Salute 8 Ottobre 2019

Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»

Pur non essendo un’aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n’è parlato al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi

La fibrillazione atriale è l’aritmia più diffusa tra la popolazione e la sua prevalenza tende a crescere con l’aumentare dell’età. Pur non essendo un’aritmia di per sé pericolosa per la vita, può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Si tratta di una condizione che colpisce in particolar modo il paziente anziano e per questo è stata oggetto di discussione durante al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, e Daiichi Sankyo. Ne abbiamo parlato con il dottor Maurizio Paciaroni, responsabile della Stroke Unit dell’Ospedale di Perugia.

Tra le patologie frequenti nel paziente anziano c’è la fibrillazione atriale, una malattia che può portare anche all’ictus. Cosa si può fare per tenere sotto controllo la patologia?

«Per prevenire l’ictus nel paziente con fibrillazione atriale bisogna utilizzare gli anticoagulanti orali. Soprattutto i nuovi anticoagulanti orali, usciti qualche anno fa, che si sono dimostrati efficaci e utili anche nella persona anziana che logicamente ha problematiche diverse rispetto ad un paziente più giovane, soprattutto per le terapie, perciò ci può essere un’interazione tra il farmaco e i farmaci delle patologie di cui soffre. Tuttavia, c’è anche un’altra cosa importante: un’interazione tra farmaco e malattia, perché il paziente anziano soffre di tante malattie, conseguentemente ci sono alcuni farmaci che possono essere utili per l’una, ma pericolosi per l’altra. Gli anticoagulanti diretti nei pazienti con fibrillazione atriale, rispetto al vecchio coumadin o al vecchio warfarin, si sono dimostrati più maneggevoli anche da questo punto di vista, nel senso che può essere utilizzato sia per le minori interferenze farmacologiche che per ridurre l’interferenza farmaco-farmaco anche in pazienti che soffrono di altre patologie».

Il problema è anche l’aderenza terapeutica, perché spesso i pazienti che hanno avuto ictus hanno anche un declino cognitivo. Cosa si può fare in questi casi?

«Sicuramente bisogna parlare con i caregiver, cioè ai familiari di questi pazienti, per far sì che obiettivamente la terapia venga fatta in maniera congrua. Poi possono essere utilizzati anche delle nuove tecnologie che possono in qualche modo risultare utili. Ad esempio processi computerizzati che possono avvertire i familiari del trattamento da fare in maniera corretta, ma non solo i familiari, anche persone che possono stargli vicino, penso ai badanti. Sicuramente c’è la possibilità di aiutare il paziente anziano».

Articoli correlati
Fibrillazione atriale, da Pechino dati incoraggianti: bassa incidenza di emorragie e di eventi cardiovascolari con l’edoxaban 
Dal registro globale ETNA-AF, i risultati real-world sui pazienti anziani europei affetti da fibrillazione atriale (FA) non valvolare trattati con edoxaban, ad un anno hanno dimostrato una bassa incidenza di emorragie potenzialmente fatali e di eventi cardiovascolari. Il programma globale ETNA-AF attualmente è il più ampio e completo registro di dati sull’utilizzo, l’efficacia e la sicurezza di un singolo anticoagulante orale diretto in pazienti con FA trattati nel “mondo reale”
Paziente anziano, Mantovani (Bicocca): «Nuovo paradigma sarà la gestione integrata»
Il Professore di Igiene e Salute Pubblica alla Biccoca di Milano crede nella possibilità di ridurre le ospedalizzazioni: «Abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli e permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale»
Prevenzione, il cardiologo Savonitto: «Pazienti cardiovascolari, ecco perché fare attività fisica è importante»
Il direttore della Cardiologia all’Ospedale Manzoni di Lecco traccia il quadro delle attività di prevenzione su ipertensione, ipercolesterolemia, diabete  e malattie del cuore: «Sull’ipertensione arteriosa è importante andare avanti nella terapia con degli obiettivi pressori che non sono molto diversi da quelli del soggetto più giovane»
Pazienti anziani, rischio cadute ridotto del 30% grazie a prevenzione e informazione. E al medico di famiglia
Il professor Carlo Tomino (San Raffaele): «Corretta attività fisica, alimentazione e relazioni sociali per vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Anziani, i consigli del geriatra Ungar: «Favorire la salute complessiva del paziente. Sì alla prevenzione per combattere ageismo»
«L’approccio geriatrico è un modo diverso di curare il paziente anziano» ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione, Andrea Ungar professore associato di Medicina Interna e Geriatria all'Università di Firenze, intervenuto al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...