Mondo 5 Novembre 2017 15:03

G7, Branca (OMS): «Obesità piaga del secolo: mezzo miliardo di individui nel mondo sono sovrappeso»

«Educazione alimentare cardine di una società civile» così Francesco Branca, Direttore del Dipartimento della nutrizione per la salute e lo sviluppo dell’OMS intervenuto al vertice mondiale a Milano

di Cesare Buquicchio inviato al G7 Milano

Malnutrizione al centro del vertice mondiale in corso in queste ore a Milano. Nel decennio che le Nazioni Unite hanno definito ‘dedicato alla nutrizione’ nella città lombarda, i ministri della salute di tutto il mondo, s’incontrano per fare il punto su clima, malattie e soprattutto alimentazione.

In questo parterre d’eccezione che vanta la presenza di Fao, Oie, Ocse ed Efsa, non poteva mancare l’Organizzazione Mondiale della Sanità: «Un summit cardine per fare progressi dal punto di vista della nutrizione globale» dichiara Francesco Branca, Direttore del Dipartimento della nutrizione per la salute e lo sviluppo dell’OMS.

«Nel mondo ci sono 150 milioni di bambini con problemi di crescita dovuta a mancanza di cibo – continua il Direttore Branca – di questi, ben 50 milioni soffrono di malnutrizione acuta. Questi numeri chiaramente determinano un notevole aumento di mortalità. Altro problema che affligge la società soprattutto negli ultimi anni è l’obesità: mezzo miliardo di individui nel mondo ha gravi problemi di obesità, la cosa più preoccupante è che una buona percentuale di questi è in età adolescenziale e pediatrica (40 milioni di bambini sotto i quattro anni già presentano problemi di peso). Ci sono molti paesi dove obesità e malnutrizione si sovrappongono, nelle aree urbane in particolare, il problema del sovrappeso sta decisamente aumentando, la causa è un sistema alimentare che evidentemente ha delle falle e buisogna lavorare per colmare queste lacune».

«Una scorretta alimentazione non crea danno soltanto a chi la segue – prosegue – ma anche alle generazioni future: basta pensare che una madre che sbaglia abitudini alimentari, allattando trasmette le caratteristiche degli alimenti che mangia anche al figlio. Per non parlare dell’educazione alimentare: un genitore che non rispetta una dieta equilibrata trasmetterà questo insegnamento al figlio perseguendo un errore che diventerà sempre più difficile da correggere».

«Altro tema legato alle scorrette abitudini alimentari è il progredire delle malattie croniche: una su tutte il diabete, per gestire questa patologia nel migliore dei modi è essenziale una corretta alimentazione».

L’assemblea delle Nazioni Unite ha dichiarato che il decennio 2016-2026 sarà decisivo per la nutrizione globale «abbiamo concordato programmi e politiche mirate ed efficaci che intervengano in produzione alimentare – conclude Branca -. Incentiviamo il controllo filiera, il controllo del commercio e soprattutto educazione mirata a favorire un corretto approccio al cibo. Ovviamente per avviare queste azioni ci vuole qualcuno che le metta in pratica  e soprattutto è necessaria una buona leadership del settore pubblico e privato che abbia il coraggio di mettere in piedi queste politiche».

Articoli correlati
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Farmaci immunosoppressori per i trapianti di fegato, utili nella battaglia contro il Covid
La scoperta in uno studio europeo coordinato dagli specialisti dell’Epatologia e del Transplant Center del Niguarda di Milano diretto da Luca Belli: «Farmaci come il tacrolimus prevengono forme più gravi e riducono la mortalità e con il cortisone permettono di curare malati Covid anche non trapiantati»
di Federica Bosco
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
Nutrizione medica e Covid-19: qual è il bisogno dei pazienti oncologici in tempo di pandemia?
Unione Italiana Food fa il punto sulla situazione italiana degli Alimenti a Fini Medici Speciali per i malati oncologici alla luce dell’attuale riduzione dell’accesso in ospedale per timore di contagio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»