Salute 5 Novembre 2017 15:27

G7, l’appello del tavolo ovale: «Tuteliamo la salute delle donne perché è da loro che dipende benessere globale»

Partito il vertice mondiale sulla salute: ministri a confronto per trovare una soluzione ‘one health’ per un sistema assistenziale globale e inclusivo

di Serena Santi inviata al G7 Milano
G7, l’appello del tavolo ovale: «Tuteliamo la salute delle donne perché è da loro che dipende benessere globale»

«Sostenibilità e sistemi sanitari sempre più evoluti: ecco le nuove sfide per garantire l’accesso alle terapie a tutti i cittadini di oggi e ai cittadini di domani» lo ha dichiarato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin aprendo il tavolo di confronto con i ministri degli altri paesi del mondo in occasione del G7 Salute che si sta svolgendo in queste ore a Milano.

«Questa importante occasione vuole essere un incontro da cui possano scaturire delle linee guida, degli approcci pragmatici da seguire – ha sottolineato il Ministro italiano – si tratta di raggiungere un approccio one health, sistemi assistenziali integrati in tutto il mondo che possano contribuire a creare un ambiente sano e vivibile per gli esseri umani e anche per gli animali».

Ma quali sono gli obiettivi che il vertice vuole raggiungere?  «Un confronto sulle soluzioni per incentivare uno sviluppo sostenibile – ha spiegato la Lorenzin – inoltre si parlerà di buona salute e benessere, con un occhio di riguardo a come ridurre le diseguaglianze e le preclusioni, ci sarà un confronto su come rendere i nostri sistemi sanitari equi e inclusivi per poter affrontare e vincere le sfide a cui sono sottoposte le società dal punto di vista demografico e dal punto di vista delle malattie di ritorno. Non meno importante l’immigrazione: ci confronteremo anche su questa emergenza che si lega strettamente alla salute globale».

«Altro tema fondamentale – ha proseguito –  su cui dibattere: la salute della donna vista con un duplice occhio: ricerca e scienza per progredire con scoperte e innovazioni nel settore medico, ma anche lotta alle violenze e progressi nella nutrizione. In particolare  nell’ambito della nutrizione la donna ha un ruolo chiave: infatti le donne allattano, nutrono i figli, li vaccinano, sono la porta per arrivare a sensibilizzare la famiglia, la comunità e quindi la società».

Articoli correlati
Farmaci immunosoppressori per i trapianti di fegato, utili nella battaglia contro il Covid
La scoperta in uno studio europeo coordinato dagli specialisti dell’Epatologia e del Transplant Center del Niguarda di Milano diretto da Luca Belli: «Farmaci come il tacrolimus prevengono forme più gravi e riducono la mortalità e con il cortisone permettono di curare malati Covid anche non trapiantati»
di Federica Bosco
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
Milano, primo giorno di lockdown in zona rossa: rabbia ma rispetto delle regole
Molti controlli da parte delle forze dell’Ordine, ma poche multe. Ristoranti e bar si riconvertono al delivery e la Campania zona gialla non va proprio giù a molti milanesi. La cronaca
di Federica Bosco
Seconda ondata Covid-19, i medici che chiedono il lockdown immediato
Gli appelli alle istituzioni degli Ordini di Milano, Torino e Oristano affinché si predisponga velocemente un efficace lockdown per contenere l'epidemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»