Salute 14 Novembre 2020 10:00

Giornata mondiale del diabete, Di Bartolo (AMD): «Autolockdown per gli anziani malati»

Il presidente dell’Associazione Medici Diabetologi: «Il diabete non aumenta il rischio di contrarre il Covid-19, ma quello di sviluppare complicanze, dal ricovero in terapia intensiva fino al decesso»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale del diabete, Di Bartolo (AMD): «Autolockdown per gli anziani malati»

«Autolockdown per anziani affetti da diabete». È questo l’appello di Paolo di Bartolo, presidente dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e direttore della rete clinica di diabetologia dell’Ausl Romagna, in occasione della Giornata mondiale del diabete. L’appuntamento si celebra ogni anno il 14 novembre ed è stato istituito nel 1991 dall’IDF-International Diabetes Federation e dall’Organizzazione mondiale della sanità.

LA DIFFUSIONE DEL DIABETE E LE COMPLICANZE DA COVID-19

Nel mondo superano i 420 milioni le persone che convivono con il diabete e 212 milioni non sanno di averlo. In Italia, secondo le ultime stime dell’Istat, sono oltre 3 milioni e 200 mila le persone che ne soffrono, circa il 5,3% della popolazione. Cittadini la cui salute è stata messa ulteriormente a rischio dalla pandemia in atto.

«Durante la prima ondata è stato accertato che le persone con diabete non hanno maggiore possibilità di contagiarsi – sottolinea di Bartolo -, ma un rischio aumentato di sviluppare complicanze da Covid-19, come il ricovero in terapia intensiva o il decesso». Ma attenzione: non tutti i diabetici sono in pericolo. «Sono i più fragili, gli anziani affetti da pluripatologie, a dover prestare la massima attenzione. Devono restare a casa ed evitare di incontrare persone, se non strettamente necessario».

LE NUOVE TECNOLOGIE ALLEATE NELLA LOTTA ALLA PANDEMIA

Diminuire le interazioni, non rinunciando al contatto con l’esterno, soprattutto a quello con il proprio medico, è possibile grazie all’impiego dell’hi-tech, sempre più diffuso anche in ambito diagnostico e terapeutico. «Le nuove tecnologie hanno permesso un salto in avanti non immaginabile fino a pochi anni fa – assicura lo specialista – migliorando indiscutibilmente la qualità della cura e della vita dei pazienti. Centrale, durante la pandemia, il ruolo della telemedicina che ci ha permesso di tenere sotto controllo i diabetici anche durante i momenti più critici dell’emergenza».

L’HI TECH MIGLIORA LA QUALITÀ DELLA VITA DEI PAZIENTI

I pazienti diabetici, soprattutto coloro che sono affetti dal diabete di tipo 1, hanno delle necessità quotidiane, come la misurazione della glicemia e la somministrazione di insulina per iniezione, due procedure oggi altamente semplificate. «Grazie all’utilizzo del microinfusore (o pompa di insulina), della dimensione di un cerotto o poco più, i pazienti possono infondersi insulina senza doversi sottoporre ogni volta ad una iniezione», spiega di Bartolo. Il microinfusore è un piccolo  dispositivo portatile che, tramite un set infusionale e un ago-cannula, somministra insulina ad azione rapida 24 ore su 24.

«Esistono, poi, dei sistemi di monitoraggio costante del glucosio – aggiunge il presidente dell’AMD – che eliminano la necessità di pungersi il polpastrello per prelevare la goccia di sangue necessaria per effettuare il test tradizionale. Un procedura che i diabetici devono ripetere anche più volte al giorno, oltre le dieci se si tratta di bambini. Alcuni di questi sistemi sono addirittura in grado di allertare il paziente in caso di ipoglicemia o di prevederla con un preavviso di 20-30 minuti».

IL PANCREAS ARTIFICIALE

Questi due compiti, l’infusione di insulina e il monitoraggio del glucosio, fino a pochi anni fa a completo carico del paziente, oggi possono essere compiuti anche da un’unica macchina: il pancreas artificiale. «È uno strumento capace di “prendere decisioni” quasi su tutto, arrivando anche a sospendere l’infusione di insulina in caso di ipoglicemia o ad aumentarla se il valore della glicemia cresce troppo. L’unica cosa che non è in grado di fare – commenta l’esperto – è stabilire in modo automatico la quantità di insulina da infondere, compito che, per ora, resta del paziente».

LA TECNOLOGIA NON È UN PRIVILEGIO DI TUTTI

Ma affinché l’hi-tech possa contribuire al miglioramento della qualità di vita di tutti i pazienti, c’è ancora tanta strada da fare. «Non possiamo di certo affermare che le nuove tecnologie abbiano invaso o colonizzato il modo della diabetologia in Italia o all’estero – dice di Bartolo, -. Ma sicuramente siamo di fronte ad una diffusione progressiva: si stima che circa il 20% dei pazienti con diabete di tipo 1 usi i microinfusori e il 35% il monitoraggio continuo della glicemia, sistema destinato a raggiungere il 100% di coloro che soffrono del diabete di tipo 1, per poi diventare un buon alleato delle cure di coloro che pur avendo il diabete di tipo 2 – conclude di Bartolo – devono somministrarsi insulina tutti i giorni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari
Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla diagnosi e il trattamento. Le linee guida valutano e riassumono le evidenze scientifiche disponibili al momento della loro stesura, con l’obiettivo di supportare gli operatori sanitari nel proporre il miglior approccio diagnostico o terapeutico
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...