Salute 14 Novembre 2020

Giornata mondiale del diabete, Di Bartolo (AMD): «Autolockdown per gli anziani malati»

Il presidente dell’Associazione Medici Diabetologi: «Il diabete non aumenta il rischio di contrarre il Covid-19, ma quello di sviluppare complicanze, dal ricovero in terapia intensiva fino al decesso»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale del diabete, Di Bartolo (AMD): «Autolockdown per gli anziani malati»

«Autolockdown per anziani affetti da diabete». È questo l’appello di Paolo di Bartolo, presidente dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e direttore della rete clinica di diabetologia dell’Ausl Romagna, in occasione della Giornata mondiale del diabete. L’appuntamento si celebra ogni anno il 14 novembre ed è stato istituito nel 1991 dall’IDF-International Diabetes Federation e dall’Organizzazione mondiale della sanità.

LA DIFFUSIONE DEL DIABETE E LE COMPLICANZE DA COVID-19

Nel mondo superano i 420 milioni le persone che convivono con il diabete e 212 milioni non sanno di averlo. In Italia, secondo le ultime stime dell’Istat, sono oltre 3 milioni e 200 mila le persone che ne soffrono, circa il 5,3% della popolazione. Cittadini la cui salute è stata messa ulteriormente a rischio dalla pandemia in atto.

«Durante la prima ondata è stato accertato che le persone con diabete non hanno maggiore possibilità di contagiarsi – sottolinea di Bartolo -, ma un rischio aumentato di sviluppare complicanze da Covid-19, come il ricovero in terapia intensiva o il decesso». Ma attenzione: non tutti i diabetici sono in pericolo. «Sono i più fragili, gli anziani affetti da pluripatologie, a dover prestare la massima attenzione. Devono restare a casa ed evitare di incontrare persone, se non strettamente necessario».

LE NUOVE TECNOLOGIE ALLEATE NELLA LOTTA ALLA PANDEMIA

Diminuire le interazioni, non rinunciando al contatto con l’esterno, soprattutto a quello con il proprio medico, è possibile grazie all’impiego dell’hi-tech, sempre più diffuso anche in ambito diagnostico e terapeutico. «Le nuove tecnologie hanno permesso un salto in avanti non immaginabile fino a pochi anni fa – assicura lo specialista – migliorando indiscutibilmente la qualità della cura e della vita dei pazienti. Centrale, durante la pandemia, il ruolo della telemedicina che ci ha permesso di tenere sotto controllo i diabetici anche durante i momenti più critici dell’emergenza».

L’HI TECH MIGLIORA LA QUALITÀ DELLA VITA DEI PAZIENTI

I pazienti diabetici, soprattutto coloro che sono affetti dal diabete di tipo 1, hanno delle necessità quotidiane, come la misurazione della glicemia e la somministrazione di insulina per iniezione, due procedure oggi altamente semplificate. «Grazie all’utilizzo del microinfusore (o pompa di insulina), della dimensione di un cerotto o poco più, i pazienti possono infondersi insulina senza doversi sottoporre ogni volta ad una iniezione», spiega di Bartolo. Il microinfusore è un piccolo  dispositivo portatile che, tramite un set infusionale e un ago-cannula, somministra insulina ad azione rapida 24 ore su 24.

«Esistono, poi, dei sistemi di monitoraggio costante del glucosio – aggiunge il presidente dell’AMD – che eliminano la necessità di pungersi il polpastrello per prelevare la goccia di sangue necessaria per effettuare il test tradizionale. Un procedura che i diabetici devono ripetere anche più volte al giorno, oltre le dieci se si tratta di bambini. Alcuni di questi sistemi sono addirittura in grado di allertare il paziente in caso di ipoglicemia o di prevederla con un preavviso di 20-30 minuti».

IL PANCREAS ARTIFICIALE

Questi due compiti, l’infusione di insulina e il monitoraggio del glucosio, fino a pochi anni fa a completo carico del paziente, oggi possono essere compiuti anche da un’unica macchina: il pancreas artificiale. «È uno strumento capace di “prendere decisioni” quasi su tutto, arrivando anche a sospendere l’infusione di insulina in caso di ipoglicemia o ad aumentarla se il valore della glicemia cresce troppo. L’unica cosa che non è in grado di fare – commenta l’esperto – è stabilire in modo automatico la quantità di insulina da infondere, compito che, per ora, resta del paziente».

LA TECNOLOGIA NON È UN PRIVILEGIO DI TUTTI

Ma affinché l’hi-tech possa contribuire al miglioramento della qualità di vita di tutti i pazienti, c’è ancora tanta strada da fare. «Non possiamo di certo affermare che le nuove tecnologie abbiano invaso o colonizzato il modo della diabetologia in Italia o all’estero – dice di Bartolo, -. Ma sicuramente siamo di fronte ad una diffusione progressiva: si stima che circa il 20% dei pazienti con diabete di tipo 1 usi i microinfusori e il 35% il monitoraggio continuo della glicemia, sistema destinato a raggiungere il 100% di coloro che soffrono del diabete di tipo 1, per poi diventare un buon alleato delle cure di coloro che pur avendo il diabete di tipo 2 – conclude di Bartolo – devono somministrarsi insulina tutti i giorni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Covid: «Rt a 0,91. In 15 Regioni diminuzione significativa nella trasmissibilità»
Nuovo report con il monitoraggio settimanale elaborato dall'Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute, con i dati relativi alla settimana dal 23 al 29 novembre
Codici: «Chiediamo trasparenza sul costo dei vaccini contro il Covid-19»
L’associazione dei consumatori Codici, con una lettera inviata al Ministero della Salute, lancia un’operazione verità per fare chiarezza sui contratti di acquisto dei vaccini contro il Covid19
Campagna vaccinazione anti-Covid, cosa prevede nel dettaglio il piano strategico
Dalle categorie che dovranno sottoporsi subito alla vaccinazione all’organizzazione dei punti vaccinali e delle figure coinvolte, dall’implementazione dei sistemi informatici e della comunicazione al monitoraggio di eventuali reazioni avverse
Con le USCAR i fisioterapisti a casa dei pazienti Covid positivi: in Toscana la prima sperimentazione in Italia
Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale Riabilitativa attivate nella USL Toscana Centro andranno dai pazienti per accoglierli nel percorso riabilitativo. «In questo modo gli ospedali dimetteranno con più facilità» spiega il fisioterapista Fabio Bracciantini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli