Salute 21 Novembre 2018

Farmacia, il futuro della professione. Mandelli (FOFI): «Legge 2009 ha posto basi, ora lavorare su deospedalizzazione e rete tra attori sistema»

«Basta aprire una porta per trovare dietro al bancone un professionista che ti ascolta, questo è il farmacista, sempre sul territorio e accanto al cittadino». L’intervista a Andrea Mandelli in occasione dei 40 anni del SSN

Immagine articolo

Un professionista multitasking e iper accessibile sul territorio: questa la descrizione che Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti Italiani (FOFI), fa del farmacista del futuro. Una figura che ha un ruolo prioritario nel tessuto sanitario del Paese perché «basta aprire la porta di una farmacia e il professionista è lì, a portata di tutti, disponibile a interfacciarsi con le richieste del cittadino», prosegue il primo rappresentante della Federazione. Ad incrementare l’efficacia di questo professionista sanitario, colonna portante del Sistema sanitario nazionale, una rete d’interscambio che coinvolge tutti gli attori del sistema e che mette al centro il paziente e le sue necessità.

LEGGI ANCHE: FARMACISTI, MANDELLI (FOFI): «NON SOLO ‘DISPENSATORI DI FARMACI’, MA RIFERIMENTO PER LA SALUTE. LA FARMACIA DEI SERVIZI NOSTRO GRANDE IMPEGNO»

Presidente Mandelli, il Servizio sanitario nazionale ha compiuto 40 anni, in questi anni qual è stato il percorso del farmacista?

«Il farmacista in questi anni ha subito tante trasformazioni, il suo ruolo è stato molto importante nell’ambito del sistema e vogliamo che rimanga tale per i prossimi 40 anni. La sfida che vogliamo affrontare in futuro è quella che abbiamo cominciato con la legge sui servizi del 2009 (decreto legislativo 153/2009, in attuazione della legge 69/2009 ndr.), che garantisce una serie di prestazioni utili per il paziente e istituisce la farmacia dei servizi che rimane vicina all’utente ed è un vantaggio non solo per il paziente stesso ma anche per lo Stato. L’obiettivo è favorire la deospedalizzazione che porta vantaggi economici innegabili e l’evoluzione della professione va proprio in questa direzione. La farmacia dei servizi è la possibilità di coinvolgere il farmacista nell’aderenza alle terapie, quindi un cambiamento di paradigma che va di pari passo con la necessità di razionalizzare le spese proprio per permettere a questo SSN di festeggiare altri compleanni».

Nel futuro il farmacista può avere un ruolo ancor più centrale?

«Credo che sia ineludibile, è evidente che andare sul territorio non può prescindere dalla figura di un professionista iper-accessibile con cui ogni cittadino può venire in contatto: basta aprire la porta di ogni farmacia per trovare un farmacista che ti aiuta a risolvere un problema. Da sottolineare anche l’importanza di una rete che leghi altre figure come medici e infermieri all’interno dell’assistenza al paziente. Il ruolo del farmacista è definito e lo stiamo costruendo ogni giorno per renderlo sempre più efficace nell’assistenza al cittadino perché questa è la cosa più importante».

LEGGI ANCHE: ADERENZA TERAPEUTICA, CITTADINANZATTIVA: DAL 30% AL 50% DEI FARMACI NON SONO ASSUNTI IN MODO CORRETTO. IN UE OLTRE 194MILA DECESSI

La rete tra tutti gli attori del sistema a cui fa riferimento (farmacista, medico e professioni sanitarie) esiste già? Se sì, come renderla più forte?

«Ritengo che la rete tra professionisti è già di fatto sul territorio, ed è una normalità quando è a cuore le sorti del paziente. È prioritario concentrarsi sull’utente per risolvere il problema battendo gli steccati della professione per avvantaggiare l’assistenza. Io credo che i professionisti sul territorio già facciano rete e noi a livello centrale dobbiamo cercare di parlarci di più e trovare quelle soluzioni che, con un dialogo sereno e nel rispetto delle competenze di tutti, sono fondamentali per rimanere sempre al fianco del paziente, quindi l’obiettivo è sempre di più incrementare una sinergia del rispetto dei ruoli».

Articoli correlati
Lockdown e crisi delle farmacie, Contarina (Federfarma Roma e Lazio): «Senza aiuti, in molte non ce la faranno»
L’ex vicepresidente di Federfarma nazionale dipinge un quadro tutt’altro che rassicurante sulla situazione delle farmacie in Italia, anche loro danneggiate dalla crisi generata dalla pandemia Covid: «Non potevamo chiudere e spesso abbiamo lavorato in perdita. Nessun aiuto per noi, e c’è chi pensa che, in realtà, ci siamo anche arricchiti…»
Elezioni Federfarma e Sunifar: Cossolo confermato Presidente, Petrosillo al Sunifar
Si sono svolte oggi – con ottimi risultati sia in termini di partecipazione dei delegati sia di funzionamento delle piattaforme utilizzate per le votazioni in forma telematica – le elezioni per il rinnovo dei vertici di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta le farmacie private convenzionate con il SSN, e di Federfarma-Sunifar, che, all’interno di […]
Emergenza Covid e farmacie rurali, Pagliacci: «Abbiamo fatto tanto, ma ora sono stanca»
La Presidente uscente del Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali non si è ricandidata. «Ho contratto il virus. Quando ho lasciato la mia casa e sono stata portata in ospedale con l’ambulanza, pensavo che non sarei tornata»
Novara, accordo Comune – Ordine farmacisti: consegna gratuita mascherine in farmacia
Le mascherine sono in fase di distribuzione alle farmacie della città le quali, attraverso un applicativo realizzato da CSI-Piemonte ed utile per la scansione della tessera sanitaria provvederanno alla consegna delle stesse ai cittadini
Cossolo: «Grazie al Commissario Arcuri per le forniture di mascherine prodotte da filiera italiana»
«Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni odierne del Commissario Arcuri che ringrazio per aver esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana nel contesto emergenziale. I ringraziamenti rivolti alla […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...