Salute 5 novembre 2017

G7, Branca (OMS): «Obesità piaga del secolo: mezzo miliardo di individui nel mondo sono sovrappeso»

«Educazione alimentare cardine di una società civile» così Francesco Branca, Direttore del Dipartimento della nutrizione per la salute e lo sviluppo dell’OMS intervenuto al vertice mondiale a Milano

di Cesare Buquicchio inviato al G7 Milano

Malnutrizione al centro del vertice mondiale in corso in queste ore a Milano. Nel decennio che le Nazioni Unite hanno definito ‘dedicato alla nutrizione’ nella città lombarda, i ministri della salute di tutto il mondo, s’incontrano per fare il punto su clima, malattie e soprattutto alimentazione.

In questo parterre d’eccezione che vanta la presenza di Fao, Oie, Ocse ed Efsa, non poteva mancare l’Organizzazione Mondiale della Sanità: «Un summit cardine per fare progressi dal punto di vista della nutrizione globale» dichiara Francesco Branca, Direttore del Dipartimento della nutrizione per la salute e lo sviluppo dell’OMS.

«Nel mondo ci sono 150 milioni di bambini con problemi di crescita dovuta a mancanza di cibo – continua il Direttore Branca – di questi, ben 50 milioni soffrono di malnutrizione acuta. Questi numeri chiaramente determinano un notevole aumento di mortalità. Altro problema che affligge la società soprattutto negli ultimi anni è l’obesità: mezzo miliardo di individui nel mondo ha gravi problemi di obesità, la cosa più preoccupante è che una buona percentuale di questi è in età adolescenziale e pediatrica (40 milioni di bambini sotto i quattro anni già presentano problemi di peso). Ci sono molti paesi dove obesità e malnutrizione si sovrappongono, nelle aree urbane in particolare, il problema del sovrappeso sta decisamente aumentando, la causa è un sistema alimentare che evidentemente ha delle falle e buisogna lavorare per colmare queste lacune».

«Una scorretta alimentazione non crea danno soltanto a chi la segue – prosegue – ma anche alle generazioni future: basta pensare che una madre che sbaglia abitudini alimentari, allattando trasmette le caratteristiche degli alimenti che mangia anche al figlio. Per non parlare dell’educazione alimentare: un genitore che non rispetta una dieta equilibrata trasmetterà questo insegnamento al figlio perseguendo un errore che diventerà sempre più difficile da correggere».

«Altro tema legato alle scorrette abitudini alimentari è il progredire delle malattie croniche: una su tutte il diabete, per gestire questa patologia nel migliore dei modi è essenziale una corretta alimentazione».

L’assemblea delle Nazioni Unite ha dichiarato che il decennio 2016-2026 sarà decisivo per la nutrizione globale «abbiamo concordato programmi e politiche mirate ed efficaci che intervengano in produzione alimentare – conclude Branca -. Incentiviamo il controllo filiera, il controllo del commercio e soprattutto educazione mirata a favorire un corretto approccio al cibo. Ovviamente per avviare queste azioni ci vuole qualcuno che le metta in pratica  e soprattutto è necessaria una buona leadership del settore pubblico e privato che abbia il coraggio di mettere in piedi queste politiche».

Articoli correlati
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Disturbo bipolare, a Milano parte l’ambulatorio per adolescenti “Smart”. Maisano (Psicoterapeuta): «Non sottovalutare la familiarità della malattia»
Circa l’1,8% dei ragazzi tra i 12 e i 21 anni vengono colpiti dalla patologia. L’iniziativa del Fatebenefratelli Sacco per affrontare una tematica che negli ultimi anni ha evidenziato una crescita esponenziale. La psicologa: «I primi campanelli di allarme sono disturbi d’ansia nella prima- media infanzia. In adolescenza lo sviluppo di una ampia gamma di disturbi dell’umore è sintomatico per la successiva comparsa di bipolarismo»
di Federica Bosco
Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica...
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»
«Il mito dell’integrale va sfatato: la priorità è cercare cibi di qualità». Così la dottoressa Sara Farnetti in esclusiva a Sanità Informazione. E sullo zucchero: «Di per sé va contenuto, meglio un dolcificante naturale». Vediamo perché
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...