Salute 12 Febbraio 2020

Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»

«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»

Immagine articolo

«Come ricercatori vogliamo fare in modo che l’Italia diventi un laboratorio per insegnare la scienza che sta sotto alla buona alimentazione». Con queste parole Giuseppe Remuzzi, Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, ha spiegato a Sanità Informazione la filosofia che c’è dietro al neonato Italian Institute of Planetary Health nato da una collaborazione tra il Mario Negri e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

La sfida è ambiziosa: se le proprietà degli alimenti sono note ancora non è nota l’interazione delle proprietà di questi con il nostro DNA. «Tutti sappiamo cosa si deve fare per alimentarsi bene – sottolinea Remuzzi – ma molto pochi sanno se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che inducono i tumori, quanto ne dobbiamo assumere di quell’alimento per avere quel vantaggio ed eventualmente come e con che cosa, tenendo conto del gusto e delle abitudini».

Il nuovo istituto, che sarà presieduto da Carlo Salvatori, Presidente di Lazard Italia e Aviva Italia, con vice presidenti lo stesso Giuseppe Remuzzi, e Walter Ricciardi, ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica, ha già avviato i primi progetti che vedono i ricercatori impegnati nello studio dei fattori che incidono sull’invecchiamento in salute della popolazione partendo dalla mappatura dell’Italia. Le analisi si focalizzeranno sulle differenze dei determinanti dal punto di vista genetico, biologico, molecolare, epidemiologico e ambientale. Nella rosa dei progetti anche la ricerca di modelli alimentari, anche personalizzati, con l’impiego delle migliori tecnologie a disposizione (genomica, big data, intelligenza artificiale) con l’obiettivo di stabilire il rapporto tra diversi componenti alimentari nell’influenzare la salute dell’uomo; lo sviluppo di modelli di predizione e valutazione dell’impatto di sistemi alimentari sostenibili sul cambiamento climatico, sulla preservazione dell’ambiente e sulla biodiversità in attività di ricerca sulle tradizioni e abitudini alimentari su scala globale.

LEGGI ANCHE: NUTRIZIONE CLINICA: IL POTERE CURATIVO E PREVENTIVO DELL’ALIMENTAZIONE

«L’idea nasce dalla considerazione che ci si ammala di più di cattiva alimentazione che non di droga, tabacco, alcol e cattive abitudini sessuali messe insieme. Il 40-50% di tutti i tumori dipendono da una cattiva alimentazione» continua Remuzzi che sottolinea: «Noi adesso stiamo diventando un punto di riferimento per queste cose. C’è un centralino a Milano al Mario Negri dove ci sono delle persone che rispondono a quesiti su questi temi».

L’istituto rappresenta una grande novità nel panorama europeo tanto da attirare l’attenzione anche del Lancet, la celebre rivista scientifica inglese. Intanto tutti sono al lavoro per un grande evento che si svolgerà a Milano per il 22 aprile. Tra i compiti che si prefigge l’istituto, anche quello di provare a mettere una parola di verità sulle proprietà degli alimenti, dato che spesso le ricerche hanno dato risultati contrastanti in questo campo.

«Faccio un esempio – continua Remuzzi -: il cavolo ha delle proprietà che sono così importanti da essere paragonate a certi farmaci che inibiscono l’angiogenesi, cioè la formazione dei vasi dei tumori. Ma io quanti cavoli devo prendere per avere questi effetti? Stiamo lavorando su tutto questo andando anche a prendere le abitudini alimentari di popoli ancestrali. Vogliamo fare quello che abbiamo fatto sui farmaci, per esempio nel campo dei tumori o in quello cardiovascolare, sugli alimenti. Contengono sostanze chimiche come i farmaci e noi li studiamo allo stesso modo, dal punto di vista dei collegamenti che ci sono tra i vari geni».

Una chiave di lettura importante è quella genetica, dato che ormai sembra acclarato che gli alimenti non fanno su tutti lo stesso effetto proprio a causa di differenze genetiche: «Io ho studiato il mio DNA – continua Remuzzi -. Non ho un gene che mi consente di prendere vantaggio dagli effetti cardioprotettivi del vino rosso. Se io prendo il vino rosso perché mi piace va bene ma non perché protegge il cuore perché a me manca il gene che serve per fare quella cosa lì. È molto complicato, lo stiamo studiando per tutti. Ci sono degli studi secondo cui la dieta mediterranea, interpretata rigorosamente, riduce la possibilità di avere deterioramento della funzione renale dopo il trapianto e prolunga la sopravvivenza libera da farmaci durante il trapianto. È incredibile quello che si può fare».

Remuzzi poi, sottolinea come nella ricerca sia fondamentale l’utilizzo degli animali: «In questo momento siamo tutti spaventati dal coronavirus, abbiamo bisogno di far capire alla gente che non abbiamo bisogno di no vax, abbiamo però bisogno di animali perché senza animali non troveremo mai il farmaco che riesce in realtà a risolvere questo problema. Siamo molto preoccupati, perchè in generale non c’è ricerca e non c’è medicina senza possibilità di fare sperimentazione sugli animali. Noi in Italia siamo penalizzati. Adesso c’è un decreto con questa moratoria, questo utilizzo degli animali per due indicazioni, ma è una moratoria di un anno solo, non ce ne facciamo niente di un anno. Dobbiamo allinearci con l’Europa sennò siamo tagliati fuori. Abbiamo meno ricercatori, meno fondi, siamo pagati meno di tutti, abbiamo una burocrazia spaventosa. Bisogna agire».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»
L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»
«I debolmente positivi non infettano». La ricerca del San Matteo di Pavia lo conferma
Uno studio su 280 pazienti clinicamente guariti e ancora positivi certifica che solo il 3% risulta in grado di infettare. Anche per il professor Remuzzi «va comunicato ai cittadini»
Emergenza Covid, 8mila casi di carcinoma mammario non diagnosticato a causa dello stop agli screening
Il 30% delle donne che solitamente si sottopone programmi di prevenzione non l’ha fatto e probabilmente non lo farà fino al prossimo anno
Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»
Lo studio Sapienza-Policlinico Umberto I fornisce un’interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19 e apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» spiega il coordinatore Francesco Violi
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 16 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»