Salute 31 Maggio 2019

Giornata mondiale senza tabacco, fuma più di 1 italiano su 5. Garattini: «Aumentare il prezzo delle sigarette»

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», avverte Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”

Immagine articolo

Sono quasi 12 milioni i fumatori in Italia, più di un italiano su cinque: 7,1 milioni di uomini e 4,5 milioni le donne. Questi i dati raccolti nel report presentato stamattina dall’Istituto Superiore di Sanità diffusi in occasione della Giornata mondiale senza Tabacco, dedicata quest’anno al tema “Tabacco e salute dei polmoni”.

«Siamo il Paese con il triste primato del maggior numero di fumatori e non stiamo facendo praticamente nulla», è critico Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”. «E’ un dovere quello che abbiamo di contrastare il fumo da tabacco che è il responsabile di un gran numero di tumori, di malattie cardiovascolari e di malattie respiratorie».

«Noi dobbiamo operare in concerto, perché il problema è talmente trasversale e radicato che ha bisogno di grandissime risorse», spiega ai nostri microfoni Roberta Pacifici, direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping. «L’obiettivo è chiaramente disincentivare l’iniziazione al consumo di tabacco perché una volta catturati da questa dipendenza sappiamo che la cessazione è complessa e devono passare molti anni prima che si maturi questa esigenza».

«Dobbiamo investire moltissimo sui programmi di cessazione. Aiutare il tabagista – continua Pacifici – a liberarsi da questa dipendenza. Ci sono in Italia i centri antifumo che sono distribuiti su tutto il territorio italiano ma si trovano ora in difficoltà, alcuni stanno chiudendo per mancanza di personale e di risorse e questo è veramente un problema»

Riguardo la sigaretta elettronica «ci sono problematiche legate a questo prodotto» avverte Roberta Pacifici. «Non possiamo ad oggi ancora sapere se per la salute è un prodotto che non crea problemi, soprattutto nell’utilizzo a lungo termine. Sono scarsi i dati che ci danno nella loro capacità di far diventare il fumatore un ex fumatore, ma anche una persona che non consuma più nicotina, perché anche la nicotina è una sostanza che può creare problemi soprattutto a livello cardiocircolatorio».

«Bisogna fare molte cose, per esempio aumentare il prezzo del pacchetto di sigarette – spiega ancora il professor Garattini – perché questo è noto diminuirà il numero dei fumatori. Noi abbiamo un prezzo che è quasi la metà del prezzo che abbiamo in Inghilterra. Bisogna aumentare notevolmente tutta l’attività di informazione e soprattutto i centri che si occupano di tabagismo. Bisogna mettere a disposizione degli ammalati, perché i fumatori sono tossicodipendenti, mettere a disposizione i farmaci che possono aiutare ad uscire da questa forma di dipendenza».

Articoli correlati
Conferenza Iss: «Rt sotto 1 in tutta Italia ma in aumento quota asintomatici. Vaccino non prima della primavera 2021»
Brusaferro: «Spostamenti tra regioni non possono essere basati su Rt». Speranza: «Dati molto incoraggianti, ma guai a pensare che la partita sia vinta». Magrini (Aifa): «Con Remdesivir mortalità da 11% a 8%, su idrossiclorochina i dati non sono promettenti»
La nicotina ferma il Coronavirus? Pacifici (Iss): «Notizia mal gestita e dagli esiti pericolosi»
La storia dello studio in fase sperimentale all’ospedale di Parigi. La responsabile del Centro nazionale dipendenze: «Siamo preoccupati. La diffusione scorretta e incontrollata di queste notizie ha aperto delle aspettative per un segmento di popolazione fragile come quella fumatrice»
di Tommaso Caldarelli
Conferenza Iss, Brusaferro: «82% dei decessi con 2 patologie pregresse, nuovi contagi sono intra-familiari e nelle Rsa»
Il 40% dei deceduti nelle residenze assistenziali aveva virus o sintomi, Rezza (direttore Malattie infettive Iss): «Zone rosse intorno alle Rsa»
di Gloria Frezza
Conferenza Iss, il presidente Brusaferro: «Effetto trascinamento sul numero dei morti, tra contagio e decesso da 2 a 5 settimane»
Il presidente del Css Locatelli: «In un giorno 850mila tamponi, presto pronti test sierologici». Oltre 14mila i lavoratori della sanità contagiati: 1022 i medici ospedalieri, 2.027 gli infermieri e 1.466 gli Oss
di Gloria Frezza
Patente di immunità, Rezza (ISS) frena: «Al Nord potrebbe aiutare, ma dove virus ha circolato poco serve altro»
Il Direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità invita alla cautela sui test sierologici per scoprire l’immunità da Covid-19: «Sono ancora in via di validazione, quindi bisogna avere un po’ di cautela di fronte ai risultati». Poi aggiunge: «Stiamo valutando l'uso obbligatorio delle mascherine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...