Salute 10 aprile 2017

Giornata Internazionale dell’Omeopatia: rimedi naturali per ogni specializzazione medica

Omeopatia e naturopatia, le medicine non convenzionali che registrano un numero sempre maggiore di adesioni. In quest’ottica occorre una continua formazione da parte del personale sanitario

Immagine articolo

L’omeopatia è la più diffusa tra le medicine non convenzionali, nasce in Germania alla fine dell’Ottocento e viene riconosciuta come “atto medico” (quindi che può essere esercitata solo da un medico) con la delibera di Terni del 2002 da parte della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici.

Oggi dell’Omeopatia e delle Medicine Complementari, ne usufruiscono 12 milioni di italiani (cifra raddoppiata dal 2000 ad oggi, secondo i dati Eurispes 2017) e da 100 milioni di persone in tutta Europa. Un settore in evidente crescita, che attira sempre più pazienti e che richiede quindi una continua formazione da parte del personale sanitario.

A questo proposito, il Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, in partnership con Consulcesi Club, offre un corso FAD gratuito, dal titolo Per chi l’omeopatia, che ha proprio l’obiettivo di sottolineare come tutte le specializzazioni e le patologie possano avvalersi di rimedi omeopatici: dalla medicina generale, con rimedi per la sindrome metabolica e le patologie respiratorie, incluse asma e pollinosi, alla ginecologia e all’ostetricia, in cui l’omeopatia può essere utilizzata per la prevenzione delle problematiche della gravidanza e la terapia post-partum; ma anche pediatria, oculistica, otorino, odontoiatria, dermatologia, geriatria e reumatologia.

Infine, come sottolineato dal Professor Chiriacò, medico omeopata e coordinatore della Commissione per le Medicine non Convenzionali della FNOMCeO e responsabile scientifico del corso, l’Omeopatia può essere anche un rimedio efficace per combattere la depressione, la cui giornata mondiale è stata celebrata proprio qualche giorno fa. Alla fine del corso è possibile sostenere un test finale per l’accertamento della comprensione degli argomenti, che assegna 3 crediti formativi ECM.

Articoli correlati
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...