Formazione 22 Ottobre 2020

Telemedicina, Alovisio (Università Torino): «Ecco i consigli per una cultura digitale in sanità»

«L’Italia è piena di buone pratiche che nessuno mette a sistema», spiega il fellow del centro Nexa dell’Università di Torino: «Serve cultura digitale»

di Tommaso Caldarelli

Quale è lo stato della telemedicina in Italia? E quali sono i problemi che si presentano agli operatori sanitari, ospedalieri, infermieri e medici quando si tratta di applicare le nuove tecnologie in sanità? Si è fatto il punto su questo e sugli altri fronti connessi ai temi della medicina e del digitale nell’appuntamento promosso dall’European Law Students Association incentrato su “Sanità digitale e Gdpr”: un momento di approfondimento dunque sui problemi della privacy, della data governance e della tecnologia in sanità. Fra i molti relatori l’avvocato Mauro Alovisio, presidente del centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea Torino, fellow del centro Nexa dell’Università di Torino e già professore a contratto presso l’Università Statale di Milano. Sanità Informazione l’ha raggiunto per un’intervista telefonica in cui, precisa il legale, «rispondo volentieri a titolo personale e indipendente dagli enti con cui collaboro».

Professor Alovisio, quale è la principale problematica nell’applicazione degli strumenti e delle tecnologie di telemedicina?

«Innanzitutto, che non si sa definire lo strumento e il suo contorno. Per telemedicina intendiamo una modalità di erogazione di servizi di assistenza sanitaria, tramite il ricorso a tecnologie innovative, in situazioni in cui il professionista della salute e il paziente non si trovano nella stessa località. Le principali aree applicative sono:

  • la televisita: il medico interagisce a distanza con il paziente;
  • il telemonitoraggio: la condivisione con il proprio medico dei parametri registrati dai dispositivi medici, dati che possono essere visualizzati dal personale sanitario su portali online specifici;
  • il teleconsulto: attività di confronto e consulenza a distanza fra medici in assenza del paziente;
  • La telecooperazione sanitaria: l’assistenza fornita da un medico o da un operatore sanitario a un altro medico o operatore sanitario che gestisce a distanza le operazioni di soccorso d’urgenza svolte sull’ambulanza).

Le sopra citate modalità operative comportano la trasmissione sicura di informazioni e dati di carattere medico nella forma di testi, suoni, immagini o altre forme necessarie per la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il successivo controllo dei pazienti. La mancanza di un quadro unificato che tenga insieme queste definizioni e le trasformi in strumenti pratici è stata segnalata in un recente intervento del professor Sergio Pillon, medico, ricercatore e forse uno dei più risalenti studiosi di telemedicina in Italia».

Cosa intende?

«Che si procede a macchia di leopardo. Ci sono molte realtà che promuovono progetti interessanti, a Latina ad esempio o in Veneto, ma sono progetti e iniziative dal basso affidate a singoli esponenti particolarmente lungimiranti. Lo dice uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità in una rilevazione che prende in considerazione il periodo 2014 /2017: alla telemedicina italiana manca la visione sia dello sviluppo nel tempo sia del coordinamento territoriale. L’epidemia da Covid ci insegna quanto possono essere importanti gli strumenti remoti: si possono assistere i pazienti senza mettere a rischio la vita del personale sanitario, arrivando fra l’altro a un significativo contenimento della spesa. Credo sia necessario superare la visione ottocentesca dei reparti sanitari, il feticcio dell’ospedale e pensare a un cambiamento organizzativo e culturale. Questo cambiamento fra l’altro sta già avvenendo: il Veneto durante i giorni duri della fase uno dell’epidemia ha inserito le prestazioni in telemedicina fra quelle rimborsate dal SSR con la semplice dicitura “eseguibile in remoto” sulla ricetta rossa. Lombardia, Toscana e altre regioni hanno poi semplicemente importato e copiato la stessa delibera».

Molti professionisti della sanità lamentano che questi sistemi ad oggi sono complessi, farraginosi e poco sicuri.

«Fino a che “telemedicina” vorrà dire “lavorare su Whatsapp” avranno ragione loro. Servono poche regole, strumentazioni adeguate e molto sostegno ai professionisti della sanità. Bisogna insegnare le tecnologie digitali con lo stesso spazio che nella formazione dei medici è dedicato ai problemi della sicurezza sul lavoro, che infatti loro studiano. L’approccio di telemedicina deve essere poi inserito necessariamente nel paniere che va a definire i Livelli Essenziali di Assistenza. Il diritto, anche della privacy, deve essere fatto vivere dentro le strutture sanitarie: il GDPR non è la legge dei divieti, indica solo un percorso che deve essere poi correttamente attuato. Un esempio per capirci: se durante una televisita si perde la connessione e il paziente capisce che la dose prescritta è un grammo invece che cento grammi, il dato non è pervenuto integro. Servono allora protocolli rigorosi che generano dati affidabili e di qualità, anche perché ne va della credibilità della struttura sanitaria. Utile in questo senso il Rapporto dell’Istituto Superiore della sanità ISS COVID del 13/04/2020 “Indicazioni ad interim per servizi assistenziali di telemedicina durante l’emergenza sanitaria COVID-19″».

Se lei fosse il direttore amministrativo di una struttura sanitaria come affronterebbe la sfida della digitalizzazione del proprio ospedale?

«Bisogna avere la visione e bisogna curare la gestione. Va creata una sorta di “unità di crisi” mista sanitario-amministrativa, questo gruppo di lavoro deve dare obiettivi congrui a tutti gli uffici e tutti i settori nell’ambito della digitalizzazione, creerei poi un’equipe formazione. Assumerei poi borsisti che curino il follow up dei medici dopo la formazione: Ha avuto successo? Ci sono problemi? Cosa possiamo migliorare? Utile anche creare un censimento delle iniziative digitali all’interno della struttura e anche in strutture limitrofe così da importare buone pratiche; creerei poi dei documenti base, ad esempio un Data Protection Impact Assessment per ogni reparto, per valutare se gli strumenti di telemedicina vengono utilizzati nel modo corretto e più rispettoso della privacy del paziente; e se, inoltre, al paziente vengono comunicati correttamente come sono trattati i dati e che diritti sono a disposizione: lo stesso livello di trasparenza deve essere assicurato verso medici e verso infermieri. Una volta che si avranno a disposizione questi documenti standard possono essere personalizzati a seconda del bisogno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Congresso Nazionale Ame, il Presidente Grimaldi: «Rafforzare rete territoriale con innovazioni tecnologiche»
Il neopresidente dell’Associazione Nazionale Medici Endocrinologi (AME) indica priorità, prospettive e nuove frontiere emerse dall’attività congressuale. Inoltre, traccia la linea da seguire per riorganizzare una nuova rete territoriale
Salute, Regimenti (Lega): «Programma EU4Health sia inizio di nuova politica sanitaria europea»
«L’impegno della Lega è finalizzato proprio a cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze» spiega l'eurodeputata Luisa Regimenti
Anziani, De Poli (Udc): «Sì a una lista ‘priority’ per over 65 in sanità»
«Oggi in tempo di pandemia, è urgente creare una corsia preferenziale per i cittadini over 65 in sanità.  Analogamente a quanto accade già nei supermercati, si dia la precedenza agli anziani» spiega il senatore UDC
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli