Salute 21 novembre 2018

Farmacia, il futuro della professione. Mandelli (FOFI): «Legge 2009 ha posto basi, ora lavorare su deospedalizzazione e rete tra attori sistema»

«Basta aprire una porta per trovare dietro al bancone un professionista che ti ascolta, questo è il farmacista, sempre sul territorio e accanto al cittadino». L’intervista a Andrea Mandelli in occasione dei 40 anni del SSN

Immagine articolo

Un professionista multitasking e iper accessibile sul territorio: questa la descrizione che Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti Italiani (FOFI), fa del farmacista del futuro. Una figura che ha un ruolo prioritario nel tessuto sanitario del Paese perché «basta aprire la porta di una farmacia e il professionista è lì, a portata di tutti, disponibile a interfacciarsi con le richieste del cittadino», prosegue il primo rappresentante della Federazione. Ad incrementare l’efficacia di questo professionista sanitario, colonna portante del Sistema sanitario nazionale, una rete d’interscambio che coinvolge tutti gli attori del sistema e che mette al centro il paziente e le sue necessità.

LEGGI ANCHE: FARMACISTI, MANDELLI (FOFI): «NON SOLO ‘DISPENSATORI DI FARMACI’, MA RIFERIMENTO PER LA SALUTE. LA FARMACIA DEI SERVIZI NOSTRO GRANDE IMPEGNO»

Presidente Mandelli, il Servizio sanitario nazionale ha compiuto 40 anni, in questi anni qual è stato il percorso del farmacista?

«Il farmacista in questi anni ha subito tante trasformazioni, il suo ruolo è stato molto importante nell’ambito del sistema e vogliamo che rimanga tale per i prossimi 40 anni. La sfida che vogliamo affrontare in futuro è quella che abbiamo cominciato con la legge sui servizi del 2009 (decreto legislativo 153/2009, in attuazione della legge 69/2009 ndr.), che garantisce una serie di prestazioni utili per il paziente e istituisce la farmacia dei servizi che rimane vicina all’utente ed è un vantaggio non solo per il paziente stesso ma anche per lo Stato. L’obiettivo è favorire la deospedalizzazione che porta vantaggi economici innegabili e l’evoluzione della professione va proprio in questa direzione. La farmacia dei servizi è la possibilità di coinvolgere il farmacista nell’aderenza alle terapie, quindi un cambiamento di paradigma che va di pari passo con la necessità di razionalizzare le spese proprio per permettere a questo SSN di festeggiare altri compleanni».

Nel futuro il farmacista può avere un ruolo ancor più centrale?

«Credo che sia ineludibile, è evidente che andare sul territorio non può prescindere dalla figura di un professionista iper-accessibile con cui ogni cittadino può venire in contatto: basta aprire la porta di ogni farmacia per trovare un farmacista che ti aiuta a risolvere un problema. Da sottolineare anche l’importanza di una rete che leghi altre figure come medici e infermieri all’interno dell’assistenza al paziente. Il ruolo del farmacista è definito e lo stiamo costruendo ogni giorno per renderlo sempre più efficace nell’assistenza al cittadino perché questa è la cosa più importante».

LEGGI ANCHE: ADERENZA TERAPEUTICA, CITTADINANZATTIVA: DAL 30% AL 50% DEI FARMACI NON SONO ASSUNTI IN MODO CORRETTO. IN UE OLTRE 194MILA DECESSI

La rete tra tutti gli attori del sistema a cui fa riferimento (farmacista, medico e professioni sanitarie) esiste già? Se sì, come renderla più forte?

«Ritengo che la rete tra professionisti è già di fatto sul territorio, ed è una normalità quando è a cuore le sorti del paziente. È prioritario concentrarsi sull’utente per risolvere il problema battendo gli steccati della professione per avvantaggiare l’assistenza. Io credo che i professionisti sul territorio già facciano rete e noi a livello centrale dobbiamo cercare di parlarci di più e trovare quelle soluzioni che, con un dialogo sereno e nel rispetto delle competenze di tutti, sono fondamentali per rimanere sempre al fianco del paziente, quindi l’obiettivo è sempre di più incrementare una sinergia del rispetto dei ruoli».

Articoli correlati
Farmacie italiane: molte potenzialità, troppe inespresse. I risultati del “I rapporto annuale”
Il presidente di Federfarma-Sunifar: «Grazie ai grandi sforzi compiuti dai titolari delle farmacie rurali il servizio è omogeneo su tutto il territorio nazionale»
di Isabella Faggiano
Verona, il Diaday di Federfarma durerà un’altra settimana
È stata prorogata per un’altra settimana, fino a sabato 24 novembre, la campagna sanitaria “DiaDay” contro il diabete in 157 farmacie di Federfarma Verona. I cittadini potranno, in questo modo, continuare ad usufruire gratuitamente della misurazione gratuita della glicemia e conoscere qual è il proprio rischio di contrarre il diabete nei prossimi dieci anni. LEGGI ANCHE: […]
Sanità, joint venture Italia-Cina per connubio medicina cinese e occidentale
La medicina occidentale incontra la medicina tradizionale cinese con la prima partnership tra un gruppo ospedaliero italiano e la più importante casa farmaceutica di Pechino. E’ stata costituita l’azienda Tong Ren Tang Giomi S.r.l., con sede a Roma, frutto di una joint-venture tra il Gruppo Giomi e la società cinese Beijing Tong Ren Tang Europe […]
Omicidio Desirée Mariottini, spacciatore arrestato grazie a numero di targatura di un farmaco
Il 36enne romano che ha portato farmaci nell’edificio abbandonato di Via dei Lucani è stato arrestato dalla Squadra Mobile grazie al numero di targatura riportato sulla scatola di un medicinale. «L’arresto dello spacciatore che ha rifornito gli stupratori e assassini di Desirée Mariottini di un medicinale che questi hanno utilizzato per drogare la ragazza è […]
Giornata Mondiale del Diabete, LloydsFarmacie attiva campagna di screening
LloydsFarmacia, Gruppo ADMENTA Italia, conferma anche quest’anno il suo impegno nel prevenire e fronteggiare il Diabete, con la campagna di screening gratuiti disponibili per tutti, dal 12 al 18 novembre, in 91 farmacie a marchio LloydsFarmacia sul territorio italiano. La campagna è attivata in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, celebrata ogni anno il 14 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...