Salute 6 Dicembre 2018 13:15

Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»

«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI

Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»

Patient Expert. Una nuova professione, valida ed innovativa, che nasce per “rappresentare” al meglio gli interessi dei pazienti, acquisire nozioni importanti sulla ricerca e lo sviluppo dei farmaci ed assumere un ruolo attivo nella propria malattia e non solo.

 ‘PAZIENTE ESPERTO’, PETRANGOLINI (PATIENT ADVOCACY LAB): «CITTADINO E CAREGIVER PORTANO UN CONTRIBUTO FONDAMENTALE PER EFFICACIA SISTEMA» 

Abbiamo incontrato Paola Kruger, a margine della presentazione del 1° corso EUPATI in italiano per pazienti esperti, coordinato dall’Accademia dei pazienti Onlus che si occupa di diffondere il progetto a livello nazionale. La dottoressa Kruger, tra i cinque italiani a conseguire la qualifica di Paziente Esperto con il corso europeo EUPATI, ha iniziato spinta da un grande desiderio di «formazione ed informazione», perché affetta da Sclerosi Multipla. Oggi, con il ruolo di paziente esperto, si fa portavoce delle istanze e dei bisogni di tutti i malati, durante i numerosi eventi istituzionali e settoriali a cui partecipa.

PAZIENTI ‘ESPERTI’, AL VIA 1° CORSO EUPATI IN ITALIANO. BUCCELLA (ACCADEMIA PAZIENTI): «AL SERVIZIO SOCIETÀ PER MIGLIORARE APPROCCI TERAPEUTICI»

Dottoressa, perché ha deciso di diventare un paziente esperto?

«Ho deciso di diventare paziente esperto perché quando arriva una diagnosi importante nella tua vita il tuo mondo cambia e vuoi capire di che cosa fa parte quel mondo. La necessità primaria è stata l’informazione e ho iniziato spinta da un grande desiderio di formazione. Il corso Eupati dà un’informazione completa su tutto il percorso di sviluppo di un farmaco e non solo: essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello».

Quali sono i vantaggi e i benefici che può portare una formazione specifica di questo tipo?

«Con il corso di formazione acquisisci un linguaggio che è quello degli sperimentatori, il linguaggio scientifico, che serve per veicolare le tue istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole e ti dà la possibilità di partecipare ai tanti tavoli istituzionali dove la voce del paziente deve contare sempre di più».

Il paziente esperto può diventare una guida per pazienti meno informati e meno consapevoli e un supporto anche per i medici e professionisti sanitari?

«Sicuramente sì in tutti e due i casi. Per gli altri pazienti perché quello “esperto” si fa, in qualche modo, portavoce anche delle istanze degli altri; non possiamo pensare che tutti i pazienti diventino esperti, è una scelta personale, ci sono anche pazienti che non vogliono essere esperti e hanno tutto il diritto di farlo. Allo stesso modo, però, è importante che ci siano delle persone che si prendano invece l’incarico di rappresentarne le reali necessità. Io, personalmente, lavoro molto con i clinici e quindi posso dire che all’inizio il rapporto con il medico può essere difficile ma poi il professionista stesso si rende conto del reale supporto che può dare il paziente esperto. È d’aiuto anche a lui, è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto».

Articoli correlati
«Come ridurre il rischio di commettere errori quando si prescrivono farmaci»
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Aifa presenta il primo “Atlante delle disuguaglianze sociali”: «Consumo farmaci maggiore in aree disagiate»
Il consumo dei farmaci antidepressivi è maggiore nelle aree del Nord e minore al Sud
Elezioni amministrative, ecco i professionisti della salute in corsa
Sono oltre 12 milioni gli elettori chiamati al voto per rinnovare i consigli comunali in più di 1100 comuni. Al voto anche la regione Calabria. Numerosi i medici e i professionisti sanitari tra i candidati
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco