Salute 8 Maggio 2019 15:28

Farmaci orfani, OSSFOR: «Servono tavoli tecnici istituzionali su HTA dei piccoli numeri»

Spandonaro (Tor Vergata): «Cresce il consenso verso un maggiore utilizzo dell’Health Technology Assessment nel campo dei farmaci orfani e, in generale, delle tecnologie per le malattie rare, ma è indispensabile istituire tavoli tecnici e una task force che delinei i criteri di impiego»

di Lucia Oggiaunu

La governance delle malattie rare non può prescindere da un utilizzo diffuso delle valutazioni di Health Technology Assessment. È quanto emerso dalla conferenza stampa su farmaci orfani e malattie rare che si è recentemente svolta a Palazzo Madama. Per arrivare ad un equilibrio tra innovazione del mercato, reali bisogni di salute dei malati rari e portafoglio del Servizio Sanitario Nazionale, la metodologia HTA, utilizzata per valutare le prestazioni sanitarie sulla base di indicatori statistici, può essere infatti di fondamentale sostegno e forse la chiave di volta per una equa e giusta gestione delle risorse ed etica della decisione.

«La vera sfida – ha dichiarato la senatrice Paola Binetti nel corso dell’incontro – sta nel costruire protocolli di ricerca che rispondano a canoni paragonabili a quelli cui rispondono i farmaci in generale. È per questo che l’HTA deve ricevere un’attenzione particolare da parte dei decisori anche quando si tratta di numeri piccolissimi, con lo scopo di attivare modelli innovativi di ricerca che valorizzino il principio etico che non lascia solo nessun malato, ribadendo con forza il diritto alla salute per tutti».

Ma come conciliare l’HTA alle esigenze dei ‘piccoli numeri’? Ne abbiamo parlato con Federico Spandonaro, professore all’Università di Tor Vergata e presidente del consorzio per la ricerca economica in sanità, sulla base del secondo position paper dell’Osservatorio Farmaci Orfani (Ossfor), che riassume le analisi e le proposte per la ricerca delle modalità più adatte per applicare l’HTA ai ‘piccoli numeri’.

LEGGI ANCHE: “L’HTA PER LA SALUTE”, L’XI CONGRESSO SITHA. IL PRESIDENTE DERRICO: «ITALIA RIFERIMENTO IN EUROPA: RETE DI VALUTAZIONE DEL MINISTERO SALUTE È ECCELLENTE»

«Nei tavoli tecnici realizzati da Ossfor con panel di esperti – ha sottolineato il professor Spandonaro – è risultato evidente che non si possa prescindere dall’utilizzo dell’HTA anche nell’ambito delle malattie rare e in situazioni caratterizzate da ‘piccoli numeri’.  Oggi è quanto mai necessario organizzare una task force che ne delinei i criteri di impiego».

Fondamentale dunque il confronto continuativo tra tutti gli stakeholder e la consapevolezza che la ricerca di evidenze in medicina, nata per aiutare i decisori pubblici nelle scelte di politica sanitaria e costruita su metodi statistici, non può essere applicata per le patologie che colpiscono pochi pazienti.

LE PROPOSTE DI OSSFOR

In primo luogo, Ossfor ritiene sia opportuna la costituzione di un tavolo istituzionale e multi-professionale dedicato alle tematiche legate all’utilizzo dell’HTA e alla governance dell’accesso al mercato e al rimborso delle tecnologie.

Propone poi la raccolta di maggiori evidenze sulle preferenze sociali in tema di equa allocazione delle risorse pubbliche e, mediante un processo di consenso fra gli stakeholder del sistema per arrivare a produrre una raccomandazione sul tema consentendo di valutare tramite l’HTA l’impatto di farmaci e di tecnologie per il paziente raro in rapporto all’accessibilità alle cure.

LEGGI ANCHE: FARMACI ORFANI, 2° RAPPORTO OSSFOR FOTOGRAFA SETTORE IN SALUTE. IL COORDINATORE MACCHIA: «ORA POLITICA GARANTISCA STABILITA’ E NON TOLGA INCENTIVI»

Articoli correlati
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Testo unico malattie rare, 6 mesi sono già stati persi. Omar consegna una ‘road map’ alle istituzioni
Macchia (OMaR): «I tempi sono stretti, per questo abbiamo raccolto criticità e indicazioni che speriamo possano essere usati dalle istituzioni competenti per procedere con i decreti e regolamenti attuativi»
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...