Salute 6 Dicembre 2018

Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»

«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI

Immagine articolo

Patient Expert. Una nuova professione, valida ed innovativa, che nasce per “rappresentare” al meglio gli interessi dei pazienti, acquisire nozioni importanti sulla ricerca e lo sviluppo dei farmaci ed assumere un ruolo attivo nella propria malattia e non solo.

 ‘PAZIENTE ESPERTO’, PETRANGOLINI (PATIENT ADVOCACY LAB): «CITTADINO E CAREGIVER PORTANO UN CONTRIBUTO FONDAMENTALE PER EFFICACIA SISTEMA» 

Abbiamo incontrato Paola Kruger, a margine della presentazione del 1° corso EUPATI in italiano per pazienti esperti, coordinato dall’Accademia dei pazienti Onlus che si occupa di diffondere il progetto a livello nazionale. La dottoressa Kruger, tra i cinque italiani a conseguire la qualifica di Paziente Esperto con il corso europeo EUPATI, ha iniziato spinta da un grande desiderio di «formazione ed informazione», perché affetta da Sclerosi Multipla. Oggi, con il ruolo di paziente esperto, si fa portavoce delle istanze e dei bisogni di tutti i malati, durante i numerosi eventi istituzionali e settoriali a cui partecipa.

PAZIENTI ‘ESPERTI’, AL VIA 1° CORSO EUPATI IN ITALIANO. BUCCELLA (ACCADEMIA PAZIENTI): «AL SERVIZIO SOCIETÀ PER MIGLIORARE APPROCCI TERAPEUTICI»

Dottoressa, perché ha deciso di diventare un paziente esperto?

«Ho deciso di diventare paziente esperto perché quando arriva una diagnosi importante nella tua vita il tuo mondo cambia e vuoi capire di che cosa fa parte quel mondo. La necessità primaria è stata l’informazione e ho iniziato spinta da un grande desiderio di formazione. Il corso Eupati dà un’informazione completa su tutto il percorso di sviluppo di un farmaco e non solo: essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello».

Quali sono i vantaggi e i benefici che può portare una formazione specifica di questo tipo?

«Con il corso di formazione acquisisci un linguaggio che è quello degli sperimentatori, il linguaggio scientifico, che serve per veicolare le tue istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole e ti dà la possibilità di partecipare ai tanti tavoli istituzionali dove la voce del paziente deve contare sempre di più».

Il paziente esperto può diventare una guida per pazienti meno informati e meno consapevoli e un supporto anche per i medici e professionisti sanitari?

«Sicuramente sì in tutti e due i casi. Per gli altri pazienti perché quello “esperto” si fa, in qualche modo, portavoce anche delle istanze degli altri; non possiamo pensare che tutti i pazienti diventino esperti, è una scelta personale, ci sono anche pazienti che non vogliono essere esperti e hanno tutto il diritto di farlo. Allo stesso modo, però, è importante che ci siano delle persone che si prendano invece l’incarico di rappresentarne le reali necessità. Io, personalmente, lavoro molto con i clinici e quindi posso dire che all’inizio il rapporto con il medico può essere difficile ma poi il professionista stesso si rende conto del reale supporto che può dare il paziente esperto. È d’aiuto anche a lui, è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto».

Articoli correlati
Aifa, Bonaccini presidente ad interim. Il ministro Grillo firma le nomine del nuovo Cda
La regolare attività dell'Agenzia italiana del farmaco potrà riprendere già questa settimana. Il Consiglio d'amministrazione era fermo da circa due mesi dopo le dimissioni dell'assessore Venturi
Agenas, Lanzarin e Bevere nuovi vertici. Grillo: “Buone intese con Regioni”
La Conferenza Stato-Regioni ha approvato la nomina a Presidente dell'Agenas di Manuela Lanzarin e la conferma nell'incarico di Direttore Generale di Francesco Bevere, in carica dal 2014
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
“Liberiamoci dalla violenza”: primo centro pubblico in Italia per uomini autori di maltrattamenti. Ecco come funziona
Nato a Modena nel 2011 segue il modello norvegese: «I norvegesi - spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta del Centro - sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone