Salute 6 dicembre 2016

Forum Risk Management: «Innovazione e sostenibilità per sanità del futuro»

Il Forum organizzato a Firenze getta luce sulle novità e sulle necessità del comparto sanitario. Ricciardi (ISS): «Dobbiamo lavorare tutti insieme per un sistema sanitario sano che dia risposte concrete»

forum-risk-managementSi è svolto in questi giorni l’11° Forum Risk Management, promosso dall’Istituto Superiore di Sanità e dalla Fondazione Sicurezza in Sanità. L’incontro che da anni rappresenta un’occasione di confronto, valutazione e programmazione di progetti in tema sanitari, quest’anno ha preferito la cornice di Firenze dopo che per 10 anni era stato ospitato ad Arezzo. «Perché Firenze è una grande capitale d’Italia – ha spiegato Vasco Giannotti, presidente della Fondazione Sicurezza in Sanità -. Ripartendo dalle esperienze e dalla rete di ‘buone pratiche’, costruita in questi anni, abbiamo colto l’occasione del Forum per lavorare su una nuova idea di sanità», conclude ricapitolando l’obiettivo della quattro giorni.

Le giornate, scandite da varie sessioni scientifiche, hanno visto il contributo di ben 850 relatori tra cui operatori sanitari, esperti, dirigenti di Aziende Sanitarie e Regioni, Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute e rappresentanti del Parlamento. Il programma ha seguito un filo conduttore che si è articolato in varie tematiche, tra le centrali: cure per il paziente in particolare il soggetto affetto da malattie croniche, la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, le innovazioni organizzative, cliniche, e farmacologiche in un’ottica di miglioramento del comparto che possa trovare un compromesso tra le esigenze degli operatori e dei pazienti.

«Innovazione e sostenibilità, tema di questa edizione del Forum Risk Management, sono le sfide del futuro per i nostri sistemi sanitari», ha spiegato l’assessore al Diritto alla Salute della Regione Toscana Stefania Saccardi. «Aumenta il numero di anziani – ha proseguito l’assessore Saccardi – crescono i costi dei nuovi farmaci, ci sono nuove tecnologie che consentono di essere curati sempre meglio e anche di diminuire i tempi di ricovero. Tecnologie che richiedono competenze e qualità. Un orizzonte sul quale chi governa sistemi complessi si deve confrontare. In Toscana lo abbiamo fatto. La legge di riforma del servizio sanitario toscano, approvata quasi un anno fa, ha provato a tenere insieme questi aspetti. Innovazione dove serve, tenere i servizi vicino alle persone dove c’è bisogno, la sfida del territorio. I problemi degli ospedali non si risolvono se non si affronta il problema del territorio».

Anche Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, è intervenuto al Forum e per l’occasione ha ripercorso la storia del sistema sanitario nazionale evidenziando come nel corso degli anni «si sia lavorato seriamente, non sempre nella stessa direzione, conseguendo risultati brillanti in termini di salute pubblica». La popolazione italiana «è la più anziana. Dobbiamo trovarci pronti con un sistema sanitario capace di dare risposte concrete», ha concluso il presidente.

Articoli correlati
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
Rapporto annuale Aiop, 20 milioni di italiani bloccati da liste di attesa. Barbara Cittadini: «Pronti a contribuire per risolvere problema»
A Roma il 16esimo Report Ospedali&Salute. Un italiano su tre insoddisfatto dell'SSN, 50% ricorre a Pronto soccorso per ridurre tempi di attesa. La presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Governo ha iniziato bene». «I tetti di spesa per la sanità privata accreditata saranno rivisti sicuramente», annuncia il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano