Salute 6 novembre 2017

G7 Salute, accordo su clima, migrazioni e donne. Mediazione nel documento dopo “braccio di ferro” con USA

L’ambiziosa sfida del G7 Salute a guida italiana che si è chiuso a Milano è arrivata in porto. L’aver messo al centro dell’incontro l’impatto dei cambiamenti climatici è stata la scommessa più difficile nella mediazione con l’amministrazione Trump

di Cesare Buquicchio inviato al G7 Milano
Immagine articolo

L’ambiziosa sfida del G7 Salute a guida italiana che si è chiuso a Milano è arrivata in porto. L’aver messo al centro dell’incontro “l’impatto dei fattori climatici sulla salute mondiale” – secondo la terminologia su cui i sette hanno concordato per il comunicato finale – a dodici mesi esatti dall’entrata in vigore degli accordi sul clima di Parigi, poi disdettati dall’amministrazione Trump, è stata la scommessa più difficile. Le indiscrezioni delle ultime ore del vertice davano, infatti, proprio questo tema al centro di estenuanti trattative tra le delegazioni con i responsabili della Salute della Casa Bianca al telefono con Trump per arrivare alla mediazione finale con gli altri 6 Paesi guidati dall’Italia.

Il riferimento all’impegno preso a Parigi è stato stralciato nella versione finale. E gli Stati Uniti hanno definito nel testo la loro presa di distanza. Il successo della mediazione italiana è stato nelle comunque importanti prese di posizione dei sette grandi (Usa compresi) in tema di fattori climatici che influiscono sulla salute e delle relative azioni per salvaguardare la salute globale. Ma il cuore del documento affronta molte delle tematiche più spinose di questi mesi e si sofferma su aspetti della salute globale anche insoliti e innovativi.

CLIMA, ACQUA E SALUTE
L’impatto del clima è stato rimarcato in particolare su patologie come cancro, cardiopatie, diabete e malattie polmonari. Su questo è decisivo il controllo sulla qualità dell’aria, dell’acqua e sull’inquinamento del terreno. Per questo motivo i “7 grandi” hanno preso un impegno per mitigare i rischi per la salute correlati all’ambiente. Tra questi impegni figurano politiche per ridurre l’impatto dell’inquinamento derivante dai trasporti, dalla produzione di energia e da quella agricola. Proposte soluzioni innovative come lo “smart working” e la mobilità sostenibile. Accento particolare sulla possibilità di far arrivare acqua potabile e per esigenze igieniche anche nelle aree rurali e in quelle attualmente scoperte.

LEGGI ANCHE: G7, LORENZIN: «CLIMA DECISIVO PER SALUTE. LAVORIAMO CON CASA BIANCA PER DOCUMENTO COMUNE»

ANCHE IN CASA L’ARIA E’ INQUINATA?
Interessante il rilevamento sull’inquinamento nei luoghi chiusi come case e uffici. Per influenzare positivamente questo aspetto è stata rimarcata l’importanza di lottare contro il fumo di tabacco, il miglioramento dei sistemi di riscaldamento e l’utilizzo di prodotti a basso impatto ambientale. Decisiva come una boccata d’aria fresca la ventilazione costante dei luoghi in cui trascorriamo la maggior parte del tempo.

DONNA E BAMBINO
Tra i temi portanti del documento anche quello dalla salute della donna e del bambino nei primi cinque anni di vita. Su questo, oltre al richiamo agli altri impegni internazionali presi in precedenza, a cominciare dal testo adottato al G7 di Taormina, viene rimarcata l’importanza di investire in educazione e nel contrasto alla malnutrizione (LEGGI LA POSIZIONE DELL’OMS) perché donne e bambini sono un fattore decisivo di cambiamento. Con l’esempio di donne e bambini, i sistemi sanitari, le abitudini salutari e la lotta a discriminazioni, violenze e ineguaglianze compiono passi determinanti.

LEGGI ANCHE: G7, L’APPELLO DEL TAVOLO OVALE: «TUTELIAMO LA SALUTE DELLE DONNE PERCHÈ È DA LORO CHE DIPENDE BENESSERE GLOBALE» 

MIGRAZIONI E SALUTE
Altro tema al centro dell’attenzione dei rappresentanti al tavolo del G7, l’immigrazione e le inevitabili ripercussioni sulla salute globale. I flussi migratori sono un tema di stringente attualità e in alcuni Paesi, soprattutto europei, si tratta di fenomeni costanti e in alcuni casi inarrestabili tanto da diventare un vero e proprio allarme sociale. Dunque lo spostamento di intere comunità da un territorio all’altro comporta la necessità di assistenza e monitoraggio costante di malattie, infezioni e virus che inevitabilmente mettono a rischio le popolazioni. Proprio per questo il vertice mondiale ha preso l’impegno di promuovere in maniera capillare una serie di politiche che incentivino inclusione, condivisione, buone pratiche assistenziali, prassi d’immunizzazione, accessibilità a servizi clinici, monitoraggio dello stato di salute e dei fattori di rischio, sorveglianza malattie infettive e rispetto dei diritti della salute. Questo impegno è in linea con i prossimi patti globali che s’impegneranno a promuovere una migrazione sicura, ordinata e regolare, coerentemente all’adozione della dichiarazione di New York per i rifugiati e i migranti del settembre 2016 e la risoluzione WHA 70.15 del maggio 2017. Nella conferenza finale particolare attenzione è stata posta dal Commissario Europeo alla Salute anche sulla costante formazione del personale medico e sanitario e degli operatori coinvolti nell’assistenza ai migranti.

ANTIBIOTICO RESISTENZA
Altro argomento cardine l’antibiotico resistenza: il tavolo ovale ha concordato sulla necessità di trovare delle partnership e degli accordi condivisi a livello mondiale sul promuovere attività di ricerca relativa agli obiettivi strategici del piano d’azione. Inoltre è fondamentale incentivare lo studio dei diversi agenti patogeni, la circolazione di questi agenti all’interno e tra le popolazioni, dagli esseri umani agli animali e viceversa e attraverso piante, cibo e ambiente. Inoltre, altro obiettivo delineato durante il meeting, la volontà di migliorare la sorveglianza antimicrobica e di fornire da parte di tutti i Paesi informazioni per la raccolta annuale del registro OIE sull’uso degli agenti antimicrobici negli animali.

LEGGI IL COMUNICATO DEI MINISTRI DELLA SALUTE IN ITALIANO

LEGGI IL COMUNICATO DEI MINISTRI DELLA SALUTE IN INGLESE

Articoli correlati
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»
L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...