Salute 31 Maggio 2019

Giornata mondiale senza tabacco, fuma più di 1 italiano su 5. Garattini: «Aumentare il prezzo delle sigarette»

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», avverte Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”

Immagine articolo

Sono quasi 12 milioni i fumatori in Italia, più di un italiano su cinque: 7,1 milioni di uomini e 4,5 milioni le donne. Questi i dati raccolti nel report presentato stamattina dall’Istituto Superiore di Sanità diffusi in occasione della Giornata mondiale senza Tabacco, dedicata quest’anno al tema “Tabacco e salute dei polmoni”.

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», è critico Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”. «E’ un dovere quello che abbiamo di contrastare il fumo da tabacco che è il responsabile di un gran numero di tumori, di malattie cardiovascolari e di malattie respiratorie».

«Noi dobbiamo operare in concerto, perché il problema è talmente trasversale e radicato che ha bisogno di grandissime risorse», spiega ai nostri microfoni Roberta Pacifici, direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping. «L’obiettivo è chiaramente disincentivare l’iniziazione al consumo di tabacco perché una volta catturati da questa dipendenza sappiamo che la cessazione è complessa e devono passare molti anni prima che si maturi questa esigenza».

«Dobbiamo investire moltissimo sui programmi di cessazione. Aiutare il tabagista – continua Pacifici – a liberarsi da questa dipendenza. Ci sono in Italia i centri antifumo che sono distribuiti su tutto il territorio italiano ma si trovano ora in difficoltà, alcuni stanno chiudendo per mancanza di personale e di risorse e questo è veramente un problema»

Riguardo la sigaretta elettronica «ci sono problematiche legate a questo prodotto» avverte Roberta Pacifici. «Non possiamo ad oggi ancora sapere se per la salute è un prodotto che non crea problemi, soprattutto nell’utilizzo a lungo termine. Sono scarsi i dati che ci danno nella loro capacità di far diventare il fumatore un ex fumatore, ma anche una persona che non consuma più nicotina, perché anche la nicotina è una sostanza che può creare problemi soprattutto a livello cardiocircolatorio».

«Bisogna fare molte cose, per esempio aumentare il prezzo del pacchetto di sigarette – spiega ancora il professor Garattini – perché questo è noto diminuirà il numero dei fumatori. Noi abbiamo un prezzo che è quasi la metà del prezzo che abbiamo in Inghilterra. Bisogna aumentare notevolmente tutta l’attività di informazione e soprattutto i centri che si occupano di tabagismo. Bisogna mettere a disposizione degli ammalati, perché i fumatori sono tossicodipendenti, mettere a disposizione i farmaci che possono aiutare ad uscire da questa forma di dipendenza».

Articoli correlati
XVI Congresso Romacuore: monossido di carbonio killer anche per muscolo cardiaco
È italiano l’ultimo studio indipendente pubblicato dall’autorevole rivista “International Journal of Environmental Research and Public Health” sugli effetti della sigaretta elettronica e dei prodotti a tabacco riscaldato sull’uomo. Presentato a Roma in occasione della XVI edizione di Romacuore, lo studio condotto dal Professor Fabio Beatrice, Direttore del Dipartimento di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Maxillo Facciale e […]
Ricerca, Garattini: «Italia ha la metà di ricercatori rispetto alla media europea. Per rilanciarla serve meno burocrazia»
Il Presidente dell’Istituto Mario Negri, in occasione della giornata a porte aperte, racconta i campi in cui stanno lavorando i suoi ricercatori: «Traumi, rene e arresto cardiaco, siamo pronti a procedere alla sperimentazione clinica»
di Federica Bosco
Farmaci, Garattini: «Necessaria revisione dei prontuari nazionali. Su ranitidina dare informazioni corrette»
Il farmacologo, che ha partecipato all’evento Strabene, interviene sul caso ranitidina: «È stata ritirata a scopo precauzionale. I pazienti ora devono evitare di assumere questa sostanza, andare dal proprio medico, il quale certamente ha a disposizione tantissimi altri farmaci che possono sostituirla»
di Federica Bosco
Il presidente ISS Brusaferro: «In campo contro antibiotico-resistenza e rischi sigaretta elettronica»
Il nuovo presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «È una bella esperienza. Qui si fa scienza e la si traduce in indicazioni per le scelte strategiche del nostro Paese»
Giornata Mondiale della zanzara, l’insetto da 700mila morti l’anno: 10 regole per difendersi
L’OMS stima che le Malattie Trasmesse da Vettori come la zanzara rappresentano il 17% di tutte le malattie infettive causando oltre 700mila decessi l’anno. La sola malaria ne causa da sola 400mila
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio 2020 sono 79.434 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 25.044 mentre i morti sono 2.619. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...