Salute 28 novembre 2018

‘Paziente esperto’, Petrangolini (Patient Advocacy Lab): «Cittadino e caregiver portano un contributo fondamentale per efficacia sistema»

«L’inesperienza del paziente è un alibi che oramai non funziona più. Il futuro è una sanità con tutti attori coinvolti in egual misura», così Teresa Petrangolini nota attivista civica ed ex consigliere regionale Lazio

Immagine articolo

Mettere al centro del sistema sanitario il paziente con i suoi bisogni ma anche, e soprattutto, con il suo know-how. È la prospettiva che Teresa Petrangolini, nota attivista civica, tra i fondatori di Cittadinanzattiva e direttore di Patient Advocacy Lab, si augura caratterizzi la sanità italiana del futuro. «Spesso si sente dire: ‘il paziente non c’entra’ nella dinamica di definizione di una politica sanitaria. Certo che c’entra, anzi c’entra moltissimo», spiega la Petrangolini ai microfoni di Sanità Informazione in occasione della presentazione del primo corso EUPATI in lingua italiana per ‘pazienti esperti’.

Per una sanità più efficace, per un sistema dove tutte le parti coinvolte abbiano in egual misura uno spazio d’azione «io ritengo si possano fare molte cose, ma una parte essenziale è la formazione». «Proprio in quest’ottica – prosegue la Petrangolini -, la qualifica di ‘paziente esperto’ è fondamentale per capire che esistono degli stakeholder che sono i pazienti stessi che hanno piena legittimità a sedere ai tavoli esattamente come i clinici o come i rappresentanti delle istituzioni».

LEGGI ANCHE: PAZIENTI ‘ESPERTI’, AL VIA IL 1° CORSO EUPATI IN ITALIANO. BUCCELLA (ACCADEMIA PAZIENTI): «AL SERVIZIO SOCIETÀ PER MIGLIORARE APPROCCI TERAPEUTICI»

Il ‘paziente esperto’ è una figura nata di recente e si riferisce a quel cittadino che decide di diventare da semplice ‘passeggero’ a ‘co-pilota’ per dialogare più da vicino con gli enti decisionali e avere parte attiva nell’ambito della sperimentazione clinica, aderenza ai trattamenti e rappresentatività dei risultati. «La verità è che il paziente molto spesso della sua malattia ne sa più che l’interlocutore stesso – prosegue la Petrangolini -. Infatti il cittadino (che sia malato o caregiver), portando il peso di una malattia, può portare delle “evidenze” legate al proprio punto di vista che è diverso da quello dei clinici, e interloquire quindi con le istituzioni per entrare nel merito di decreti, di provvedimenti, dei trials e di tutte le materie di cui si occupa la sanità. Quello del paziente è un punto di vista essenziale per fare le scelte giuste».

«L’esistenza dei ‘pazienti esperti’ offre la possibilità a tutti i cittadini di essere rappresentati con competenza – conclude -. Oggi non è più possibile utilizzare l’alibi dell’inesperienza del paziente, questa figura è fondamentale per il funzionamento ottimale del sistema».

 

Articoli correlati
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Come formare pazienti “esperti”? Ecco il corso promosso dall’Accademia dei Pazienti Onlus -EUPATI Italia
Dominique Van Doorne (Vice presidente Accademia Pazienti Onlus): «Il paziente , oggi, diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche nelle politiche sanitarie. È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore
Mazzariol (EUPATI-Accademia europea dei pazienti): «Anche il cittadino deve fare formazione medica per far parte del percorso di ricerca e cura»
«Una visione ‘paziento-centrica’ che mira al coinvolgimento totale del cittadino formato e informato per collaborare con medici e ricercatori» così Stefano Mazzariol, Paziente Esperto dell’European Patients’ Academy on Therapeutic Innovation
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...