Salute 2 Ottobre 2017

Novità sul contratto e nuovo ruolo della Medicina Generale: tutto questo al 74° Congresso Nazionale Fimmg-Metis

Rinnovo della Convenzione, meritocrazia e valorizzazione e soprattutto il ruolo della medicina generale nel sistema. Tutto questo al centro dei dibattiti protagonisti nel 74esimo Congresso nazionale Fimmg-Metis

Una Medicina generale da ricollocare all’interno di un sistema che per molti versi deve progredire e trasformarsi. Ha tracciato un bilancio della categoria in un’intervista al Sole 24 Ore, Silvestro Scotti, Segretario della FIMMG che proprio in questi giorni è impegnato nel 74° Congresso Nazionale Fimmg –Metis, dal titolo: “Dalla prestazione alla performance” in corso presso il Complesso Chia Laguna – Domus de Maria dal 2 all’8 ottobre 2017 a Cagliari.

«Il sistema ha bisogno degli strumenti contrattuali dei professionisti. C’è una coincidenza di rinnovo che riguarda un po’ tutti. – ha proseguito Scotti -. E c’è un indirizzo della nuova normativa sul pubblico impiego che non può essere ignorata: avendo sottolineato la necessità che i contratti incidano, anche sul piano della capacità retributiva, su livelli meritocratici, è chiaro che tutto il sistema deve tendere a quella valorizzazione».

L’appuntamento annuale della Federazione italiana dei medici di medicina generale vede la partecipazione di circa 1500 i medici provenienti da tutte le province italiane per approfondire e dibattere su tutti gli argomenti di grande interesse per la Federazione e di estrema attualità per i partecipanti«Attualmente i medici di medicina generale non hanno spesso la possibilità di divulgare dati e informazioni sulla propria capacità assistenziale. L’iniziativa nasce dunque per offrire questa opportunità e garantire una maggiore interattività e partecipazione ai temi congressuali proposti» si legge sul sito della FIMMG (Federazione italiana medici medicina generale).

La settimana congressuale si presenta ricca di appuntamenti e sarà articolata in tavole rotonde, corsi master, workshop e seminari. Il congresso tratterà la risposta della Medicina generale alla sfida delle cronicità: il bisogno di attuare percorsi integrati nella gestione dei pazienti, la necessità di monitorare i risultati dei professionisti e di confrontarli in un’ottica di miglioramento continuo delle performance. La manifestazione è un’opportunità di confronto e discussione anche sul delicato e ancora acceso tema dei vaccini obbligatori, nello specifico sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini anti-influenzali. Si parlerà anche dell’evoluzione della medicina generale – soprattutto nell’ambito delle patologie croniche – del ricambio generazionale, della formazione e dei piani terapeutici. Da segnalare le analisi e i dibattiti sulla responsabilità professionale del personale sanitario. Mercoledì 4 ottobre sono in programma gli interventi delle istituzioni, con i contributi – tra i tanti – del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, del Presidente del Comitato di Settore Regioni- Sanità Massimo Garavaglia, del Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle province autonome Antonio Saitta e del Presidente FNOMCeO Roberta Chersevani.

Qui il programma completo: www.fimmg.org

 

Articoli correlati
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
Tamponi rapidi dai medici di famiglia: sì all’accordo ma i sindacati sono divisi
Siglato l’accordo con la Sisac per l’effettuazione dei tamponi rapidi dai medici di famiglia. Raggiunta l’intesa con la medicina generale, contrari anche Smi e Cgil. Scotti (Fimmg): «Pronti ad assumerci ulteriori responsabilità, ma sempre nel rispetto della sicurezza»
Seconda ondata, quali errori sul territorio? La risposta di FIMMG
La riorganizzazione della medicina generale, la gestione della domiciliarità e le Usca. Il quadro tracciato dal Vicesegretario FIMMG, Domenico Crisarà
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...