Salute 13 Gennaio 2020

A Milano c’è un ambulatorio di ginecologia dedicato alle donne immigrate

Si trova all’ospedale San Paolo ed è centro regionale per la diagnosi e la cura delle mutilazioni genitali femminili. La responsabile del centro: «Pratica in calo negli ultimi due anni grazie ad un lavoro contro l’isolamento della donna e sulla famiglia»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Un ambulatorio di ginecologia dedicato alle donne straniere, provenienti in prevalenza dall’Africa. Si trova all’Ospedale San Paolo di Milano, dove ogni anno trovano assistenza per il parto o per la diagnosi e la cura delle mutilazioni genitali. Uno staff tutto al femminile, guidato dalla dottoressa Barbara Grijuela e formato da ginecologhe, specializzande, mediatrici culturali, assistenti sociali e psicologhe, offre loro assistenza a 360 gradi.

«La nostra è un’attività ambulatoriale – spiega a Sanità Informazione la dottoressa Grijuela -. Ci prendiamo cura delle donne immigrate, ci occupiamo di gravidanze e siamo centro di riferimento regionale per la diagnosi e la cura delle mutilazioni genitali femminili che hanno una prevalenza degna di nota nella popolazione migrante. Il servizio rappresenta una sintesi del livello ospedaliero, quindi sanitario e del terzo settore, grazie alla collaborazione con la cooperativa Crinali che ci fornisce il servizio di mediazione linguistico-culturale ed il servizio di psicologia e di assistenza sociale, in modo da prendere in carico le donne a 360 gradi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Che tipo di esigenze ha questo gruppo di donne rispetto alle italiane?

«Innanzitutto hanno bisogno di ascolto. Dal punto di vista culturale esistono notevoli differenze nella gestione della gravidanza e delle problematiche femminili rispetto alla popolazione occidentale. Sono spesso donne isolate, con il problema della comprensione linguistica e non solo. Si aggiungono problematiche sanitarie specifiche: ad esempio le donne egiziane hanno un’alta prevalenza di tagli cesarei fatti nel Paese di origine, quindi spesso arrivano in Italia al terzo, quarto o quinto taglio cesareo con problematiche legate a questi interventi reiterati. Le donne dell’area sub-sahariana invece hanno un’alta prevalenza di alcune malattie complicanti la gravidanza o l’accrescimento intrauterino, mentre le donne che provengono dal continente indiano hanno un’alta prevalenza di diabete. Esistono poi problematiche specifiche che sono praticamente sconosciute alle donne, e dunque le cure sanitarie vengono prestate in ritardo».

In che percentuale hanno subito mutilazioni ai genitali femminili?

«Le donne egiziane, che rappresentano il 24-25% della nostra popolazione, sono mutilate nel 90% dei casi. Complessivamente le donne che abbiamo in carico al centro che provengono da Paesi a tradizione mutilatoria rappresentano il 20-25%».

LEGGI ANCHE: MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI, IL SAN GALLICANO PUNTA SU CULTURA E FORMAZIONE

Come agite in questi casi?

«Innanzitutto è importante riconoscere la problematica. Infatti, al di là di quella che è la mutilazione genitale più eclatante che è l’infibulazione, presente in realtà in una piccola percentuale delle nostre donne perché si pratica in Paesi come la Somalia e la penisola di Gibuti, la maggior parte delle nostre pazienti sia egiziane che nigeriane  hanno mutilazioni genitali di primo e secondo tipo, che prevedono l’asportazione di piccole parti dei genitali esterni e non sono spesso identificabili se non con l’occhio allenato, esperto e formato. Una volta riconosciute, siccome sono donne in prevalenza in gravidanza che fanno visite tutti i mesi, abbiamo il tempo per fare consulenza. Quindi normalmente dalla seconda valutazione in poi affrontiamo la tematica in maniera più possibile non giudicante, per cui anche in questo caso serve la formazione. Partiamo dalla storia della donna, se ricorda dove è stato fatto, quando, da chi, e se sa di essere mutilata. Le donne nigeriane, ad esempio, vengono mutilate pochi giorni dopo la nascita e non hanno memoria della pratica, mentre invece le donne egiziane, che di solito vengono mutilate in età prepubere, se la ricordano, ma essendo una cosa normale dal punto di vista culturale nel loro Paese, ne perdono la memoria. Alla visita successiva, a quel punto, se sono in gravidanza e ci sono bambine in utero o già nate in una famiglia, chiediamo alla coppia cosa pensa della mutilazione e arriviamo sostanzialmente a capire quali sono le loro intenzioni rispetto alle bambine già nate o che arriveranno. La reazione di solito, stabilendo un rapporto empatico e di fiducia, è possibilista.  Da pochi anni a questa parte, due o tre al massimo, anche la loro visione sta cambiando e la maggior parte oramai ci dice che non faranno subire la pratica alle loro bambine. Questo per noi è un grande successo dei tempi, delle culture e anche nostro».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»
La direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma contro la medicina difensiva. E sfata le fake news più comuni sulla gravidanza: «Non è vero che la donna incinta deve mangiare per due»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Medicina, disuguaglianze e migrazioni, presentato il Festival della salute globale di Padova
«La salute globale è la consapevolezza che oggi stare bene in Italia significa stare bene dappertutto, stare attenti ai più deboli che sono trascurati: i poveri, gli emarginati, i migranti». Così Walter Ricciardi nel corso della presentazione, avvenuta a Roma, della prima edizione del Festival della salute Globale che si terrà a Padova dal 5 […]
Caserta teatro di “Sipps & fimpaggiorna 2019 – Le nuove frontiere della pediatria”
C’è la Ginecologia in età evolutiva al centro del Corso di formazione dal titolo “Sipps & fimpaggiorna 2019 – le nuove frontiere della pediatria: dall’inquadramento clinico alla diagnosi al trattamento”, in programma il prossimo 27 febbraio presso il Golden Tulip Plaza Hotel di Caserta. A partire dalle ore 17:00 e fino alle ore 21:00, pediatri di […]
Migranti e malattie, la Commissione UCL-The Lancet: «Binomio che serve solo a giustificare politiche di esclusione»
Frutto di due anni di lavoro e della collaborazione tra l’università di Londra e la celebre rivista scientifica, la Commissione ha condotto lo studio più completo sul legame tra migrazione e salute, invitando i governi a promuovere la salute nella mobilità globale
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...