoni”.

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», è critico Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”. «E’ un dovere quello che abbiamo di contrastare il fumo da tabacco che è il responsabile di un gran numero di tumori, di malattie cardiovascolari e di malattie respiratorie».

«Noi dobbiamo operare in concerto, perché il problema è talmente trasversale e radicato che ha bisogno di grandissime risorse», spiega ai nostri microfoni Roberta Pacifici, direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping. «L’obiettivo è chiaramente disincentivare l’iniziazione al consumo di tabacco perché una volta catturati da questa dipendenza sappiamo che la cessazione è complessa e devono passare molti anni prima che si maturi questa esigenza».

«Dobbiamo investire moltissimo sui programmi di cessazione. Aiutare il tabagista – continua Pacifici – a liberarsi da questa dipendenza. Ci sono in Italia i centri antifumo che sono distribuiti su tutto il territorio italiano ma si trovano ora in difficoltà, alcuni stanno chiudendo per mancanza di personale e di risorse e questo è veramente un problema»

Riguardo la sigaretta elettronica «ci sono problematiche legate a questo prodotto» avverte Roberta Pacifici. «Non possiamo ad oggi ancora sapere se per la salute è un prodotto che non crea problemi, soprattutto nell’utilizzo a lungo termine. Sono scarsi i dati che ci danno nella loro capacità di far diventare il fumatore un ex fumatore, ma anche una persona che non consuma più nicotina, perché anche la nicotina è una sostanza che può creare problemi soprattutto a livello cardiocircolatorio».

«Bisogna fare molte cose, per esempio aumentare il prezzo del pacchetto di sigarette – spiega ancora il professor Garattini – perché questo è noto diminuirà il numero dei fumatori. Noi abbiamo un prezzo che è quasi la metà del prezzo che abbiamo in Inghilterra. Bisogna aumentare notevolmente tutta l’attività di informazione e soprattutto i centri che si occupano di tabagismo. Bisogna mettere a disposizione degli ammalati, perché i fumatori sono tossicodipendenti, mettere a disposizione i farmaci che possono aiutare ad uscire da questa forma di dipendenza».

Articoli correlati
Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»
«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Farmaci, OMS adotta risoluzione italiana per la trasparenza sul prezzo. Grillo: «Giornata storica»
«Il costo dei farmaci è un tema importantissimo per il Paese, - aveva dichiarato nel marzo scorso il ministro della Salute, Giulia Grillo - perché è direttamente legato alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale»
Hamburger, non solo junk food: i consigli della nutrizionista per un panino “salutare”
«Può trovare spazio all’interno di una dieta varia e bilanciata», spiega la nutrizionista Susanna Bramante, ma il problema è la sua "cattiva" compagnia: patatine fritte, bevande zuccherate, salse e condimenti ricchi di sale e grassi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...